icon/back Indietro Esplora per argomento

Cane Carlino, tutto sulla razza da salotto tra le più amate

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 26 Aprile, 2023

Ecco un focus sulla razza di cane Carlino

Il Carlino, cane da compagnia, appartiene a una delle razze più amate e popolari. Simpatico, affettuoso, intelligente e molto sensibile, ama interagire con la famiglia e la tranquillità di casa. Il suo lato testardo può venir fuori in qualche caso, ma resta pur sempre un amico solare, giocherellone e dal buon temperamento. 

Tuttavia, sebbene accogliere il Carlino in casa sia sicuramente un'esperienza piacevole e arricchente, bisogna considerare alcuni aspetti legati alla salute di questa razza. Il Carlino richiede un'attenzione particolare e cure specialistiche nel caso in cui dovessero manifestarsi i diversi disturbi di cui, per una questione genetica e di selezione, può soffrire.

Scopriamo di più sulla razza Carlino, il suo aspetto, le caratteristiche della personalità, le cure di cui ha bisogno.

Aspetto del cane Carlino

La caratteristica più evidente del Carlino è il suo muso. Un muso schiacciato, tondo e largo (brachicefalia) che ne caratterizza i tratti rendendolo buffo e simpatico, anche per gli occhi che tendono a sporgere.

La conformazione del muso causa però anche i loro tipici problemi di salute, come quelli respiratori. L'arcata dentaria inferiore sporge oltre quella superiore. Un altro tratto che rende unico questo cane sono le sue rughe profonde intorno agli occhi scuri.

I Carlini sono cani di taglia piccola, ma la loro struttura fisica è robusta e muscolosa. Il loro peso si aggira tra i 14 e i 18 chili per un'altezza tra i 25,4 e i 35,56 centimetri.

Il colore del pelo, liscio e corto, può variare tra il nero, il fulvo con sfumature argento o albicocca. Il mantello può essere mascherato o bicolore.

Cura del pelo, toelettatura e igiene

I Carlini hanno un pelo liscio, corto e doppio. Tendono a perderne parecchio in casa, soprattutto in estate. Ecco perché è importante mantenerne la cura con spazzolature e bagni regolari, anche mensili, che aiutano a ridurne al minimo la dispersione.

Un'altra forma di cura che va osservata è il taglio delle unghie, che tendono a crescere più copiose di quelle di altri cani che trascorrono più tempo all'aperto. Senza dimenticare la pulizia delle orecchie, da ripetere almeno ogni due settimane.

Un'accortezza da osservare: dopo il bagno, è bene asciugare le pieghe sul muso del Carlino che possono sviluppare infezioni, se lasciate umide o sporche. Per fare questa operazione si possono usare batuffoli di cotone asciutto oppure salviette specifiche.

Carlino

Altri punti deboli del Carlino sono anche i denti e gli occhi. Gli occhi molto sporgenti sono soggetti a lesioni oculari, a infiammazioni e irritazioni. È bene controllarli per assicurarsi che non siano arrossati o lacrimanti.

Come molte razze di piccola taglia, il Carlino può essere soggetto a malattie gengivali. Una spazzolatura regolare dei denti con uno spazzolino morbido e un dentifricio per cani aiuta a prevenirne i problemi.

Caratteristiche e carattere del Carlino

I Carlini sono cani molto entusiasti e giocherelloni, ma anche molto dignitosi. Intelligenti, dolci e sensibili, amanti dei loro amici umani di cui chiedono le attenzioni, se non ne ricevono ne soffrono a lungo andare. Il Carlino è molto presente, con un bisogno costante di compagnia, anche dei bambini o di altri animali, se abituati sin da cuccioli. 

In casa vivono bene, soprattutto sul divano o in braccio, essendo cani molto sedentari, oltre che per le loro dimensioni che li rendono adatti ai piccoli spazi.

Possono essere buoni cani da guardia ma non sono cani avvisatori e non tendono ad abbaiare. D'altra parte, però, i Carlini possono diventare rumorosi a modo loro perché ansimano, sbuffano e russano rumorosamente.

