Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Punture Insetto

Punture d’insetto: quando allarmarsi?

Marco Cicirello | Blogger

Ultimo aggiornamento – 05 Maggio, 2015

Punture d’insetto: quando allarmarsi?

La primavera ha aperto le porte a giornate da passare all’aperto, magari in montagna, in campagna o in altri luoghi in cui è possibile rientrare a contatto con la natura. Spesso però è proprio la natura a giocare alcuni scherzi non poco dolorosi. Sono più di cinque milioni gli italiani che ogni anno vengono punti da calabroni, vespe ed api: molti di questi sviluppano reazioni allergiche senza conoscerne bene le conseguenze.Conoscere le differenze tra i normali effetti di una puntura d’insetto e quelli di una vera reazione allergica non è cosa da poco: può esserci in gioco anche la nostra vita.

Su 100 italiani che vengono punti, da 1 a 8 sviluppano reazioni allergiche senza sapere a cosa vanno incontro. Le reazioni al veleno degli imenotteri possono essere diverse: alcune sono localizzate (dal 2,4% al 26%), altre invece sono sistemiche (dall’1% all’8,9%), coinvolgono i sistemi circolatorio e polmonare e possono condurre fino alla morte. In Italia, si stimano dieci casi ogni anno. Ecco perché da maggio diverse campagne di promozione cercheranno di sensibilizzare i cittadini italiani, rendendo noti fattori di rischio e pericolo per la salute.

Cosa fare in caso di puntura di ape?

Il pungiglione delle api è seghettato, e questo fa sì che dopo la puntura rimanga infilzato nella nostra pelle. Più resta attaccato al luogo della puntura, più veleno entra in circolazione: ecco perché è consigliabile estrarlo il prima possibile. Per farlo, è possibile usare anche l’unghia, eseguendo un movimento dal basso verso l’alto; attenzione a non schiacciarlo o all’uso di pinze, perché si rischia di comprimere il sacco velenifero e iniettare altro veleno. Dopo l’estrazione, applicare del ghiaccio.

Quando non allarmarsi

Una reazione può essere considerata normale se, dopo la puntura, si prova dolore, gonfiore, prurito e rossore in pochi centimetri.

Se la reazione cutanea supera i 10 cm e dura più di 3 giorni, un’altra puntura potrebbe essere più rischiosa?

Il 5-10% dei soggetti che hanno manifestato una reazione più estesa dopo una puntura di vespa, è a rischio di reazione generalizzata (ma deve arrivare la conferma dell’esame allergico).

E se le punture sono tante?

Se le punture sono parecchie, possono comparire reazioni tossiche con sintomi gravi anche 24-48 ore dopo le punture. Il loro numero, però, deve essere davvero molto elevato.

Chi ha avuto una reazione allergica alla puntura di ape, può averla anche a quella di vespe?

Se si è allergici al veleno di ape, non si corrono maggiori rischi con quello delle vespe. Sono pochi e sfortunati i casi di persone che sviluppano nuove allergie anche al veleno di vespa.

Quanto tempo dopo avere avuto una reazione generalizzata è possibile fare i test allergici?

E’ consigliabile fare le prove allergiche non prima di 3-4 settimane dalla comparsa della reazione.

Le allergie sono ereditarie?

Non è stata riscontrata una ben precisa familiarità nelle reazioni allergiche. Reazioni più frequenti sono individuabili nelle famiglie di apicoltori, ma giusto perché c’è maggiore contatti con le api.

Il calabrone è più pericoloso?

Sembra di sì, perché inietta più veleno.

Cosa fare in seguito ad uno shock anafilattico?

E’ necessario avvisare il 118 per avere assistenza e seguire il paziente per tutto il tempo necessario. L’adrenalina auto-iniettabile è uno dei rimedi solitamente prescritti dai medici, ma avere l’assistenza del 118 è comunque consigliabile.
Fare degli esami diagnostici, in ogni caso, è importante per avere una terapia corretta e adatta alla propria situazione. In questo caso il paziente può essere sicuro di avere con sé il farmaco giusto e vivere una vita tranquilla, senza avere la paura costante di essere esposto a punture d’insetto. Ovviamente un’immunoterapia specifica è valida solo per il veleno contro il quale ci si vaccina.

Esistono dei fattori che aumentano l’aggressività delle api?

Il sudore e l’anedride carbonica che emettiamo con la respirazione possono attirare gli imenotteri. La stessa cosa succede con spray e profumi. Colori scuri, movimenti bruschi o rumori possono eccitarli e innervosirli. Nei giorni ventosi, inoltre, i corridoi di volo si abbassano e rischiamo di essere più esposti alle loro punture.

Mostra commenti
Cinque interrogativi che ogni donna ha sul proprio seno
Cinque interrogativi che ogni donna ha sul proprio seno
La verità sull’acido clorogenico
La verità sull’acido clorogenico
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Hanno inventato un collirio per vedere al buio
Hanno inventato un collirio per vedere al buio
Rosacea in estate: come comportarsi?
Rosacea in estate: come comportarsi?