Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Gamba Gonfia Intervento

Come curare una gamba che si è gonfiata in seguito ad un intervento?

Buongiorno, 5 mesi fa ho fatto un intervento con anestesia totale. Il mio problema è nato proprio dopo l'intervento, avevo la gamba destra gonfia come un pallone e molto dolorante. Mi dato terapia con antidolorifici e punture per la circolazione, mi hanno detto che piano piano la gamba non mi farà più male, ma purtroppo continuo ad avere dolore, non riesco a camminare, il polpaccio continua a gonfiarsi e sembra duro come la pietra, non sopporto che nessuno mi tocchi la gamba perché sento la pelle bruciare. Da circa 2 settimane mi sento molto stanca e da 2 giorni il dolore è aumentato. Ho fatto la visita vascolare, ma mi è stato detto che forse il problema è ortopedico. Ho fatto la visita ortopedica e mi è stato detto che il problema è vascolare. Due mesi fa, ho fatto un'ecografia agli arti inferiori: "evidenza asse venoso profondo pervio e valvolari bilateralmente. L'esplorazione venosa superficiale evidenza continenza femorale e poplitea bilaterale. Incontinenza tronculare anteriore bilaterale". Potete aiutarmi a capire cosa mi sta succedendo? Lo specialista vascolare mi ha detto che non era niente, di stare tranquilla, che non c'era bisogno di continuare ad usare le calze anti trombo (ma senza queste calze non riesco a fare nemmeno 2 metri), mi ha detto di prendere per un mese Linfocinetic.

Buongiorno,
alla luce di quanto dici, potrebbe essere opportuno ripetere l'esame strumentale ecodoppler arterioso e venoso degli arti inferiori. In base al referto e la visita specialistica vascolare, poi, dare terapia medica specifica che potrebbe essere rappresentata da Eparina a basso peso molecolare (la dose in base al peso), FANS e venotonici (ad esempio, Vessel compresse, Blunorm).

Intanto, continuerei a portare la calza elastica, potrebbe bastare anche un gambaletto di 1^ classe.

Sono a disposizione ad Isernia e a Napoli. 

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Mario Masturzo
Dr. Mario Masturzo
Napoli - Non disponibile
Altre risposte di questo specialista
Intervento ad una vena della gamba: a chi rivolgersi?
Buonasera,per il problema della signora, consiglio di rivolgersi ad un chirurgo vascolare per effettuare una visita vascolare con allegato un esame strumentale ecodoppler degli arti...
Claritromicina: cosa fa per l'insufficienza cerebrospinale?
La Claritromicina non porta danni al sistema venoso. Essa è controindicata durante la gravidanza, nel periodo di allattamento, nei casi di allergia...
Ectasia aortica: quando è il caso di operare?
Buongiorno a te,per ectasia aortica, si intende una dilatazione dell'aorta e va solo controllata nel tempo, si parla di aneurisma dell'aorta addominale...
Vedi tutte
Risposte simili
Sindrome di Churg-Strauss: cosa fare?
Per sindrome di Churg-Strauss, si intende un tipo di vasculite sistemica dei piccoli vasi. I sintomi e i segni clinici presentano sinusopatia, asma...
Cure termali: si possono fare in caso di trombosi venosa?
Il caldo può essere responsabile di gonfiore. Se poi la trombosi è dovuta ad una coagulopatia congenita, cioè ad una eccessiva tendenza alla coagulazione di...
Morbo di Raynaud: cosa fare?
Il morbo di Raynaud è una patologia funzionale, vuol dire che non c'è un danno fisico della circolazione come nell'arteriosclerosi, ma...