Sei un professionista sanitario? Iscriviti
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery

Cerca

Chiudi
Specialità
Città
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery
Sei un professionista sanitario? Iscriviti

Ritardare l’arrivo del diabete? Ci sono (buone) notizie

Ritardare l’arrivo del diabete? Ci sono (buone) notizie

Solo il 10% di tutti i diabetici soffre di diabete di tipo 1. Bambini e adolescenti, soprattutto. Il motivo? Un difetto del sistema immunitario: gli anticorpi prodotti dall’organismo attaccano e distruggono le cellule Beta del pancreas, deputate alla produzione di insulina.

Il risultato è un azzeramento dell’insulina stessa, dunque un mancato regolamento della presenza del glucosio nel sangue.

Poche sono le alterative terapeutiche, se non l’insulina a vita. C’è un modo per ritardare l’insorgere di questa patologia? Secondo i risultati di un recente studio sì. Ecco perché.

Ritardare l’insorgere del diabete: teplizumab funziona

Prevenire no, non è possibile. Ma per ritardare l’insorgere della malattia vi sono delle buone speranza. Uno studio presentato al Congresso Americano del Diabete (ADA) ha mostrato l’efficacia di un farmaco già utilizzato per il trattamento di alcune malattie autoimmuni: teplizumab. Secondo quanto emerso, infatti, riuscirebbe a ritardare l’arrivo della patologia di due o più anni, in quei soggetti considerati ad alto rischio, come i fratelli o i figli di persone già affette da diabete di tipo 1.

Per condurre la ricerca, già pubblicato sul New England Journal of Medicine, sono state reclutate 76 persone, con età compresa tra gli 8 e i 49 anni: tutti individui considerati ad altissimo rischio, ma non ancora diabetici. I partecipanti sono stati così suddivisi in due gruppi: al primo è stato somministrato il farmaco, al secondo una semplice dose di placebo. Tutti sono stati monitorati con estrema regolarità da un punto di vista glicemico.

Ottimi i risultati, alta la soddisfazione dei ricercatori. Durante lo studio, solo il 43% dei pazienti trattati con teplizumab ha sviluppato il diabete, contro il 72% di coloro che avevano assunto placebo. Soprattutto, sono stati i tempi a essere sensibilmente diversi: la linea mediana è stata di più di 24 mesi per il gruppo placebo e oltre 48 per il gruppo farmaco. Insomma, più tempo guadagnato e meno casi tra chi aveva preso il farmaco.

È la prima volta che c’è una evidenza che il diabete di tipo 1 può essere ritardato con interventi precoci – ha commentato la dr.ssa Lisa Spain, promotrice dello studio – Si tratta di risultati importanti, in modo particolare per i giovani con parenti già malati, che potranno trarre beneficio da un intervento precoce“.

Buone notizie: si attendono le conferme definitive

Non è la prima volta che si tenta l’utilizzo del teplizumab, è importante sottolinearlo. In passato, infatti, questo farmaco era già stato utilizzato in individui con una diagnosi recente di diabete di tipo 1 con risultati incoraggianti anche in questo caso: era stata dimostrata la sua capacità di rallentare la perdita di cellule Beta del pancreas.

Per la prima volta, però, lo studio ha dimostrato l’efficacia dell’utilizzo del teplizumab in persone che ancora non avevano sviluppato la malattia.

Insomma, se è presto per cantare vittoria, questo risultato – hanno spiegato gli autori – Dimostra che i decenni di ricerca nello studio del diabete di tipo 1 può portare a trattamenti promettenti. Adesso aspettiamo il passo successivo”.

Certo, ritardare la comparsa del diabete di tipo 1 non significa prevenire. Ma non possiamo negare si tratti di una buona notizia per tutti quei pazienti obbligati all’insulina a vita.

comments powered by Disqus