Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. I temporali possono causare attacchi d’asma: ecco come

I temporali possono causare attacchi d’asma: ecco come

Ultimo aggiornamento – 29 novembre, 2016

temporale e asma: qual è la connessione?
Indice

La scorsa settimana si sono registrati moltissimi casi di asma a Melbourne, in Australia, che hanno portato diverse persone in ospedale. Un allergologo spiega le motivazioni scientifiche che sottostanno a tale curioso fenomeno.

Come può un temporale essere collegato all’asma?

La maggior parte delle storie dell’orrore sui temporali, ha a che fare coi fulmini. Ma la tempesta selvaggia che ha colpito Melbourne la settimana scorsa, ha trasformato il mortifero immaginario che è solito accompagnare i temporali, in modo diverso – dal momento che questo ha indotto gli attacchi di asma –.

Secondo l’Associated Press, “la tempesta di lunedì ha causato una pioggia di granelli di polline fradici che sono esplosi e si sono dispersi sulla città, causando la penetrazione delle piccole particelle di polline in profondità nei polmoni“. Circa 8.500 persone finite in ospedale per il trattamento di problemi respiratori; e finora sei persone sono morte.

Ma come può un evento meteorologico ordinario aver causato attacchi d’asma in così tante persone?

Non è a causa del tuono o del fulmine”, sostiene Clifford W. Bassett, il fondatore e direttore medico di Allergy and Asthma Care di New York, “ma è il flusso di allergeni nell’aria in una tempesta che porta alla cosiddetta ‘asma temporale’. Le particelle dell’erba di grano allergizzanti vengono spazzate all’aria e ricadono giù, rilasciando del polline, che può causare un attacco di asma,continua il dr. Bassett; la pioggia e le grandi raffiche di vento aiutano dunque a diffondere il polline.

Per chi è geneticamente predisposto all’asma, l’esposizione a una così alta concentrazione di allergeni può portare a una grave reazione, sostiene il Dr. Bassett, anche in quelli che non hanno mai avuto un attacco prima. L’Associated Press ha riferito che circa un terzo dei pazienti ricoverati a Melbourne ha affermato, infatti, che questo è stato il loro primo attacco d’asma.

Sebbene l’asma temporale sia un fenomeno raro, ci sono stati casi segnalati in altri Paesi, tra cui anche l’Italia, il Regno Unito, il Canada e gli Stati Uniti (con particolare riferimento alla città di Atlanta).

Il Dr. Bassett si aspetta che questi fenomeni diventino più comuni, dal momento che il riscaldamento globale porta a stagioni più calde, che consentono una maggiore esposizione al polline e di conseguenza portano a un maggior rischio in generale delle reazioni allergiche e dei sintomi d’asma.

Se sai di avere l’asma, sappi anche che ci sono modi per proteggersi contro questo bizzarro fenomeno“, sostiene il Dr. Bassett. Egli suggerisce di consultare un allergologo e di preparare con lui un piano per gestire i fenomeni asmatici in caso di severo attacco d’asma.

Gli 8 fattori scatenanti dell’asma e come evitarli

  1. Animali domestici – Fino al 30% delle persone colpite da asma sono allergici al pelo di cani e altri animali domestici, secondo l’ACAAI. Se non potete allontanarvi dal vostro animale domestico, tenetelo fuori dalla camera da letto, fategli il bagno una volta a settimana e lavatevi accuratamente le mani dopo averlo coccolato.
  2. Fumo – Il fumo irrita i rivestimenti delle vie aeree, il che le rende più suscettibili a un attacco di asma. Quindi non permettete a nessuno di fumare in casa o in auto, e cercate di non utilizzare stufe a legna o caminetti.
  3. Acari della polvere – Fino al 90% delle persone con asma allergica è sensibile agli acari. Utilizzate un aspirapolvere con filtro HEPA, che intrappola le piccole particelle che altri filtri mettono in ricircolo, e acquistate biancheria da letto (lenzuola & co.) in materiale allergeno-resistente (o utilizzate la normale biancheria lavandola in acqua calda quanto più spesso possibile).
  4. Muffa – Mantenete l’umidità nella vostra casa al di sotto del 50% per evitare il crescere della muffa, che può scatenare un attacco di asma e sistemate tubi e rubinetti che perdono, non appena notate un problema. Se l’asma è grave, tenete le piante all’esterno.
  5. Aria fredda – L’aria fredda può astringere le vie respiratorie, soprattutto per le persone con asma. Quando siete all’aperto in inverno, coprite il naso e la bocca con una sciarpa.
  6. Deodoranti a spina da camera – Questi dispositivi possono rilasciare ozono e composti organici volatili (COV), sostanze che possono irritare le vie respiratorie.
  7. Gas di scarico – Se si dispone di un garage collegato alla propria casa, non avviare la macchina lasciandola accesa per troppo tempo mentre siete ancora nel garage. I fumi automobilistici possono farsi strada in casa e irritare i polmoni.
  8. Scarafaggi e topi – Il problema non sono solo loro, ma anche quello che si lasciano alle spalle. Dopo aver chiamato un disinfestatore per ratti e insetti, ricordate di lavare i piatti subito dopo aver mangiato, e svuotate il cestino spesso, per prevenire il ritorno di questi sgraditi ospiti.
Mostra commenti
Smartphone: sono loro i nuovi responsabili dell’aumento dell’insonnia?
Smartphone: sono loro i nuovi responsabili dell’aumento dell’insonnia?
Tutto ciò che dovreste sapere sul Lichen planus
Tutto ciò che dovreste sapere sul Lichen planus
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Mai più senza frutta e verdura viola nel piatto
Mai più senza frutta e verdura viola nel piatto
Tiroide: sale sì, ma solo iodato
Tiroide: sale sì, ma solo iodato
Tutte le cause della stanchezza eccessiva
Tutte le cause della stanchezza eccessiva
Il Baobab: dall’Africa il frutto amico dell’intestino
Il Baobab: dall’Africa il frutto amico dell’intestino