Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Musicisti Sordita

I musicisti rischiano la sordità. Tutta colpa della musica ad alto volume

Benedetta Borzillo | Blogger

Ultimo aggiornamento – 23 Maggio, 2014

I musicisti rischiano la sordità. Tutta colpa della musica ad alto volume

I musicisti professionisti rischiano la sordità. È quanto emerge da un recente studio pubblicato su Occupational & Environmental Medicine: chi fa musica per professione è esposto al rischio di sviluppare disturbi all’udito 4 volte più di chi non è musicista. La ragione? La sovraesposizione prolungata a suoni continui ed elevati è potenzialmente dannosa.

Lo studio

Per giungere a queste conclusioni, i ricercatori hanno visionato 3 milioni di cartelle cliniche, tra cui quelle di 2.227 musicisti professionisti. Tra i quasi 284mila casi di sofferenza uditiva anche severa, i musicisti di professione erano ben 238. Ma perché chi fa musica per professione rischia di rimetterci l’orecchio?

Musica: un fattore di rischio?

Le persone esposte in modo prolungato alla musica, evidenziavano un incremento della loro sensibilità uditiva. Nasce di qui l’abilità di riconoscere un range amplissimo di suoni e tutte le altre hard skill professionali, diciamo così, di un musicista professionista. Tuttavia, nasce così anche il rischio uditivo.

In modo lento, graduale e progressivo, il sistema uditivo dei musicisti professionisti può andare in stress da sovraesposizione e in sofferenza.
La professione di musicista può dunque portare a danni all’udito anche molto seri, come la perdita parziale della capacità di ascolto o persino la sordità. Passando, naturalmente, per i disturbi intermedi, come il fastidioso ronzio continuo, il tinnito, di cui i musicisti soffrono il 57% in più dei non musicisti.

Dispositivi protettivi

“Stando ai dati raccolti, i rischi di perdita dell’udito connessi alla continua esposizione alla musica, superano i benefici per lo sviluppo delle capacità di ascolto” concludono i ricercatori. Che parlano della sordità come di una vera e propria malattia professionale: “Visto il numero di musicisti professionisti colpiti da disturbi uditivi e la gravità della condizione cui vanno incontro, che porta a invalidità e grave perdita della qualità della vita, il fenomeno è di rilevanza per la salute pubblica”.

La soluzione potrebbe essere un’educazione al rischio per i professionisti, e l’adozione di dispositivi protettivi, che salvino l’udito dei musicisti. Cosa ne pensate?

 

Mostra commenti
Scoperto un nuovo test per predire il morbo di Alzheimer
Scoperto un nuovo test per predire il morbo di Alzheimer
Sei basso? Consolati, vivrai più a lungo
Sei basso? Consolati, vivrai più a lungo
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Dentifricio sui brufoli: ma funziona davvero?
Dentifricio sui brufoli: ma funziona davvero?
Isteroscopia diagnostica: un esame utile per tutte le donne
Isteroscopia diagnostica: un esame utile per tutte le donne