Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Levitra Controindicazioni Cuore

I farmaci per il cuore possono dare interferenze al Levitra?

Buongiorno, a dicembre del 2014, a 43 anni, ho avuto un infarto al miocardio con impianto di 1 stent e conseguenti terapie farmacologiche. Al mattino, appena svegliato, prendo una compressa di Pantoprazolo 20, dopo colazione una compressa di Isoptin 240, a mezzogiorno la Cardioaspirina e la sera prima di dormire Torvast 40. Qui cominciano i problemi. Da allora infatti, in concomitanza con l'assunzione delle compresse sopracitate, ho problemi a raggiungere un'erezione soddisfacente e a mantenerla, la consistenza del mio liquido seminale è ridotta a poche gocce di una densità maggiore e colore di tonalità più scura, e persino le dimensioni del pene mi appaiono notevolmente ridotte. Volendo tornare ad avere una vita sessuale appagante, chiedo se è possibile, nella mia situazione, assumere all'occorrenza delle compresse da 10 mg di Levitra senza avere controindicazioni per la mia patologia e senza interferire con i farmaci che assumo. Grazie infinite. Attendo un vostro consiglio. Saluti.

Caro Utente,
gli inibitori della fosfodiesterasi 5, tutti, non possono essere assunti unicamente in presenza di terapie che prevedano l'assunzione di nitrati. Nel tuo caso, quindi, previo consulto cardiologico, non vi sono controindicazioni. Va da sè che va preventivamente posta una diagnosi rigorosa che permetta una successiva prognosi e che chiarisca gli eventuali rapporti con la sintomatologia prostatica, legata all'ipotermia.

Quanto alla contrazione del volume penieno, é un fenomeno spesso legato all'attenzione del paziente che lamenta un disagio sessuale.

Cordialità

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Pierluigi Izzo
Dr. Pierluigi Izzo
Napoli - Via Toledo,418
Altre risposte di questo specialista
Prostatectomia: inficia le future erezioni?
Caro Utente,la prostatectomia radicale, quando non siano stati risparmiati i nervi erigentes (le strutture nervose che inducono l'erezione), cosa mai garantita, può portare ad...
Deficit erettivo: qual è la cura giusta?
Caro Utente,le conclusioni diagnostiche sembrano favorevoli, ma la persistenza del deficit erettile da circa 2 anni, giustificano la strategia terapeutica attuata dallo specialista di...
Sperma a palline gelatinose: cosa le causa?
Caro Utente,le alterazioni della viscosità del liquido seminale sono, in genere, espressione di un fenomeno congestizio/infiammatorio delle ghiandole preposte alla secrezione dello spetto (prostata, vescicole...
Ingrossamento testicolo: può essere una conseguenza della bi
Caro Utente,probabilmente si tratta di un'orchiepididimite che, a volte, si presenta in seguito ad interventi chirurgici eseguiti in sede inguino-pelvico-scrotale, così come spontaneamente. In genere,...
Stenosi lombo sacrale: può compromettere l'erezione?
Caro Utente,va da sè che qualsiasi patologia che interessi la latitudine pelvico-perineale possa incidere sulla resa sessuale, con meccanismi diretti ed indiretti sul meccanismo erettile....
Vedi tutte
Risposte simili
Prostatite: esiste una dieta da seguire?
Sicuramente le indicazioni alimentari sono importanti, eccone alcune che devono essere valutate poi sul singolo caso: mangiare cibi freschi e non trattati e senza eccessi....
Prostatite: quando è inevitabile operare?
In situazioni specifiche sono state impiegate metodologie chirurgiche di trattamento tese a rimuovere o distruggere parte del tessuto prostatico, ma le conseguenze sull'eiaculazione...
Iperplasia prostatica benigna: quali sono le conseguenze?
È la più comune neoplasia benigna nell'uomo. È caratterizzata dalla proliferazione, soprattutto a carattere fibroso/muscolare, della zona centrale della ghiandola prostatica, a differenza del