Salto dei gatti: curiosità e consigli

Elena Fazio | Web Content Editor

Ultimo aggiornamento – 16 Aprile, 2024

Due gatti saltano insieme da un divano all'altro

I gatti sono celebri per i loro grandi salti e per la loro capacità di atterrare rapidamente senza farsi del male

Come fanno i mici a saltare così in alto e come comportarsi in caso di cadute del gatto da altezze elevate come il decimo piano di un edificio? 

Scopriamolo in questo articolo.

Quanto saltano in alto i gatti

I gatti sono noti per i loro impressionanti salti, che possono raggiungere altezze notevoli rispetto alla loro dimensione corporea. 

In media, un gatto domestico può saltare fino a cinque o sei volte la sua lunghezza corporea in un singolo balzo. 

Questo significa che un gatto medio, con una lunghezza corporea di circa 18-20 pollici (45-50 centimetri), potrebbe essere in teoria in grado di saltare fino a 9-10 piedi (circa 2,7-3 metri) in altezza.

Tuttavia, è importante notare che la capacità di saltare dei gatti può variare notevolmente da individuo a individuo e dipende da diversi fattori, tra cui la razza, l'età, la forma fisica e il livello di allenamento

Alcuni gatti possono essere in grado di saltare più in alto di altri, mentre altri potrebbero preferire correre o arrampicarsi anziché saltare.

Inoltre, i felini possono adattare la loro tecnica di salto in base alla situazione e agli ostacoli presenti nell'ambiente circostante. 


Potrebbe interessarti anche:


Possono utilizzare una serie di movimenti, compresa una spinta iniziale con le zampe posteriori seguita da una flessione del corpo e una spinta finale con le zampe anteriori per raggiungere altezze impressionanti.

In definitiva, i mici sono straordinariamente abili nel salto e possono compiere acrobazie sorprendenti che li aiutano a cacciare, esplorare il loro ambiente e sfuggire al pericolo con agilità e destrezza.

Perché i gatti hanno l’esigenza di saltare

I felini saltano per una serie di motivi, principalmente legati ai loro istinti naturali, al loro comportamento di caccia e al loro bisogno di esplorazione. 

Ecco alcune ragioni per cui i gatti saltano:

  • caccia: i gatti sono predatori naturali e il loro istinto di caccia è forte. Saltare consente loro di acquisire vantaggio sulle loro prede, consentendo loro di raggiungere luoghi elevati da cui possono osservare il loro ambiente e individuare potenziali prede;
  • esplorazione: i gatti sono creature curiose e amano esplorare il loro ambiente. Saltare consente loro di raggiungere luoghi altrimenti inaccessibili, come mensole, armadi o alberi, per soddisfare la loro naturale curiosità e investigare il loro territorio;
  • esercizio fisico: saltare è un modo per i gatti di esercitare i loro muscoli e mantenere la loro agilità e flessibilità. Questo è particolarmente importante per i gatti domestici, che potrebbero non avere la stessa opportunità di esercizio che avrebbero in natura;
  • comunicazione: i gatti possono saltare per comunicare con altri animali o con i loro proprietari. Ad esempio, saltare su un tavolo o un ripiano potrebbe essere un modo per attirare l'attenzione o per esprimere felicità o soddisfazione;
  • territorio: saltare su luoghi elevati può essere una forma di marcatura territoriale per i gatti. Occupare posizioni elevate consente loro di sentirsi più sicuri e dominanti nel loro ambiente.

undefined

In definitiva, i gatti saltano per una combinazione di motivi legati alla loro natura e al loro comportamento innato

Saltare fa parte integrante della vita di un gatto e rappresenta un modo importante per loro di esplorare, cacciare, esercitarsi e comunicare con il mondo che li circonda.

Perché il gatto non si fa male quando salta

I gatti sono noti per la loro abilità di saltare senza farsi male, e ciò è possibile grazie a 6 fattori principali, propri del fisico felino, vediamoli di seguito:

Agilità e coordinazione

I gatti sono estremamente agili e coordinati. Grazie a queste caratteristiche, sono in grado di valutare rapidamente distanze e altezze, pianificare il loro salto e adattarsi ai cambiamenti improvvisi nell'ambiente circostante. 

Propriocezione

I felini hanno un senso della propria posizione nel mondo notevolmente sviluppato, noto come propriocezione. 

Questo senso del corpo consente loro di valutare con precisione il loro posizionamento durante il salto e di regolare i loro movimenti di conseguenza, riducendo il rischio di cadute o lesioni.

Bilanciamento

I gatti utilizzano la loro coda e i muscoli del corpo per mantenere l'equilibrio durante il salto. 

La coda svolge un ruolo importante come bilanciatore durante il volo del gatto, aiutandolo a mantenere una traiettoria stabile e riducendo il rischio di cadute o sbilanciamenti.

