Parkinson: la diagnosi precoce grazie a un tampone

Redazione

Ultimo aggiornamento – 15 Giugno, 2022

Cellula Colpita Dal Morbo di Parkinson in Primo Piano

Diagnosticare il Parkinson in maniera precoce sarà possibile, grazie a un tampone nasale. In questo modo sintomi lievi o gravi, che spesso conducono a danni cerebrali, non faranno la loro comparsa. Queste le previsioni di uno studio pubblicato sulla rivista Brain che ha rilevato nel naso dei pazienti a rischio la proteina alla base della malattia.

Diagnosi e terapia precoce del Parkinson

Lo studio, condotto tra Austria e Italia e diretto da Gianluigi Zanusso presso l'università di Verona, ha mostrato che già decenni prima che il Parkinson si manifesta, la proteina correlata al suo esordio, ossia l'Alfa-sinucleina, risulta presente nel naso dei pazienti a rischio.

Il Parkinson è la malattia neurodegenerativa più diffusa, che comporta progressivi problemi di movimento e deambulazione. I neuroni del paziente vengono infatti colpiti da un accumulo proteico di Alfa-sinucleina. Non a caso, infatti, sono stati avviati varie sperimentazioni su farmaci in grado di bloccare l'accumulo di tale proteina. 

Quando saranno sul commercio questi farmaci, si renderà inoltre necessario un esame diagnostico precoce, da effettuare cioè prima della comparsa dei primi sintomi, in modo da iniziare subito le terapie e stroncare sul nascere i gravi e irreversibili danni neuronali.

Ispirati dal tampone diagnostico di Covid-19 i ricercatori hanno quindi ideato un test nasale poco invasivo, che vada a ricercare la presenza di Alfa-sinucleina nella mucosa nasale.

Tampone per il Parkinson: risultati dello studio

Lo studio ha visto la partecipazione di 63 soggetti sani ma con un disturbo del sonno associato allo sviluppo di Parkinson; lo stesso tampone è poi stato effettuato su 59 pazienti sani e 41 malati di Parkinson.

Il 44% delle persone a rischio disviluppare il Parkinson, il 10% del gruppo di sani e il 46% dei parkinsoniani sono risultati positivi al tampone. La maggior parte dei positivi al tampone mostrava inoltre anche disturbi all'olfatto, ulteriore segnale di Parkinson. 

Il 10% dei positivi nel gruppo dei sani indicherebbe inoltre, per gli studiosi, una previsione: essi potrebbero infatti ammalarsi di Parkinson nei prossimi anni.

Resta, però, da tenere monitorati i soggetti sani e testare così la capacità di previsione del test e testare il tampone su campioni più ampi di soggetti.

Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Redazione Pazienti
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Attualità

1786 articoli pubblicati

a cura di Redazione Pazienti
Contenuti correlati
Donna che Soffre di Fibromialgia si Tocca il Collo Dolorante
Fibromialgia: una giornata per conoscerla e curarla

Il 12 maggio si celebra la giornata mondiale della fibromialgia, per far conoscere questa una patologia spesso trascurata. In questa puntata di Serotonina ne parliamo quindi con il professor con Piercarlo Sarzi Puttini, reumatologo e presidente dell'AISF.