Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Saltare i pasti aumenta il rischio di diabete

Saltare i pasti aumenta il rischio di diabete

Ultimo aggiornamento – 18 ottobre, 2016

saltare i pasti: causa di diabete
Indice

Chiunque cerchi di perdere peso sa che è necessario limitare la quantità di calorie che si assumono, ma il quanto e il quando limitare le calorie può fare la differenza.

Cosa comporta saltare i pasti?

Uno studio recente, condotto presso l’Ohio State University, ha rivelato che saltare i pasti non solo porta a un aumento di peso addominale, ma può anche portare allo sviluppo di insulino-resistenza nel fegato.

Questo supporta l’idea che l’assunzione di piccoli pasti durante la giornata può essere utile per la perdita di peso, anche se ciò può non essere pratico, per molte persone“, ha affermato in un comunicato Martha Belury, docente di nutrizione umana presso l’Ohio State University.

La Belury ha poi così proseguito: “Sicuramente non è opportuno saltare i pasti per evitare le calorie, poiché in questo modo si sottopone il corpo a grandi fluttuazioni di insulina e glucosio; il che potrebbe significare che si sta accumulando grasso invece di perdere grasso“.

Cosa ha evidenziato la ricerca?

Belury e i suoi colleghi, per la ricerca, hanno diviso alcuni topi in due gruppi: a un gruppo è stata fatta seguire una dieta ristretta e all’altro gruppo è stata imposta un’alimentazione senza restrizioni.

I topi del primo hanno ricevuto la metà delle calorie che sono state date al secondo gruppo nei primi tre giorni, prima di avere ulteriori calorie aggiunte.

Anche se i topi nel gruppo della dieta ristretta hanno inizialmente perso più peso rispetto a quelli del gruppo della dieta senza restrizioni, hanno poi riguadagnato quel peso non appena le calorie sono state di nuovo aggiunte nella loro dieta.

Alla fine dello studio, il peso del primo gruppo era simile a quello del secondo gruppo. Ciononostante, i topi della dieta ristretta avevano guadagnato più peso attorno al loro addome.

Il peso attorno al tronco dei topi è stato paragonato al grasso della pancia negli esseri umani, che è spesso associato all’insulino-resistenza e a un più alto rischio di sviluppare diabete di tipo 2 e altre malattie cardiache.

Con i topi, consiste nel farli abbuffare e poi farli digiunare”, spiega Belury, che continua: “La gente non lo fa necessariamente nel corso di un periodo di 24 ore, ma alcune persone mangiano un solo grande pasto al giorno. In condizioni in cui il fegato non è stimolato da insulina, l’aumento della produzione di glucosio nel fegato implica che il fegato non sta rispondendo ai segnali che lo inducono a interrompere la produzione di glucosio. Questi topi non hanno ancora il diabete di tipo 2, ma non stanno più rispondendo all’insulina e lo stato di insulino-resistenza è indicato come prediabete “.

Quali sono state le ulteriori scoperte della ricerca?

Con la prosecuzione dello studio, i topi hanno sviluppato l’abitudine di rimpinzarsi, il che ha provocato l’esaurimento della quantità giornaliera di cibo in circa quattro ore e il digiuno forzato per le rimanenti 20 ore della giornata.

L’alternanza tra il rimpinzarsi e il digiunare ha portato, nei topi, a un picco e a un successivo grave calo di insulina, alternanza che provoca una varietà di problemi metabolici.

I topi del gruppo della dieta ristretta hanno spesso accusato un innalzamento dell’infiammazione e una maggiore attivazione di quei geni che portano alla memorizzazione di molecole di grasso e cellule adipose prevalentemente nel tronco.

Anche se i topi che alternavano il rimpinzarsi e il digiunare avevano circa lo stesso peso del corpo dei topi del secondo gruppo e i loro depositi adiposi erano più pesanti“, ha aggiunto Belury, che ha poi affermato: “Se si introduce più di zucchero nel sangue, il tessuto adiposo è ben contento di prendere il glucosio e immagazzinarlo. Ciò rende felice una cellula di grasso, ma non è affatto quello che noi vogliamo; noi vogliamo invece che queste cellule riducano il proprio tessuto adiposo“.

Uno studio simile è stato condotto presso il Research Institute Oregon (ORI) e ha rilevato che saltare i pasti o limitare il numero di calorie che si consumano ogni giorno può effettivamente rendere il cibo-spazzatura più attraente.

Quando sono state mostrate immagini di cibo-spazzatura (ma appetitosi) agli adolescenti che avevano tenacemente frenato le proprie abitudini alimentari, l’imaging cerebrale ha mostrato un picco di iperattività.

Quindi, non importa il motivo: saltare i pasti priva il corpo dei nutrienti essenziali.

Mostra commenti
Super food per perdere peso
Super food per perdere peso
Infezioni delle vie urinarie: i consigli dell’esperto
Infezioni delle vie urinarie: i consigli dell’esperto
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
10 trucchi per nascondere la cellulite (provare per credere)
10 trucchi per nascondere la cellulite (provare per credere)
Menopausa precoce: che fare?
Menopausa precoce: che fare?
Gluten-free: non sempre fa bene alla salute
Gluten-free: non sempre fa bene alla salute
Dal Pap test all’Hpv test: un nuovo metodo di screening del tumore all’utero
Dal Pap test all’Hpv test: un nuovo metodo di screening del tumore all’utero