Antidepressivi

Contenuto di: , ,
Curatore scientifico: elena.tamussi@gmail.com, Medico Chirurgo
Indice contenuto:
  1. Che cosa sono gli antidepressivi?
  2. Quali sono le principali categorie di antidepressivi?
  3. Quali sono i principali effetti collaterali degli antidepressivi?
  4. Esistono problemi di interazione con altri farmaci?
  5. Quali sono i dosaggi consigliati?
  6. Come si possono ottenere effetti migliori?

Che cosa sono gli antidepressivi?

Antidepressivi

Con questo termine si intendono tutti quei farmaci che vengono usati per la cura del disturbo sempre più diffuso della depressione. Il loro meccanismo di azione ancora non è ben chiaro, ma si pensa agiscano aumentando la concentrazione di uno o più prodotti chimici nel cervello, i cosiddetti neurotrasmettitori, usati dai neuroni per comunicare tra loro.

Influenzano principalmente la noradrenalina, la serotonina e la dopamina ed è proprio in base a questo che vengono suddivisi in classi. 

Quali sono le principali categorie di antidepressivi?

Esistono svariate tipologie di antidepressivi ed ogniuna di esse ha particolari effetti collaterali ed interazioni con altri farmaci. Analizziamo le principali:

Gli IMAO (inibitori delle amino ossidasi) agiscono aumentando i livelli di noradrenalina, serotonina e dopamina nel cervello inibendo un enzima chiamato monoamino-ossidasi. Portano ad una modificazione della ripartizione della tiramina, una sostanza presente nei formaggi stagionati e nei vini, aumentandone il livello nel corpo. Ciò può portare a problemi molto seri come pressione alta con possibilità di crisi ipertensive. Per questo motivo i pazienti sottoposti a cura con questi farmaci dovrebbero seguire delle rigide restrizione dietetiche. Esempi di IMAO sono:

  • fenelzina (Nardil)
  • tranilcipromina (Parnate)
  • isocarboxazid (Marplan)
  • Sistema selegilina transdermico (Emsam)

Gli Antidepressivi triciclici (TCA), usati dal 1950, sono a base di imipramina (Tofranil). La loro funzione principale consiste nell’aumentare il livello di noradrenalina e serotonina nel cervello. Alcuni hanno anche funzioni antistaminiche o anticolinergici (bloccare l'azione dell’acetilcolina, un neurotrasmettitore). Alcuni TCA sono:

  • Amitriptilina (Elavil, Endep)
  • Amoxapine
  • Clomipramina (Anafranil)
  • Desipramina (Norpramin)
  • Doxepin (Sinequan, Adapin)
  • Imipramina (Tofranil)
  • Nortriptilina (Pamelor, Aventyl)
  • Protriptilina (Vivactil)
  • Trimipramina (Surmontil)

La classe di antidepressivi più diffusa è quella degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, gli SSRI, che aumentano il livello di queste sostanza nel cervello e, a differenza dei due tipi precedenti, non incidono in modo significativo sui livelli di noradrenalina. Hanno anche minori effetti collaterali e interazioni farmacologiche. Sono:

  • Citalopram (Celexa)
  • Escitalopram (Lexapro)
  • Fluoxetina (Prozac, Sarafem)
  • Fluvoxamina (Luvox)
  • Paroxetina (Paxil, Paxil CR, Paxeva)
  • Sertralina (Zoloft)

La più recente classe di antidepressivi è quella degli inibitori della ricaptazione della serotonina noradrenalina (SNRI). Il loro compito è quello di aumentarne i livelli che sono attivi nel cervello, favorendo così la trasmissione nervosa. Gli SNRI bloccano l'assorbimento della serotonina e della noradrenalina in modo che queste siamo liberi nei tessuti che circondano i nervi. Tra questi farmaci si trovano:

  • duloxetina (Cymbalta)
  • Venlafaxina (Effexor)
  • desvenlafaxine (Pristiq)
  • levomilnacipran (Fetzima)

Quali sono i principali effetti collaterali degli antidepressivi?