Non tollerano temperature calde ed elevata umidità per via del loro muso corto. Fuori casa, se il clima è troppo caldo, è bene controllare che non vi siano eventuali segni di surriscaldamento

Salute del Carlino

Le condizioni di salute della razza di cane Carlino sono motivo di preoccupazione per i loro proprietari. Ma non è detto che tutti i Carlini siano soggetti alle più comuni malattie e disturbi di cui soffre la razza. Tuttavia è importante esserne consapevoli e conoscerle, soprattutto per sapere come comportarsi qualora qualcuna di queste problematiche si presenti.

Ecco quali sono:

  • Encefalite: malattia infiammatoria del sistema nervoso centrale che causa sintomi quali convulsioni, disturbi della deambulazione e depressione. Essendo stato identificato il cromosoma responsabile, è possibile valutare il rischio attraverso i test genetici.
  • Ulcere corneali: a causa degli occhi grandi e sporgenti, il Carlino può sviluppare ulcere sulla cornea. Osservare se tende a strizzare gli occhi o se questi appaiono arrossati e lacrimanti. In questo caso, è bene contattare subito il veterinario. Le ulcere corneali non trattate possono portare alla perdita della vista.
  • Cheratite pigmentaria: una condizione che causa macchie nere sulla cornea che può causare cecità, se estesa. Il veterinario può prescrivere farmaci che aiutano a dissolvere il pigmento e a mantenere gli occhi umidi.
  • Problemi alla parte esterna degli occhi: i grandi occhi sporgenti causano problemi oculari, tra cui la proptosi (protrusione del globo oculare)e la distichiasi (una crescita anomala delle ciglia che sfregano contro contro l'occhio); atrofia retinica progressiva (una malattia degenerativa della retina che causa cecità); entropion (rotazione della palpebra verso la parte interna dell'occhio), occhio secco (si verifica quando gli occhi non producono abbastanza lacrime).
  • Allergie: alcuni Carlini sono tendenti allo sviluppo di allergie, da quelle di contatto a quelle alimentari. I segnali da osservare, sono il leccarsi le zampe o lo strofinarsi il muso.
  • Emivertebre: le razze a muso corto come i carlini, i bulldog e i bulldog francesi possono presentare malformazioni vertebrali che non hanno una causa nota. Il disturbo può colpire alcune vertebre senza causare problemi particolari, in altri invece possono causare problemi di mobilità. Alcuni cani possono addirittura peggiorare col tempo fino alla paralisi. Per evitare questo esito, può aiutare l'intervento chirurgico.
  • Displasia dell'anca: deformità dell'articolazione dell'anca che colpisce le razze di taglia piccola, media e grande per cause diverse, tra cui la genetica, l'ambiente e l'alimentazione. Con le giuste cure veterinarie, i Carlini possono vivere una vita normale.
  • Malattia di Legg-Perthes: anche questa colpisce l'articolazione dell'anca delle razze toy causando zoppia e atrofia dei muscoli delle zampe nei cuccioli tra 4 e 6 mesi. Questo problema può essere corretto con un intervento chirurgico. 
  • Lussazione Rotulea: si verifica quando la rotula e i legamenti scivolano lateralmente e verso l'esterno del ginocchio. Questa condizione può diventare invalidante.
  • Sovrappeso: attenzione alla linea del Carlino. Questa razza di cani adora mangiare e tende a ingrassare. Quindi è bene mantenere moderazione e nutrire il cane con porzioni adeguate.

Quanto costa il Carlino

Un cucciolo testato e con pedigree può costare tra le 1300 e le 1500-2000 euro. Quando si vuole prendere un cane di razza, ci si dovrebbe rivolgere ad allevamenti che assicurano i test dei cani da riproduzione per evitare l'insorgenza di malattie genetiche.

Condividi
Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

a cura di Dr. Valerio Guiggi
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Cane

482 articoli pubblicati

a cura di Dr. Valerio Guiggi
Contenuti correlati
Esemplare di cane egiziano
Cane dei Faraoni: cosa sapere sul cane egiziano

Cane dei Faraoni: anche noto come cane egiziano è una razza originaria dall'Egitto con caratteristiche molto particolari, che è bene conoscere.

Cane crestato cinese che gioca
Cane crestato cinese: caratteristiche e cura

Il cane crestato cinese è una razza canina dall'aspetto particolare, ma cosa sapere prima di prenderne uno? Eccone i principali tratti fisici e caratteriali.

icon/chat