Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Cambiare Asilo

Se un bambino non si trova bene nella scuola che frequenta, è meglio trasferirlo?

Salve, mio figlio di 4 anni a settembre ha iniziato la scuola materna (mai fatto nido). Lui è intelligente, attento, solare, ma l'ultimo mese di scuola è stata una tragedia: non voleva andare, piangeva per un nonnulla mi dicevano le maestre, partecipava solo alle attività iniziali, poi era un costante "no" con disturbo molesto degli altri compagni (parole delle maestre) e per questo mi hanno convocata chiedendomi che metodo usare con lui perché le avevano provate tutte, ma dopo la merenda delle 10.15 lui non voleva più fare nulla di proposto, ma giocare con ciò che voleva e disturbare, tanto da dirmi di dover andare da uno psicologo dell'età evolutiva, aggiungendo che in un episodio aveva lanciato un camioncino e quando sgridato rideva, salvo poi aggiungere che era rimasto silenzioso per il resto della mattinata. Guardandolo giocare mi sembra che rientri nella norma, sceglie amichetti un po' più grandi, evita giochi corporei, ma adora play ground, tunnel, arrampicate e gonfiabili dove propone delle azioni da fare insieme. Nel linguaggio, è molto avanti (l'unica nota positiva riscontrata dalle maestre). Pannolino tolto a 3 anni in modo veloce, un po' più di fatica con la popò per cui ha abbandonato il vasino con più fatica. A casa, fa dispetti e non sempre ubbidisce e dei no fioccano ma se spiegate le motivazioni si attesta; è tenace e delle volte tende a prenderci per sfinimento. Quando si esce vuole sempre sapere che si fa, se in macchina dove si sta andando, è molto "descrittivo" a spasso infatti nomina gli oggetti e descrive le azioni (le persone scendono dall'autobus oppure il signore corre), è affettuoso e quando rientriamo dal lavoro, tutto emozionato, ci saluta dalla finestra e poi ci corre incontro per il corridoio. Anche in casa fa molte domande. Adesso è in un periodo di disegno e colori e preferisce questo tipo di attività, ma se proposte altre le accetta; non ama molto la tv e guarda 4 cartoni (44 gatti, bing, curiouse George e Alvin), ma se l'episodio non gli interessa chiede di spegnere. È testardo e ha iniziato a verbalizzare "io non saluto" sia a scuola che con le persone incontrate per strada. Ultimamente, non l'ha più fatto, ma prima di salutare, squadra la persona e sembra decidere se dire "ciao" o meno. Non è manesco né aggressivo fisicamente, solo delle volte quando un gioco fatto con altri non gli piace o noi diciamo un "no" urla non è giusto, non va bene così e piange e poi chiede "mi vuoi bene? mi parli?". Il ritmo sonno veglia è stato sempre ottimale, ha iniziato a camminare, senza gattonare, a 13 mesi si è alzato appoggiato al termosifone ed è partito. Tappe del linguaggio nella norma. La pediatra ha detto che non ravvisa nulla di neurologico o potenzialmente autistico, ma che noi genitori dobbiamo "premere" sull'aspetto educativo e delle regole per evitare che sviluppi un falso sé dominante. Ora, alla luce della lunghissima descrizione, ciò che mi ha terrorizzato è stato il colloquio con le maestre ed il loro "linguaggio non verbale", ad ogni mia risposta o obiezione alzavano le spalle ed hanno terminato il colloquio chiedendomi un confronto con la pediatra e una visita presso un neuropsichiatra infantile per capire "in quale classe inserirlo il prossimo anno scolastico". Da quel momento mi sono sconfortata. Che ne pensa? Ha tratti autistici? Oppositivo provocatori? Grazie.

Buonasera,
evitando di fare una serie di commenti, suggerisco di cambiare asilo e vedere come si comporta.

Secondo me, ha a che fare con maestre molto repressive (e fanno danni irreparabili). Addirittura mi chiedo se non sia un ambiente ecclesiastico (o provengano da lì). Mi sembrano del tipo "se fai casino non ti vogliamo bene", se poi, prima dell'asilo non era cosi.

In ogni caso, sta sviluppando un comportamento un poco oppositivo. Deve essere interrotto. Se vi fate prendere per sfinimento adesso, non invidio i vostri prossimi 15 anni.

Invece, siate voi a sfinirlo: se è no, è no, e non discutete più, indifferenti alle sue urla. Dopo un po' di volte, cederà.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Paolo Bonarrio
Dr. Paolo Bonarrio
Siracusa
Risposte simili
Comportamento maniacale: cosa lo provoca in un bimbo 4 anni?
Salve,se si tratta di comportamenti che non si erano mai presentati prima, proverei ad attendere al massimo altri 20 giorni. Se non scomparissero, allora farei...
Disturbo misto dello sviluppo: si può guarire?
Salve,chi ha fatto questa diagnosi a 3 anni? Se è stato un medico, ha fatto fare i controlli all'otorino per vedere se ci siano o...
Difficoltà a socializzare: come aiutare un bambino di 8 anni
Salve,difficile darti un consiglio su una situazione cosi complessa e complicata da una serie di interventi che non sono stati forse sempre i più adatti....
Altre risposte di questo specialista
Rifiuto del cibo: cosa lo causa in un bimbo di 3 anni?
Buongiorno,le cause possono essere tantissime. In ogni caso, il problema non è l'appetito. Può essere che in fase di svezzamento si sia quasi affogato,...
Bambino di 2 anni violento: come va trattato?
Buonasera,devo risponderti raccomandandoti di portare al più presto il bambino presso un servizio di neuropsichiatria infantile per fare fare un controllo generale. Tuo figlio potrebbe...
Contenere la rabbia: come aiutare un bimbo di 4 anni?
Buonasera,il comportamento del bambino dipende al 90% da come viene trattato. Se lo avete abituato nelle poche ore che state con lui dopo il lavoro...
Bimbo di 15 mesi che dice solo mamma: è normale?
Salve,non fare raffronti tra la bambina e il bambino, perchè i maschi parlano di solito un po' più tardi delle sorelle. Se poi ha detto...
Cibo solido: come stimolare un bambino a mangiarlo?
Buonasera,ti aiuterei molto volentieri ma, come hai giustamente precisato, ci sono solo 3 casi nel mondo. Si tratta quindi di una sindrome rarissima. Queste sindromi...
Vedi tutte
Sai che su Pazienti.it puoi trovare sconti per prestazioni mediche? Scopri di più