Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Calcolo Renale

Come si tratta un calcolo renale?

Salve, a metà marzo ho avuto la mia prima colica renale. Da tac smc eseguita 2 giorni dopo, è stata rilevata la presenza di un calcolo di 4 mm a livello del meato ureterale e di un altro calcolo di circa 3 mm localizzato nel gruppo caliceale inferiore. Dopo 6 giorni dalla tac, ho espulso un calcolo (sicuramente quello che si trovava nell'uretere e che mi ha portato alla colica) senza troppi fastidi. Da un'ecografia di controllo, il medico ha rilevato la presenza di un calcolo di 3-4 mm a livello dei calici superiori. È possibile che il calcolo si sia spostato dai calici inferiori a quelli superiori? Essendo l'ecografia un'analisi strumentale operatore dipendente, posso pensare che il medico si sia sbagliato in merito alla localizzazione del calcolo stesso? Oppure questo davvero si è spostato così tanto? Ho continui fastidi al fianco. Attualmente sto bevendo quasi 2 litri d'acqua Fiuggi al giorno. L'idea di dover avere un altro episodio di colica renale mi terrorizza. Stavo pensando di assumere tisane di erba spaccapietre. Grazie per l'attenzione. Saluti.

Buongiorno,
la migrazione di un minuscolo calcolo (3 mm) è sempre possibile anche grazie all'iperidratazione, a meno che non si tratti di un calcolo di nuova formazione; consiglio un piccolo screening nefrologico per la valutazione dei fattori litogeni plasmatici e urinari; nel frattempo, utile l'iperidratazione per os (con qualunque tipo di acqua) e, dopo la valutazione ematochimica, l'introduzione in terapia di farmaci a base di citrato di potassio e magnesio con eventuale bicarbonato (dopo valutazione nefrologica) che fungono da inibitori della cristallizzazione.  Lascerei perdere tisane che non hanno alcuna efficacia se non quella di arricchire chi le vende.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Bruno Corradi
Dr. Bruno Corradi
(0)
Lodi - Strada Statale 9,km 298.5 Circonvallazione Lodi Sud,
Altre risposte di questo specialista
Aneurisma sottorenale: come va trattato?
Buongiorno,  è molto importante monitorare le dimensioni dell'aneurisma nel tempo, se stabile alle dimensioni di 35 x 30 mm, non vi è indicazione all'intervento...
Dolore ai reni: di cosa si potrebbe trattare?
Buongiorno,  nel tuo caso, è necessario un attento esame obiettivo fisico per escludere che il dolore riferito ai reni non sia in realtà una
Insufficienza renale: come trattarla?
Buongiorno,  in presenza di ipertensione arteriosa, da anni in terapia farmacologica, con diabete T2, vi può essere una nefroangiosclerosi ipertensiva e/o una
Incisura corticale al rene: come trattarla?
Buongiorno, l'incisura corticale può essere una variante anatomica, ma in presenza di calcoli, di solito rappresenta un esito cicatriziale di pielonefrite.    Utile se...
Soldesam: utile per l'insufficienza cortico surrenale?
Buongiorno, il Desametasone (Soldesam) è indicato nelle affezioni acute come antinfiammatorio, antiasmatico, antiallergico,  ma per la sua breve durata di azione, non...
Vedi tutte

Risposte simili

Diabete, ipertensione e proteinuria molto alta: come curarli?
La proteinuria elevata indica una condizione di nefropatia diabetica, che è curabile tenendo sotto controllo il diabete: se la...
Dolore al fianco fino all'inguine associato a nausea: qual è la causa?
Se sei una donna, potrebbe trattarsi di un ovaio o una salpinge che, in fase di ovulazione o per flogosi o per...
Rimozione dello stent: si fa anestesia?
Si tratta di un'operazione che non necessita di anestesia generale, ma di assistenza con una blanda sedazione. Saluti