Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Macchie della pelle: come eliminarle

Macchie della pelle: come eliminarle

Ultimo aggiornamento – 05 settembre, 2016

Macchie solari del viso
Indice

Le vacanze sono arrivate per la maggior parte di noi e con esse la voglia di sole e abbronzatura.

Molto spesso, però, al rientro notiamo sulla nostra pelle delle macchie scure, che si concentrano soprattutto in alcune zone del corpo, quali naso, labbro superiore e fronte, ma a volte possono essere più diffuse.

Spesso, sono dovute a una scarsa e inadeguata protezione solare durante l’esposizione: se esagerate e non vi proteggete, dovrete fare i conti con esse quando tornerete a casa.

Macchi solari: di cosa si tratta?

Queste macchie sono macchie di melasma, dovute a ipermelanosi, ovvero una concentrazione eccessiva di melanina, il pigmento che da colore alla nostra pelle e le permette di scurirsi con il sole. Le cause di queste macchie possono essere genetiche o ormonali, riconducibili all’assunzione di farmaci oppure ambientali, dovute appunto all’esposizione ai raggi ultravioletti.

Inoltre, il loro sviluppo è influenzato dagli estrogeni, ormoni femminili che aumentano in gravidanza o con l’uso della pillola anticoncezionale, e progesteroni, che quindi aumentano la possibilità di svilupparle.

Per fortuna, queste macchie non sono più un problema insormontabile. Con la perdita dell’abbronzatura le macchie si attenuano e nella maggior parte dei casi diventano invisibili se coperte leggermente con il trucco. Tuttavia, esistono dei veri e propri rimedi abbastanza efficaci per eliminarle, che dipendono dal tipo di cute e dall’estensione della macchia.

In generale, le macchie marroni o nere presentano un accumulo di pigmento più superficiale, cioè a livello dell’epidermide, mentre le macchie grigio bluastre sono dovute a una disposizione più profonda del pigmento a livello del derma. Maggiore è la profondità del pigmento, maggiore sarà la difficoltà nell’eliminazione della macchia.

Cosa è il melasma?

Il melasma rappresenta un tipico caso di iperpigmentazione locale della pelle, che interessa zone più o meno estese dell’epidermide. Il melasma compare spesso nelle donne in gravidanza, ed è per questa ragione noto con il nome maschera gravidica. 

In questi casi, la melanina si accumula nella pelle: i melanociti subiscono un’alterazione dei meccanismi di sintesi e producono una quantità eccessiva di pigmento melanico, facendo comparire macchie sulla cute, che assume un aspetto maculato.

Le chiazze brunastre hanno forma piuttosto irregolare, senza contorni molto definiti; spesse volte si distribuiscono a carta geografica su guance, fronte, mento, labbro.

I rimedi contro le macchi solari

  1. Prevenzione. L’uso di adeguati schermi solari durante tutto l’anno ma specialmente in vacanza aiuta a eliminare la causa delle macchie. È bene anche evitare terapie ormonali che accentuano il problema.
  2. Creme depigmentanti. È una terapia topica che in genere da buoni risultati. Le più efficaci sono quelle a base di idrochinone, una sostanza schiarente. In seguito alla visita dermatologica, il dermatologo prescriverà una ricetta da far preparare al farmacista con una concentrazione di questo principio che varia dal 2 al 4%. Ad esso si possono aggiungere, in percentuali variabili, i retinoidi topici. In alternativa, si possono usare creme a base di alfaidrossiacidi e vitamina C. In genere si applicano per alcuni mesi.
  3. Peeling. È un trattamento esfoliante a base sostante chimiche quali l’acido tricloracetico, che progressivamente schiarisce la lesione scura esfoliando la pelle e migliorando la condizione generale della cute. La effettua il dermatologo in laboratorio e ci vogliono da una a tre sedute, con un costo che varia dai 150 a 400 euro a seduta, in base alla zona da trattare.
  4. Laser. Si usano i tipi nd yag, alessandrite o erbium, che hanno lunghezze d’onda specifiche per colpire la melanina capaci di scomporre i legami molecolari della pelle scura che si sono iper-pigmentati e inspessiti, esfoliando i depositi di pigmento. Si esegue in ambulatorio dal dermatologo e sono necessarie da due a quattro sedute, per un costo dai 200 ai 400 euro l’una.

È bene tener presente che bisogna sempre consultare il dermatologo, l’unico in grado di effettuare una diagnosi precisa del livello di profondità ed estensione della macchia e definire il trattamento adeguato. Bisogna anche sottolineare che questi rimedi non sono applicabili su cuti infiammate e possono provocare alcuni effetti collaterali, quali irritazione, rossore, infiammazione.

Prendersi cura della propria pelle in vacanza e durante tutto l’anno è il primo passo per combattere questi spiacevoli inestetismi.

Mostra commenti
Gli esercizi per la riabilitazione della spalla
Gli esercizi per la riabilitazione della spalla
L’igiene intima dipende dalla rasatura dei peli pubici?
L’igiene intima dipende dalla rasatura dei peli pubici?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Autismo e diagnosi precoce: un test sulle pupille può predirlo?
Autismo e diagnosi precoce: un test sulle pupille può predirlo?
Sì a un bicchiere di vino a Natale, ma mai associato a questi cibi!
Sì a un bicchiere di vino a Natale, ma mai associato a questi cibi!
Mal di testa: 10 miti da sfatare
Mal di testa: 10 miti da sfatare
Gli uomini saranno sempre più alti?
Gli uomini saranno sempre più alti?