Forza muscolare

I muscoli delle zampe posteriori dei gatti sono estremamente potenti e sono responsabili della maggior parte della spinta durante il salto. 

Questi muscoli forniscono loro la forza necessaria per sollevare il corpo in aria e raggiungere altezze considerevoli.

Tendini elastici

i gatti hanno tendini estremamente elastici che agiscono come molle, immagazzinando energia mentre il gatto si prepara a saltare e la rilasciano rapidamente durante il salto per aumentare l'efficienza e l'altezza del salto. 

Questo aiuta a ridurre lo stress sulle articolazioni e sul corpo durante l'atterraggio.

Reazioni veloci

I riflessi e le reazioni dei felini sono molto veloci e consentono loro di correggere rapidamente la loro traiettoria di salto o di adattarsi a cambiamenti improvvisi nell'ambiente, riducendo così il rischio di incidenti.

In sintesi, i gatti sono maestri nell'arte del salto grazie alla loro combinazione di agilità, coordinazione, forza muscolare, sensibilità e riflessi veloci

Questi fattori lavorano insieme per consentire al micio di saltare con sicurezza e senza rischiare lesioni significative.

Cosa fare se il gatto salta giù dal balcone e quando preoccuparsi

Se un gatto dovesse tuttavia saltare da un'altezza considerevole, come il decimo piano di un edificio, ci sono diverse ragioni per preoccuparsi e agire prontamente

Ecco alcuni accorgimenti da tenere a mente se questo dovesse accadere:

  • lesioni gravi o fatali: un salto da un'altezza così elevata può causare lesioni gravi o fatali al gatto. Questo potrebbe includere fratture ossee, traumi interni, danni agli organi interni e lesioni cerebrali. Anche se i gatti hanno un riflesso di orientamento, che può ridurre il danno durante una caduta, un'alta altezza aumenta significativamente il rischio di lesioni fatali a causa dell’accelerazione di gravità dovuta alla grande altezza;
  • emergenza veterinaria: se un gatto cade da un’altezza significativa, è essenziale portarlo immediatamente dal veterinario per una valutazione e un trattamento adeguati. Anche se sembra non avere lesioni esterne evidenti, potrebbe avere lesioni interne o traumi, da valutare con una radiografia, che possono richiedere cure immediate;

undefined

  • monitoraggio post-caduta: dopo una caduta da un’altezza così elevata, è importante monitorare attentamente il gatto per eventuali segni di lesioni o disagio. Questi possono includere zoppia, difficoltà respiratorie, letargia, perdita di appetito, vomito, diarrea o comportamenti anomali. Se il gatto manifesta uno qualsiasi di questi sintomi, è fondamentale contattare immediatamente il veterinario;
  • prevenzione di future cadute: dopo un’esperienza così traumatica, è importante prendere misure per prevenire ulteriori cadute. Ciò potrebbe includere la supervisione più attenta del gatto quando è all’aperto o la creazione di un ambiente domestico più sicuro, ad esempio installando protezioni alle finestre o impedimenti che evitino l’accesso del gatto a balconi o terrazze.

Da notare, tuttavia, che in un appartamento con il balcone non è opportuno aspettare che possa verificarsi un avvenimento del genere: è infatti molto importante prevenirlo fin da subito, quindi considerare la possibilità di mettere in sicurezza il balcone con una rete; in questo modo il gatto potrà uscire all’esterno in sicurezza, evitando incidenti anche potenzialmente fatali.

Elena Fazio | Web Content Editor
Scritto da Elena Fazio | Web Content Editor

Laureata in Comunicazione, Media e Pubblicità, con specializzazione in Scienza e Salute. Dopo aver collaborato con associazioni no profit in ambito sanitario e psico-oncologico, al momento sono Junior Web Content Editor presso pazienti.it e mi occupo della redazione e scrittura di articoli in chiave SEO. Profondamente affascinata da temi inerenti il benessere e la salute che mirano a fornire informazioni autorevoli ai lettori, guidandoli nelle scelte per raggiungere uno stato di benessere psico-fisico quotidiano.

a cura di Dr. Valerio Guiggi
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Elena Fazio | Web Content Editor
Elena Fazio | Web Content Editor
in Gatto

74 articoli pubblicati

a cura di Dr. Valerio Guiggi
Contenuti correlati
tanti gatti
Quanti gatti ci sono al mondo?

Gatti nel mondo, quanti ce ne sono? Ecco la risposta che rivela quanti gatti esistono al mondo, perché sono così numerosi, le razze più comuni e più rare.

Un gatto triste
Gatto triste: sintomi, cause e possibili soluzioni

Un gatto triste si riconosce per la presenza di sintomi precisi, ma quali sono le cause di tale condizione e quali soluzioni adottare? Vediamolo insieme.

icon/chat