Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Perché dovremmo iniziare ad assumere rabarbaro

Perché dovremmo iniziare ad assumere rabarbaro

Ultimo aggiornamento – 14 novembre, 2019

A cosa fa bene il rabarbaro: usi e proprietà
Indice

Il rabarbaro è una pianta erbacea presente in tutte le stagioni, utilizzata principalmente come digestivo. Usata fin dal 2700 a.C. in Cina, è originaria del Tibet e della Cina stessa, ma oggi è ormai diffusa in tutto il mondo. Perché i benefici del rabarbaro sono molti. Quindi, a cosa fa bene il rabarbaro? Eccolo spiegato.

Cos’è il rabarbaro

Il rabarbaro appartiene alla famiglia delle Polygonaceae e cresce spontaneamente tutte le stagioni in Europa e Asia. Comprende circa 60 specie diffuse e ha l’aspetto del sedano, con coste verticali che si estendono per tutta la lunghezza e culminano in grandi foglie di colore verde, tranne che per il sapore amaro: la più nota specie di rabarbaro è quello Cinese (Rheum palmatum).

Il nome “rabarbaro” deriva dal greco e significa pianta dei barbari, proprio perché originaria del Tibet e della Cina. Le proprietà del rabarbaro sono davvero innumerevoli: questa pianta è infatti ricca di sali minerali tra cui calcio, ferro, fosforo, magnesio e selenio, oltre a contenere molte vitamine del gruppo B, K e J e beta-carotene.

Proprietà del rabarbaro

Ai fini alimentari, la parte commestibile e che si usa maggiormente è lo stelo rossastro ottimo per marmellate o come additivo in bevande tonico-digestive. La cosa a cui fare attenzione è però l’uso delle foglie: queste, infatti, a causa dell’elevato contenuto di acido ossalico, irritano la mucosa intestinale e favoriscono la formazione dei calcoli renali. Non solo. L’utilizzo delle foglie in dosaggi elevati risulta addirittura tossico. Quando è assunto a dosaggi bassi, il rabarbaro ha diverse proprietà.

Le principali proprietà del rabarbaro sono:

  • Digestivo, poiché stimola la secrezione dei succhi gastrici e della bile grazie alla presenza di reina
  • Astringente, poiché contiene tannini
  • Lassativo, grazie agli antrachinoni, in quantità più elevante
  • Dimagrante, poiché è una delle verdure a più basso contenuto calorico e, inoltre, stimola il metabolismo dei grassi
  • Antiage
  • Migliora la circolazione sanguigna grazie al ferro e al rame
  • Favorisce l’abbassamento del colesterolo
  • Utile in caso di scottature e ferite
  • Protegge le ossa grazie alla vitamina K e al calcio

Quando e come assumere il rabarbaro

In linea generale, va assunto solo in presenza di episodi di stitichezza occasionali poiché l’uso continuativo di questa pianta provoca assuefazione, con conseguente minore efficacia e peggioramento della stipsi. È consigliato infatti non superare un’assunzione maggiore alle 8/10 volte in modo continuativo, ma mantenersi dai 2 ai 4 mg per chilo di peso corporeo con assunzione serale. Il rabarbaro si può assumere come:

  • Tintura madre
  • Estratto secco nebulizzato
  • Infuso, preparato con 5 gr di rabarbaro essiccato e 2 gr di bicarbonato di sodio
  • Liquore, ottimo digestivo

A cosa fare attenzione

La maggior parte delle controindicazioni del rabarbaro, come detto precedentemente, sono legate al suo uso eccessivo che causa effetti contrari a quelli previsti.

Si passa da un effetto altamente lassativo, con conseguente perdita allarmante di molti liquidi, ad un effetto a volte pericolosamente tossico. A coloro che hanno problemi gastrointestinali (coliti), per i bambini sotti i due anni, le donne in gravidanza e allattamento, è sconsigliabile l’utilizzo di questa radice.

La soluzione migliore? Farsi guidare dal proprio medico e rispettare le dosi create ad hoc.

Mostra commenti
Come coagula il tuo sangue?
Come coagula il tuo sangue?
Tumore al pancreas: sarà la seconda causa di morte entro il 2030
Tumore al pancreas: sarà la seconda causa di morte entro il 2030
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
10 trucchi per nascondere la cellulite (provare per credere)
10 trucchi per nascondere la cellulite (provare per credere)
Menopausa precoce: che fare?
Menopausa precoce: che fare?
Gluten-free: non sempre fa bene alla salute
Gluten-free: non sempre fa bene alla salute
Dal Pap test all’Hpv test: un nuovo metodo di screening del tumore all’utero
Dal Pap test all’Hpv test: un nuovo metodo di screening del tumore all’utero