Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Scabbia: i rischi reali della malattia

Scabbia: i rischi reali della malattia

Ultimo aggiornamento – 24 Giugno, 2015

La scabbia non è un’infezione, come potrebbero far pensare i sintomi, bensì un’infestazione dovuta a un piccolo artropode, il Sarcopter scabiei o acaro della scabbia, che infesta sia gli esseri umani sia gli animali. Se entra in contatto con la pelle, la femmina dell’acaro vi penetra, scavando vere e proprie gallerie (cunicoli scabbiosi) nelle quali deposita le sue uova, estendendo in questo modo l’infezione. Una volta depositate le uova, la femmina dell’acaro non si muove più, rifugiandosi in un cunicolo dove può vivere fino a due mesi. La scabbia è endemica in tutto il mondo e colpisce persone di tutti i livelli socio-economici, senza distinzione di età o sesso, risultando negli ultimi anni in deciso aumento rispetto ad alcuni decenni addietro [1].

Quali sono i sintomi della scabbia?

I sintomi compaiono diversi giorni dopo l’infestazione in quanto risultato dell’azione delle difese immunitarie. Il prurito è il sintomo più comune e fastidioso e può essere accompagnato dalla formazione di vesciche, corrispondenti alle zone dove vengono deposte le uova, che possono diventare dolorose per la reazione di difesa del sistema immunitario alla presenza di corpi estranei.

La scabbia può svilupparsi ovunque sulla pelle. Gli acari, tuttavia, preferiscono annidarsi in alcune parti del corpo. I luoghi più facilmente infestati sono mani e braccia. Gli acari amano scavare nella pelle tra le dita e intorno alle unghie, i gomiti e i polsi. Prediligono anche le zone di solito coperte: glutei, vita e genitali [2].

La scabbia nei bambini

Alcuni bambini sviluppano la scabbia praticamente in tutto il corpo, comprese le piante dei piedi e il cuoio capelluto. I bambini che hanno la scabbia sono molto irritabili e spesso non vogliono mangiare o dormire, perché il prurito diventa insopportabile soprattutto di notte, tenendoli svegli.

Scabbia crostosa

Chiamata anche scabbia norvegese, la scabbia crostosa è la forma più grave e si verifica quando l’infestazione è portata da un numero particolarmente elevato di acari. Sono particolarmente colpite le persone con un sistema immunitario debole, come gli anziani o i pazienti farmacologicamente immunodepressi, perché la scarsa risposta immunitaria non contrasta in modo efficace lo sviluppo delle uova. Colpisce soprattutto chi vive in comunità, come cliniche o centri di assistenza e, per quanto possa sembrare strano, anche quando le condizioni igieniche sono curatissime.

Un segno comune di scabbia crostosa sono proprio le croste diffuse sulla pelle. Queste croste tendono a essere di spessore e sbriciolano facilmente quando sono toccate [3].

Come si prende e cosa provoca un’epidemia?

Il contagio avviene soprattutto per contatto diretto tra le persone e, per questo, la scabbia è considerata una malattia sessualmente trasmissibile.

Il contagio per via aerea o per via indiretta, ad esempio entrando in contatto con indumenti infestati, è meno probabile perché l’acaro non vive più di un paio di giorni a contatto con l’aria. La scabbia è considerata una malattia dovuta alla scarsa igiene, cosa vera solo in parte perché essendo contagiosa per contatto può manifestarsi anche in ambienti igienicamente ben tenuti. Sono gli ambienti promiscui che favoriscono la diffusione da persona a persona e lo scoppio di epidemie. Clinicamente, la scabbia è ritenuta una malattia endemica perché piccole epidemie si verificano ciclicamente ogni 30 anni circa.

Quali sono i rischi di contagio?

Il rischio maggiore è legato al contatto diretto tra una persona sana e una infestata. Il modo più comune di contagio avviene con i rapporti sessuali anche perché le zone genitali sono le preferite dagli acari. Meno probabile il contagio per via indiretta, anche se non sono da escludere casi di trasmissione dopo aver maneggiato indumenti personali di soggetti malati [4].

Come viene trattata?

Dal punto di vista medico, la scabbia viene trattata come le malattie infettive, con misure di igiene e profilassi che coinvolgono tutti i familiari e le persone a stretto contatto.

Sotto il profilo igienico, si raccomanda di lavare molto spesso indumenti e biancheria di casa utilizzati dalla persona infestata, tenendoli separati da quelli utilizzati per il resto del nucleo familiare. Bisogna inoltre porre molta attenzione all’igiene personale, facendo doccia o bagno tutti i giorni e lavandosi spesso le mani.

Il trattamento della scabbia è di tipo farmacologico, basato su creme e pomate antiparassitarie specifiche, soprattutto a base di benzile benzoato o permetrina.

Bastano, di solito, un paio di trattamenti per debellare la scabbia, ma vanno seguite delle regole importanti [5]:

  • la crema deve essere passata su tutto il corpo, a eccezione della testa, non solo nella zona dove compaiono i sintomi;
  • prima della somministrazione, il corpo deve essere ben lavato e asciutto e a temperatura corporea normale. Umidità e calore, infatti, rendono meno efficace il trattamento.

Fonti

[1] Scabies Slideshow: Symptoms, Cause, and Treatments http://www.webmd.com/skin-problems-and-treatments/ss/slideshow-scabies-overview

[2] Scabies: Signs and symptoms https://www.aad.org/dermatology-a-to-z/diseases-and-treatments/q—t/scabies/signs-symptoms

[3] Scabies http://www.medicinenet.com/scabies/page2.htm

[4] Scabies: Who gets and causes https://www.aad.org/dermatology-a-to-z/diseases-and-treatments/q—t/scabies/who-gets-causes

[5] Treating scabies http://www.nhs.uk/Conditions/Scabies/Pages/Treatment.aspx

 

Mostra commenti
Creatività e psicosi: un possibile collegamento
Creatività e psicosi: un possibile collegamento
7 modi per non cedere alla fame nervosa
7 modi per non cedere alla fame nervosa
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Cosa mangiare con l’influenza (e cosa no)
Cosa mangiare con l’influenza (e cosa no)
Perché gli attacchi di asma vengono di notte?
Perché gli attacchi di asma vengono di notte?
I giorni dopo una rinoplastica: la verità che non ti aspetti!
I giorni dopo una rinoplastica: la verità che non ti aspetti!
Come migliorare la concentrazione: la parola all’esperto
Come migliorare la concentrazione: la parola all’esperto