Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Nanomedicina Cura Tumore

La nanomedicina, una nuova speranza per la lotta contro il cancro

Andrea Salvadori | Blogger

Ultimo aggiornamento – 26 Marzo, 2014

La nanomedicina, una nuova speranza per la lotta contro il cancro

Una nuova strada sembra offrire nuove speranze per la lotta contro il cancro: è la nanomedicina, ovvero l’utilizzo di dispositivi tecnologici molto piccoli (da 1 a 100 nanometri, ovvero milionesimi di millimetro) per una diagnosi precoce della malattia e per la sua cura, in particolare per la leucemia mieloide acuta.

La presentazione di questa nuova applicazione clinica è avvenuta in occasione del World Cancer Day da parte dei ricercatori di 13 paesi europei, riuniti nella Piattaforma Europea di Nanomedicina (ETPN).  

In cosa consiste la nanotecnologia

L’applicazione della nanotecnologia consente di realizzare un test sul sangue che permette di evidenziare residui molto piccoli di malattia, che gli attuali esami di laboratorio non sono in grado di segnalare.
 
In particolare, la nanotecnologia individua le tracce di un biomarcatore della leucemia mieloide acuta, il WT1, sostanza che viene prodotta dall’organismo colpito dalla malattia. 
 
I sistemi attuali sono in grado di individuarlo solo quando raggiunge un determinato livello, detto soglia limite, che si sviluppa in uno stadio più avanzato della malattia, ovvero quando la persona è già malata, ma non presenta ancora sintomi.
 
Allo stesso modo, dopo il trattamento, quando i biomarcatori WT1 scendono di nuovo sotto la soglia minima, i comuni esami non possono stabilire se è avvenuta una completa guarigione del paziente o se vi sono ancora piccole tracce di malattia.
 
Come spiega il dottor Fabio Ciceri, coordinatore del team della Fondazione San Raffaele del Monte Tabor, il test è uno strumento importantissimo per la diagnosi precoce, per la valutazione del trattamento in corso e per i casi di recidiva.

Speranze per il futuro?

Il test è in via di realizzazione e in caso di successo porterebbe alla definizione di una nuova metodologia applicabile anche ad altri tipi di tumore, migliorandone la prognosi.

Mostra commenti
In compagnia? Meglio anche per il cuore
In compagnia? Meglio anche per il cuore
Le 5 regole per mantenere sani i capelli
Le 5 regole per mantenere sani i capelli
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Hanno inventato un collirio per vedere al buio
Hanno inventato un collirio per vedere al buio
Rosacea in estate: come comportarsi?
Rosacea in estate: come comportarsi?