Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Dolore Lombare 24 Anni

Come si tratta un dolore lombare?

Ho 24 anni, avverto un dolore lombare che si acutizza ogni 2-3 mesi, trattato con Dicloreum e Muscoril per 1 settimana, ho effettuato una risonanza magnetica: "riduzione della fisiologica lordosi lombare. In l4-l5 lieve protrusione discale a prevalente estrinsecazione mediana". Il dolore è avvertito maggiormente da seduto soprattutto quando guido, nonostante vari tentativi di regolazione del sedile. Eseguo giornalmente esercizi posturali per i muscoli femorali e ileo psoas per alleviare il dolore. Altre strategie di intervento? Correlazione tra la prima e la seconda frase del referto?

Buongiorno,
la ginnastica posturale è certamente una risposta valida per questo tipo di sintomatologia e all'occorrenza può essere validamente integrata con l'utilizzo di tecniche/metodiche ausiliarie.
La ginnastica posturale è stata ideata in Francia negli anni '40 da Françoise Mézières. Questa fisioterapista francese aveva costatato che i muscoli dorsali si comportano come se fossero un unico grande muscolo che chiamerà poi catena posteriore.
La catena posteriore è soggetta ad andare in accorciamento e questo fatto provoca un’alterazione della fisiologia delle curve del rachide, che è alla base delle sintomatologie dolorose.
Il problema è che, per modificare un sistema che si è strutturato negli anni in un certo modo, occorre un intervento correttivo esterno perchè un paziente che effettua degli esercizi da solo andrà inevitabilmente ad utilizzare quei muscoli che negli anni hanno preso il sopravvento.
Il risultato è che il paziente rinforza inconsapevolmente esattamente quelle catene muscolari che andrebbero ridimensionate nel loro ruolo.
Un esercizio tipico della riabilitazione posturale è quello di retroversione del bacino da supini. Facilissimo,  peccato che, perchè abbia un effetto benefico, debba essere effettuato mediante l'attivazione del retto dell'addome mentre, di norma, per il fatto che la catena posteriore prende il sopravvento, vengono utilizzati i muscoli ischio-crurali.
Alcuni pazienti possono impiegare anche diverse sedute per riuscire ad utilizzare il retto dell'addome per la retroversione del bacino. Si tratta di un processo di apprendimento discretamente faticoso perchè occorre imparare a fare cose di cui non conosciamo nemmeno l'esistenza. 
Faccio l'esempio del retto dell'addome perchè è il più semplice da comprendere, a mio avviso, e forse il più rappresentativo.   
Quando parlo per la prima volta ad un paziente del fatto che si dovrà concentrare sull'utilizzo del retto dell'addome spiego sempre dove origina, dove si inserisce, come si visualizza sull'addome e cosa può fare.
Spiego che andremo ad utilizzarlo per far discendere la cassa toracica verso i piedi durante l'espirazione e per far retrovertire il bacino.
Sembra tutto molto semplice, il paziente mi guarda sereno pensando che stia chiedendo una vera banalità. Ad oggi, nessun paziente è riuscito ad utilizzarlo correttamente in prima battuta. Quando si inizia a lavorare in realtà, dopo un po' di minuti, la maggior parte dei pazienti mi dice che pensa che non ci riuscirà mai, ma fortunatamente per entrambi non è così.
Comunque, altri tipi di intervento valido che possono essere integrati, a mio avviso (a parte le tecniche/metodiche integrative ausiliarie che ciascun terapista può adottare) sono la tecarterapia e l'applicazione di taping neuromuscolare con il metodo australiano Blow.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Virginia Barghini
Virginia Barghini
Roma - Via del Casale Giuliani, 29, Roma, RM, Italia
Altre risposte di questo specialista
Neuropatia alla caviglia: come trattarla?
Buongiorno,ti consiglio certamente in primo luogo di farti visitare da un neurologo che potrà valutare quanto di sua pertinenza, come ad esempio se necessiti di...
Trauma distrattivo alla gamba: quando iniziare fisioterapia?
Buongiorno, in questi casi, si può valutare di velocizzare il processo di guarigione mediante l'utilizzo di taping neuromuscolare applicato con il metodo Blow (taping decompressivo...
Vedi tutte
Risposte simili
Terapia manuale in fisioterapia: che cos'è?
La terapia manuale è l'insieme delle terapie che vengono eseguite dal fisioterapista manualmente, agendo su tessuti come muscoli e tendini o in modo diretto sui...
Mal di testa da cervicale: la fisioterapia aiuta?
Il mal di testa può avere un'origine muscolo-tensiva, molto spesso legata alle tensioni alla muscolatura delle spalle e della nuca, che sono in continuità...
Fisioterapia drenante: che cos'è?
L'effetto drenante in fisioterapia si ottiene con il linfodrenaggio manuale o strumentale, detto anche pressoterapia. Il drenaggio coinvolge i distretti corporei...