Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Quale argilla usare per contrastare la cellulite?

Quale argilla usare per contrastare la cellulite?

Ultimo aggiornamento – 03 giugno, 2021

Argille e Cellulite
Indice

La cellulite, la buccia d’arancia, gli accumuli di grasso e, più in generale, le imperfezioni della pelle sono problemi che accomunano praticamente tutte le donne.

Per tentare di ridurre o eliminare questi inestetismi della pelle, è bene cercare di mantenere uno stile di vita salutare, fare regolare esercizio fisico e seguire una dieta bilanciata. Ma non solo! 

L’applicazione dei fanghi all'argilla è uno dei rimedi più utilizzati ed efficaci per contrastare cellulite e inestetismi vari: contribuiscono, infatti, ad assorbire l’acqua dai tessuti corporei e a rimuovere tossine e scarti metabolici. Depurano la pelle in profondità e stimolano i naturali processi di rigenerazione dei tessuti, rendendo la pelle più elastica e levigata.

Ma quale argilla per la cellulite è più efficace? Esistono differenze tra le varie tipologie?

Argilla per la cellulite: quale scegliere?

Esistono diversi tipi di argilla, ciascuna con le sue proprietà e le sue indicazioni specifiche. Scopriamole insieme:

  • Argilla bianca – Detta anche caolino, è costituita in gran parte da alluminio e silice, ed è usata come base principale di tutti gli altri tipi di argille. L’argilla bianca viene utilizzata per contrastare il gonfiore addominale, l’acidità di stomaco ed è utile in caso di intossicazioni alimentari. Per un uso esterno, può essere impiegata come maschera di bellezza o come fanghi per contrastare la cellulite e le smagliature, grazie alle sue proprietà esfolianti, purificanti e astringenti.
  • Argilla gialla – Questo tipo di argilla contiene ferro, rame (da cui prende il colore giallognolo) e potassio: favorisce l’ossigenazione e la rigenerazione dei tessuti, prevenendo la stasi circolatoria e linfatica. Il suo uso è consigliato per rimuovere tossine e accumuli di grasso della cute.
  • Argilla rossa – Ideale per pelli sensibili e delicate, l’argilla rossa contiene ferro e alluminio, che conferiscono proprietà astringenti, depurative, antinfiammatorie e decongestionanti.
  • Argilla rosa – L’argilla rosa è utile a promuovere il rinnovamento cellulare, prevenire e contrastare le smagliature, le vene varicose e persino i capillari rotti.
  • Argilla verde – Costituita principalmente da silicio ed alluminio, ha un pH alcalino che gli dona proprietà disintossicanti, capaci di eliminare le tossine e gli scarti metabolici.
  • Argilla grigia – Possiede un’alta percentuale di silice, utile a rassodare e drenare la pelle e quindi a ridurre l’effetto buccia d’arancia.
  • Argilla viola – Questa tipologia è costituita da argilla bianca e un pigmento minerale di colore viola. Rispetto a tutti gli altri tipi di argilla è ricca di silice ed ha una concentrazione ridotta di minerali e oligoelementi. Aiuta a purificare e detergere la pelle secca, ne stimola la circolazione sanguigna, e ha un’azione esfoliante in grado di attenuare le smagliature.

Come si applica l’argilla sulla pelle

L’argilla si applica direttamente sulla pelle: la si stende sulla zona interessata dagli inestetismi, per poi coprirla con garze o pellicola  – quella comunemente utilizzata in cucina!

Ma qual è il tempo di posa dell’argilla? A seconda del tipo di argilla, deve essere lasciata in posa sulla pelle dai 30 ai 45 minuti, per permettere un'azione profonda.

Una volta concluso il tempo d’applicazione necessario, è bene rimuovere accuratamente il fango, sciacquando qualsiasi residuo con l’acqua fredda, per riattivare la circolazione sanguigna.

Per rendere la pelle ancora più levigata, si consiglia di rimuovere i residui di argilla applicando sulla cute uno scrub a base di argilla bianca, miele e latte, in modo che possa eliminare tutte le cellule morte  e le impurità residue.

I risultati delle applicazioni d’argilla dipendono dal grado di severità degli inestetismi, dal tipo di pelle ma anche e soprattutto da fattori legati allo stile di vita. Un ciclo di trattamento solitamente dura almeno 6 mesi e prevede, un’applicazione al giorno per i primi 10 giorni di trattamento. Nelle due settimane successive il numero delle applicazioni viene dimezzato, per poi ridursi ad una volta a settimana per mantenere i risultati ottenuti dai trattamenti.

Ricordiamo che l’argilla è un trattamento privo di effetti collaterali, fatta eccezione per eventuali reazioni allergiche. Insomma, un alleato prezioso in vista della stagione estiva e della prova costume!

Mostra commenti
Quali sono i sintomi della mancanza di calcio?
Quali sono i sintomi della mancanza di calcio?
Cure per l'acne: cosa sono i retinoidi, quando usarli e cosa aspettarsi
Cure per l'acne: cosa sono i retinoidi, quando usarli e cosa aspettarsi
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Dimmi come mangi e ti dirò chi sei
Dimmi come mangi e ti dirò chi sei
Convulsioni o crisi epilettiche? Impariamo a distinguerle
Convulsioni o crisi epilettiche? Impariamo a distinguerle
Isterectomia: un fattore di rischio per malattie cardiache, cancro e morte prematura?
Isterectomia: un fattore di rischio per malattie cardiache, cancro e morte prematura?
Sistema immunitario: come influisce sulla personalità
Sistema immunitario: come influisce sulla personalità