Gli IMAO hanno come effetti collaterali:

  • Insonnia e mal di testa. Per curare questi disturbi si possono tranquillamente usare prodotti antinfiammatori non steroidei come quelli a base di ibuprofene e benzodiazepine.
  • Ipotensione ortostatica,. Al bisogno può essere trattata con steroidi.
  • Edema alle gambe che può essere aiutato con l’uso di calze contenitive.
  • Aumento di peso.
  • Probemi legati alla sfera sessuale: calo del desiderio, disfunzione erettile, eiaculazioni e difficoltà a raggiungere l’orgasmo.

I TCA hanno come effetti collaterali:

  • Ipotensione ortostatica che può dare vertigini, cadute e possibili fratture.
  • Anomalie del ritmo cardiaco. In questo caso sospendere il prodotto.
  • Secchezza delle fauci
  • Stipsi
  • Problemi urinari
  • Disfunzioni sessuali
  • Disturbi visivi
  • Aumento della frequenza cardiaca
  • Aumento di peso
  • Sonnolenza

Pazienti con ipertrofia prostatica, deterioramento cognitivo, o glaucoma devono evitare l’uso di TCA perché i farmaci con effetti collaterali anticolinergici possono peggiorare i sintomi di queste condizioni

Effetti collaterali degli SSRI sono:

Effetti collaterali degli SNRI sono simili a quelli degli SSRI con l’aggiunta di:

Esistono problemi di interazione con altri farmaci?

Poiché gli IMAO interagiscono con numerosi composti è bene restringere il loro utilizzo non somministrandoli a soggetti sottoposti a cure con svariati medicinali. Va infatti evitato un loro utilizzo insieme a farmaci che aumentino la produzione di serotonina come:

  • Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina tipo fluoxetina (Prozac) e Sertralina (Zoloft)
  • Inibitori della serotonina della ricaptazione della noradrenalina, come venlafaxina (Effexor) e desveblafaxine (Pristiq)
  • antidepressivi triciclici, per esempio, imipramina (Tofranil)
  • Iperico
  • Meperidina
  • Tramadolo (Ultram)
  • Metadone
  • Propossifene (Darvon)

L’utilizzo in contemporanea con farmaci contenenti noroadrenalina può provocare problemi di aumento della pressione sanguigna. L’uso dell’antibiotico Linezolid e del blu di metilene per via endovenosa, combinati con gli IMAO portano all’inibizione delle monoamino ossidasi. Prima di sottoporsi a terapie a base di farmaci che interagisco con gli IMAO è necessario far trascorrere almeno 1-2 settimane, che diventano 5 se questi sono a base di fluorexina

Gli antidepressivi TCA non vanno combinati con svariati altri medicinali. Se usati

  • con clonidina possono portare a pericolosi aumenti della pressione sanguigna.
  • con disopiramide [Norpace], pimozide [Orap], procainamide [Pronestyl, Procan SR, Procanbid]) possono creare aumenti nella frequenza e nella gravità del battito cardiaco e ad anomalie nel ritmo.
  • con carbamazepina (Tegretol), può recare abbassamenti nei  livelli ematici.
  • Insieme ad adrenalina, noradrenalina, dopamina, fenilefrina e dobutamina possono favorire aumenti nella pressione sanguigna.
  • Vietato l’uso insieme agli inibitori delle amino ossidasi.

La tipologia degli antidepressivi SSRIS non vanno assulutamente usati insieme a:

  • IMAO, TCA, sumatriptan (Imitrex), linezolid (Zyvox), erba di San Giovanni, tramadolo (Ultram), e meperidina (Demerol)
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS)
  • Warfarin (coumadin)

Gli SNRI hanno le stesse interazioni degli SSRIS.

Quali sono i dosaggi consigliati?

Si è notato come per gli inibitori delle amino ossidasi un dosaggio di 6mg ogni 24 ore non porta ad un aumento dei valori della tiramina.

Come si possono ottenere effetti migliori?

È importante considerare che i farmaci antidepressivi agiscono il più delle volte a lungo termine. Pertanto, per ottenere gli effetti migliori, è consigliabile:

  • essere pazienti,
  • constatare il miglioramento degli effetti indesiderati,
  • cambiare antidepressivo,
  • seguire scrupolosamente le dosi indicate dalla cura e dal trattamento,
  • provare congiuntamente anche la psicoterapia,
  • evitare l'assunzione di alcol e sostanze illecite.