Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Radioterapia Carcinoma Acinare

Quali sono pro e contro della radioterapia per carcinoma acinare alla prostata?

Dopo una biopsia la diagnosi è stata: carcinoma acinare alla prostata, gleason 9(5+4) lobo dx, ho 75 anni portati discretamente bene. Mi è stata prescritta una scintigrafia ossea x eventuali infiltrazioni, il responso del radiologo ha evidenziato la malattia di Paget al bacino, l'urologo ha stabilito subito una cura farmacologica e 30 sedute di radioterapia, e un controllo ortopedico per focalizzare meglio la malattia di Paget. Le domande che vorrei fare sono tante ma 2 in particolare: perché è molto difficile stabilire con esattezza la rilevazione della scintigrafia? Quali sono i vantaggi e gli svantaggi a questa età delle 30 sedute di radioterapia?

La scintigrafia ossea è un accertamento accurato per verificare se vi sono ripetizioni di malattia in ambito scheletrico. Per il collega medico nucleare si tratta di esame di immediata interpretazione. La radioterapia nella cura locoregionale delle neoplasie prostatiche è una metodica in genere valida e molto ben tollerata. Per ulteriori delucidazioni è opportuno che tu consulti il radioterapista di riferimento poiché il frazionamento delle applicazioni, la valutazione dello stato generale del paziente e la visita clinica sono elementi di valutazione importanti anche per definire i pro ed i contro.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Carlo Pastore
Dr. Carlo Pastore
Roma - VIA F.A.GUALTERIO, 127
Risposte simili
PET: che cos'è?
La PET (acronimo inglese di Positrone Emission Tomography) è la Tomografia a Emissione di Positroni, una tecnica di indagine che utilizza degli isotopi radioattivi per...
Neurinoma dell'acustico: quando operarlo?
Il neurinoma dell'acustico è un tumore ad invasività locale le cui modalità di trattamento contemplano la rimozione microchirurgica (prima scelta ove possibile) o...
Meningioma: cos'è?
Buongiorno,il meningioma (o meningioma calcifico) è un tumore endocranico a partenza dalle meningi che può portare con il suo accrescimento una compressione locoregionale...
Altre risposte di questo specialista
Eritrodisestesia: cos'è?
L'eritrodisestesia palmo plantare, anche nota come sindrome mano-piede in oncologia, è il risultato di alcuni trattamenti con farmaci oncologici, si presenta con arrossamento e...
Linfonodi all'inguine: cosa comportano?
La presenza di linfonodi inguinali è cosa normale dal punto di vista anatomico. Se tali linfonodi sono dolenti o ingranditi di volume, la prima ipotesi...
Carcinoma ovarico: quali cure seguire?
Il principio attivo Avastin è un agente inibitore dell'angiogenesi ed è un farmaco ormai di comune utilizzo. Occorre verificare però le condizioni generali...
Marcatori tumorali: cosa indicano?
Il CEA è un marcatore tumorale. Tale marcatore non possiede una specificità ed una sensibilità del 100%, pertanto può trovarsi alterato anche in condizioni non...
Ulcere durante la chemioterapia: cosa fare?
E' indispensabile che tu ti sottoponga ad una visita clinica per verificare lo stato effettivo delle ulcerazioni. Se non dovessero tendere a guarigione, è opportuno...
Vedi tutte