Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Rmn Intervento Ricostruzione Crociato E Menisco

Come si legge una risonanza magnetica post intervento ricostruzione crociato?

Mi può spiegare in parole povere il significato della risonanza magnetica dopo un intervento di ricostruzione crociato e reinserimento menisco? Motivo dell’esame esiti di intervento per meniscopatia mediale e lesione LCA: "disomogeneità del corno posteriore del menisco interno, compatibile con esiti chirurgici, senza evidenti segni di lesione. Sottile fissurazione a livello del corno posteriore del menisco interno. Continuo e di spessore conservato il legamento crociato anteriore ricostruito. Non alterazioni a carico dei legamenti crociato posteriore, collaterali, del legamento rotuleo e del tendine del quadricipite femorale. Conserva i rapporti articolari, con cartilagini articolari nei limiti. Non alterazioni morfostrutturali dei capi ossei in esame. Sfumata area di edema della spongiosa ossea del piatto tibiale esterno (da carico?). Non versamento articolare." Può essere che l'area di edema sia ancora una rimanenza del liquido che è stato tolto (siringato) in pronto soccorso al momento dell'intervento? Grazie.

Gentile paziente,
cercherò di spiegarti la tua risonanza.
Disomogeneità del corno posteriore del menisco interno, compatibile con esiti chirurgici senza evidenti segni di lesione: il menisco non è fratturato, ma sfrangiato in conseguenza dell'usura. Questa condizione, correttamente definita meniscopatia degenerativa, non è una rottura meniscale propriamente detta, ma una sorta di anticamera dell'artrosi. La meniscopatia degenerativa non richiede solitamente alcun trattamento chirurgico, che potrebbe anzi rivelarsi controproducente. Per la meniscopatia, cicli di viscosupplementazione locale offrono un notevole beneficio. Questa terapia, di competenza prettamente specialistica, viene eseguita mediante una serie di 3-4 infiltrazioni endoarticolari di preparati a base di acido ialuronico.

La finalità della viscosupplementazione è il miglioramento della lubrificazione del ginocchio e del trofismo delle cartilagini.

La terapia farmacologica è essenzialmente palliativa e dovrebbe essere impiegata, in modo possibilmente ciclico e non continuativo, per alleviare i disturbi nel paziente non candidato a terapia chirurgica. La categoria farmacologica fondamentale è rappresentata dagli antinfiammatori/antidolorifici, mentre alcuni integratori dedicati (preparati a base di glucosamine e composti analoghi) potrebbero avere un effetto benefico nel rallentare la degenerazione del tessuto cartilagineo, ma non vi sono ancora di studi adeguati che confermino questa ipotesi.

La sfumata area di edema della spongiosa ossea del piatto tibiale esterno indica una sofferenza ossea della componente spongiosa e non della corticale che, nella maggior parte dei casi, è post traumatica, ossia è una reazione dell’osso simile a quella degli altri tessuti e non un residuo del liquido intrarticolare che ti è stato asportato.

Il trattamento per l’edema intraspongioso prevede il riposo, il divieto di carico o il carico parziale con 2 bastoni e cicli di magnetoterapia o ancor meglio di CEMP (Campi Elettromagnetici Pulsati).

In ultimo, ti consiglio di ripetere una risonanza magnetica, con sequenze STIR, a distanza di tempo per controllare la sua regolare evoluzione.

Cordialità

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Fabrizio Sergio
Dr. Fabrizio Sergio
(6)
Caserta - VIA SESSA MIGNANO,,
Altre risposte di questo specialista
Ciste dietro il ginocchio: come si cura?
Buongiorno, una cisti dietro il ginocchio potrebbe essere una cisti di Baker. La cisti di Baker è una...
Degenerazione meniscosica: cosa significa?
I menischi hanno molteplici funzioni:innanzitutto, aumentano la congruenza tra i condili femorali (convessi) e i piatti tibiali (sostanzialmente piani), distribuendo così il carico in...
Tenosinovite del sovraspinoso con microcalcificazione: cosa fare?
Ti consiglio innanzitutto di sottoporti ad una visita ortopedica ed eventualmente ad una RMN. Se verrà confermata una semplice infiammazione...
Referto risonanza magnetica: intervento chirurgico necessario?
E’ difficile darti un’alternativa all’intervento senza poterti visitare. Penso che il tuo ortopedico o il tuo neurochirurgo prima di proporti un intervento distabilizzazione vertebrale abbia...
Rottura dei legamenti: come si può curare?
Per poter dare una risposta esaustiva alla tua domanda bisognerebbe capire quali legamenti sono lesionati. In linea di massima le lesioni legamentose si trattano con...
Vedi tutte
Risposte simili
Colpo della strega: cos'è esattamente?
Il colpo della strega è un episodio di lombalgia acuta che si manifesta con sensazione di rigidità e forte dolore nella parte bassa della schiena....
Ernia del disco: che cos'è?
Il disco intervertebrale, che è interposto tra 2 vertebre, è costituito da una parte periferica denominata anulus fibroso e una parte centrale, gelatinosa, denominata nucleo...
Mal di schiena: quali sono le terapie più adatte?
Per ridurre il dolore e prevenire lo stress sulla colonna vertebrale, ci sono diverse terapie utili, ma a consigliarti una terapia deve essere...