Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Scoperto un nuovo test per predire il cancro 13 anni prima

Scoperto un nuovo test per predire il cancro 13 anni prima

Ultimo aggiornamento – 06 Maggio, 2015

Cosa accadrebbe se riuscissimo a predire la comparsa di un tumore con anni di anticipo? La risposta potrebbe essere ben presto data. Negli Stati Uniti, infatti, un gruppo di ricercatori dell’Università di Harvard e della Northwestern è riuscito a realizzare un nuovo test diagnostico capace di valutare 13 anni prima l’eventuale comparsa di una neoplasia, con una precisione del 100%.

La notizia

La notizia, diffusasi da poco, sta facendo il giro del mondo. Pare che i ricercatori abbiano analizzato i piccoli cambiamenti che avvengono nelle persone, già anni prima che insorga la malattia. La causa sarebbe legata a un invecchiamento precoce e rapido di una delle regioni terminali del cromosomi, il telomero, che evita mutazioni del Dna. Se i telomeri dei pazienti esaminati risultano invecchiati, allora di certo manifesteranno un tumore.

La fisionomia dei telomeri

La fisionomia dei telomeri cambia a ogni ciclo replicativo delle cellule, accorciandosi e invecchiando. Nei soggetti colpiti da tumore, i telomeri sono più corti e vecchi del normale. Questo processo di invecchiamento tende però a bloccarsi 4 anni prima dello sviluppo del tumore.

La risposta nei telomeri

Un esame dello stato di salute e della lunghezza dei telomeri è dunque rivelatore. Nello studio, il team di ricerca ha misurato per 13 anni i telomeri di 792 persone, valutandone il comportamento. Come previsto, 135 pazienti si sono ammalati di diversi tipi di cancro.

Il comportamento dei telomeri è stato per tutti i pazienti malati lo stesso: un rapido accorciarsi e invecchiare per poi bloccarsi 3-4 anni prima che il tumore comparisse.

Insomma, una grande scoperta che potrebbe radicalmente modificare i procedimenti di diagnosi dei tumori, salvando la vita a migliaia di persone.

 

Mostra commenti
Perché troppo Facebook può farci sentire tristi
Perché troppo Facebook può farci sentire tristi
Nuovi dispositivi 3d per curare gravi malattie respiratorie
Nuovi dispositivi 3d per curare gravi malattie respiratorie
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Lividi immotivati? Tutte le cause a cui fare attenzione
Lividi immotivati? Tutte le cause a cui fare attenzione
Psoriasi tra miti e leggende: 5 cose da sapere sulla malattia
Psoriasi tra miti e leggende: 5 cose da sapere sulla malattia
Carenza di vitamina D: un fattore di rischio per la sclerosi multipla
Carenza di vitamina D: un fattore di rischio per la sclerosi multipla
Il tecno-stress: tutta colpa degli eccessi della tecnologia
Il tecno-stress: tutta colpa degli eccessi della tecnologia