Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Elopram

Dopo quanto tempo comincia a fare effetto l'Elopram contro l'ansia?

Salve, soffro ciclicamente di ansia, depressione, soprattutto in estate. In passato, ho risolto le mie problematiche con Elopram, Xanax per il primo periodo e sonniferi. Quest'estate ho avuto una ricaduta, avevo spesso crisi di pianto immotivate e momenti di profondo sconforto, ma c'erano giorni in cui stavo bene e senza alcun problema di umore. Il mio medico allora mi ha suggerito di riprendere la solita cura con Elopram e Xanax, che ho iniziato da fine luglio, ma dopo un mese e mezzo ancora non vedo grossi benefici. Ora sono a 11 gocce di Elopram, ho aumentato molto gradualmente partendo da 5 gocce. Prendo 1 Xanax 0,25 al mattino e 1 di pomeriggio, e Xanax 0,50 prima di andare a dormire. Mi addormento subito, ma più di 5-6 ore non dormo, mi sveglio già con l'ansia, che solitamente è più accentuata al mattino. Spesso, la sera sto meglio (ma non è una regola). Volevo sapere se devo ancora pazientare per avere i benefici dell'Elopram, che in passato mi ha aiutato e se devo aumentare lo Xanax per limitare la mia ansia. Non ho ancora trovato la ragione del mio malessere e da un mese ho iniziato a frequentare una psicoterapeuta.

Ti consiglio di riparlare con chi ti ha prescritto i farmaci e di considerare anche interventi psicoterapici individuali o di gruppo, magari attraverso i gruppi di auto aiuto.

Comunque, vedrai che sarà facile trovare una combinazione terapeutica che ti possa aiutare.

I farmaci antidepressivi, come tutti gli altri farmaci, non hanno la stessa efficacia in persone diverse. È questo il principale motivo perchè esistono diverse molecole di una stessa classe di farmaci.

Il farmaco che funziona per te potrebbe non funzionare per altri e viceversa. Ecco perché è necessario modificare la terapia fino a trovare quella più efficace.

In aggiunta, prendi in considerazione una psicoterapia, che può potenziare la tua terapia contro la depressione.

Un saluto
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Enrico Marchi
Dr. Enrico Marchi
Lucca
Risposte simili
Depressione: cosa fare?
Quando parli di cura a cosa ti riferisci in particolare? Farmaci, psicoterapia o entrambe? Prova a parlarne con il psicologo presso cui...
Schizofrenia: quali sono le conoscenze più avanzate?
Nelle neuroscienze, c'è un dibattito molto vivo, visto che ancora non si sono raggiunti risultati uniformemente validati. Il circuito della Dopamina sembra essere il più coinvolto,...
Alprazolam: quali sono sostituti?
Dipende dalla sintomatologia di cui soffri. Le benzodiazepine in genere controllano le forme epilettiche (alcune). Potresti farti prescrivere Rufinamide: può essere valido in alcune...
Altre risposte di questo specialista
Eutimil: quali sono gli effetti di una sua interruzione?
Salve, sono questioni risolvibili facilmente parlando col tuo specialista di riferimento. Considera però anche la positività di combinare una psicoterapia o incontri con...
Passaggio da Zoloft a Daparox: quali sono gli effetti collaterali?
Tutto quello che supponi è possibile e va verificato direttamente col tuo psichiatra di riferimento.Devi però prendere in considerazione la possibilità di un lavoro psicoterapeutico...
Difficoltà a prendere decisioni: cosa fare?
Salve, ti consiglio di farti prendere in carico dai servizi di salute mentale locali e di frequentare un gruppo di auto aiuto, nonchè...
Disturbo bipolare: come trattarlo?
Salve,il disturbo bipolare necessita di controlli frequenti e terapie idonee che peraltro risolvono moltissimo la sintomatologia.Ti consiglio di farlo prendere in carico dai servizi...
Esaurimento nervoso: come trattarlo?
Salve, il farmaco è un integratore molto naturale. Se ne riparli col tuo medico, è meglio, oppure puoi consultare uno specialista, devi anche...
Vedi tutte