Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Stent Carotideo

E' consigliato un intervento di stent in una donna di 83 anni?

Buongiorno, mia mamma, 83 anni, presenta restenosi serrata dopo tea e by-pass carotide sinistra con occlusione della carotide interna controlaterale. Per valutare un eventuale trattamento con stenting, ha fatto angiotac senza e con mdc ev di cui il referto: "in esiti a sx di tea con patch e successivo by pass carotideo tra l'arteria carotide comune e l'arteria carotide interna per pseudoaneurisma, l'arteria carotide interna evidenzia apposizioni calcifiche parietali ed un decorso scoliotico con un restringimento circonferenziale ad anello (esito chirurgico) del calibro a livello del patch e del by pass dell'arteria carotide interna, tanto da determinare una stenosi severa (pari all'80-85% sec. ecst). Bilateralmente le art. vertebrali, le vene giugulari interne ed esterne e l'art. carotidi comuni, l'art. carotide esterna dx conservano fisiologico calibro e decorso. Si notano alcune placche calcifiche lamellari adese alle pareti delle arterie carotidi comuni ed occlusione completa cronicizzata dell'arteria carotide interna dx ed esterna a sx. Non sono evidenti comunque apposizioni trombotiche endoluminali nè alterazioni di decorso o della morfologia dell'arteria basilare, nè dei vasi intracranici nè del circolo arterioso del Willis. Vi è un ispessimento sinusopatico alle basi dei seni mascellari. Gli spazi adiposi para e retro-faringei, il faringe, l'oro ed il nasofaringe, i seni piriformi, le vallecole glosso epiglottiche, il piano cordale conservano fisiologici profili senza arricchimenti contrastografici patologici. Lo spazio aereo oro-naso retro faringo-laringeo è fisiologico senza linfonodi patologici latero cervicali. Le ghiandole parotidi e sottomandibolari, la tiroide conservano fisiologico aspetto e profilo tc". Ha una maculopatia con riduzione del visus, ipertensione arteriosa, dislipidemia, pregresse flebiti e tromboflebiti arti inferiori, intervento per neoplasia alla mammella nel 2001 seguito da radioterapia e terapia ormonale, osteoporosi, ernia iatale, nel 2014 ricovero per allucinazioni uditive, cardiopatia e pregressa ptca per recidiva ischemica cardiaca, da alcuni anni disturbi di memoria ingravescenti, recente comparsa di episodi di disturbi dell'eloquio e confabulazioni della durata da 2-3 minuti a 30 minuti, ogni giorno che vanno incrementandosi in durata e frequenza. Marcata ipoacusia. Il nostro quesito è: fare o non fare intervento di posizionamento stent consigliato dal radiologo interventista (se non fatto, può avvenire un ictus da un momento all'altro o alla chiusura totale dell'arteria se non addirittura la morte) e sconsigliato dal chirurgo vascolare (il rischio di qualsiasi tipo di intervento anche solo stent causerebbe al 99% un ictus o la rottura dell'arteria al passaggio del cateterino). Aiutateci a prendere la decisione più saggia. Grazie.

Purtroppo la strada è senza via d'uscita: qualsiasi cosa si faccia, o non si faccia, mamma rischia di avere complicanze severissime fino alla morte. I suoi medici, radiologo e chirurgo vascolare, hanno ragione entrambi e quindi sta solo a lei e a te prendere una decisione nell'uno o nell'altro senso. Mi dispiace, ma non posso aiutarti, dato che si tratta di un problema di coscienza e non di un problema medico, già ampiamente illustrato dai miei due colleghi.

Saluti

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Maurizio Di Giacomo
Dr. Maurizio Di Giacomo
Roma - Via Mirandola, 29
Altre risposte di questo specialista
Caviglie gonfie: cosa fare?
Buonasera, la tua è una domanda troppo generica e quindi non so cosa risponderti o, meglio, mi ci vorrebbero almeno 3 pagine....
Calze terapeutiche: qual è quella consigliabile?
Buonasera, intanto ti posso dire che la calza elastica può essere di qualche utilità, ma solo se non gli causa fastidio, dolore...
Intervento per ernia inguinale bilaterale recidiva: com'è il post operatorio?
Salve. I rigonfiamenti che senti sono cicatrici che, con il tempo, si appiattiranno. L'organismo produce molto tessuto in più, in modo che la ferita non...
Trombosi al polpaccio: come curarla?
Salve,5 giorni sono molto pochi per liberarsi del dolore e del fastidio di una trombosi venosa. Dovresti provare a non mettere la calza elastica...
Coscia dolorante: cosa fare?
Buonasera, il tuo è quasi certamente un problema di tipo nervoso. Una modesta neuropatia dovuta alla compressione del nervo alla radice, di...
Vedi tutte
Risposte simili
I bypass possono chiudersi?
Si, è possibile che i bypass possano chiudersi per problemi tecnici durante l'intervento oppure per il progredire della malattia ateromasica. ...
Aneurisma: dà sintomi?
Normalmente, la diagnosi di aneurisma dell'aorta addominale è possibile. La sintomatologia (dolore alla schiena e all'addome e caduta della pressione arteriosa) è effetto della rottura...
Trapianto di cuore: deve esserci compatibilità tra donatore e ricevente?
Ci sono alcuni criteri di compatibilità da rispettare: la differenza delle dimensioni dell'organo trapiantato e quello asportato non deve superare il 20%, deve esserci compatibilità...