Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Frattura Pluriframmentaria Omero

Cosa fare in caso di frattura dell'omero e funzionalità del braccio ridotta?

Ho subito una frattura pluriframmentaria della testa e del collo dell'omero; sono stata curata con fissatori esterni per sessanta giorni e, dopo la rimozione, con la fisioterapia. Ad oggi ho la mobilità del 30% del braccio e, dal giorno dell'applicazione dei fissatori, avverto diversi dolori che non passano neanche con le infiltrazioni di depo-medrol. Per recuperare tutte le funzionalità è necessario sottopormi ad una operazione chirurgica o devo continuare la terapia di infiltrazioni di depo-medrol?

Prima di dare una risposta al tuo quesito vorrei fare una premessa. Le fratture della testa dell’omero si distinguono in fratture senza spostamento dei frammenti di frattura (composte) e con spostamento (scomposte). Ovviamente le fratture composte hanno una prognosi più favorevole. Le fratture scomposte pluriframmentarie della testa e del collo anatomico predispongono a molte complicanze tra cui la pseudoartrosi, la rottura della cuffia dei rotatori della spalla, la sindrome d’attrito sottoacromiale e la necrosi della testa omerale. Quest’ultima è una temibile complicanza riscontrabile, più frequentemente, in seguito a frattura del collo anatomico o della testa omerale a più frammenti (pluriframmentaria), a prescindere dal trattamento che è stato attuato. Questi tipi di frattura causano l’interruzione dell’apporto vascolare alla testa omerale causandone la morte (necrosi). Il trattamento consiste nel rimuovere la porzione di omero andata in necrosi, sostituendola con una protesi (endoprotesi). Inoltre le fratture scomposte della testa e del collo chirurgico possono guarire mantenendo la loro scomposizione. Ne deriva una testa omerale deformata che può essere responsabile di una riduzione patologica dello spazio sottoacromiale. I tendini della cuffia dei rotatori e l'annessa borsa sub-acromio-deltoidea, vengono letteralmente compressi da un movimento “ a schiaccianoci” nei movimenti di abduzione ed elevazione del braccio, dando vita alla cosiddetta sindrome da impingement o sindrome da conflitto sub-acromiale. Per dare una risposta esaustiva alla tua domanda avrei bisogno di valutare lo stato attuale della tua spalla. Ti consiglio anzitutto di limitare le infiltrazioni di cortisone e di rivolgerti allo specialista che a distanza oramai di 6 mesi potrà valutare le eventuali complicanze e proporti il trattamento più adatto al tuo caso. Cordialità.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Fabrizio Sergio
Dr. Fabrizio Sergio
Caserta - VIA SESSA MIGNANO,,
Altre risposte di questo specialista
Ciste dietro il ginocchio: come si cura?
Buongiorno,una cisti dietro il ginocchio potrebbe essere una cisti di Baker. La cisti di Baker è una sacca piena di liquido, che si...
Risonanza magnetica al crociato: come si legge?
Gentile paziente,cercherò di spiegarti la tua risonanza.Disomogeneità del corno posteriore del menisco interno, compatibile con esiti chirurgici senza evidenti segni di lesione: il menisco...
Degenerazione meniscosica: cosa significa?
I menischi hanno molteplici funzioni:innanzitutto, aumentano la congruenza tra i condili femorali (convessi) e i piatti tibiali (sostanzialmente piani), distribuendo così il carico in...
Tenosinovite del sovraspinoso con microcalcificazione: cosa fare?
Ti consiglio innanzitutto di sottoporti ad una visita ortopedica ed eventualmente ad una RMN. Se verrà confermata una semplice infiammazione...
Referto risonanza magnetica: intervento chirurgico necessario?
E’ difficile darti un’alternativa all’intervento senza poterti visitare. Penso che il tuo ortopedico o il tuo neurochirurgo prima di proporti un intervento distabilizzazione vertebrale abbia...
Vedi tutte
Risposte simili
Colpo della strega: cos'è esattamente?
Il colpo della strega è un episodio di lombalgia acuta che si manifesta con sensazione di rigidità e forte dolore nella parte bassa della schiena....
Ernia del disco: che cos'è?
Il disco intervertebrale, che è interposto tra 2 vertebre, è costituito da una parte periferica denominata anulus fibroso e una parte centrale, gelatinosa, denominata nucleo...
Mal di schiena: quali sono le terapie più adatte?
Per ridurre il dolore e prevenire lo stress sulla colonna vertebrale, ci sono diverse terapie utili, ma a consigliarti una terapia deve essere uno...