Quali sono le cause della tosse secca?

"Ho la tosse da un mese. Quasi sempre è secca, a volte (non molto spesso) diventa leggermente produttiva, rimanendo pur sempre cavernosa. La prima settimana sono stata dal medico 2 volte, perché spaventata dal modo in cui la tosse si manifestava (forti colpi di tosse seguiti da 2 ulteriori colpi che prendevano la forma di conato di vomito), con ulteriore febbre che rimaneva sui 37.5, 38 c° specialmente la sera. Per 2 volte, il medico mi ha detto che si trattava di un normale virus, mi ha prescritto uno sciroppo e si è raccomandato affinché prendessi molta vitamina c. La seconda settimana gli attacchi di tosse si sono fatti più forti e ho voluto essere portata al pronto soccorso. Lì mi hanno detto che si potrebbe trattare di pertosse. Mi hanno prescritto antibiotici (500 mg di Claritromicina per una settimana). Dopo quasi 3 settimane dall'inizio degli attacchi con conato di vomito, sembrava andasse meglio. Tosse sempre presente, ma meno fastidiosa, e riuscivo a dormire tranquillamente. Durante la quarta settimana, la tosse è improvvisamente peggiorata, come se fossi tornata indietro di settimane, quando ero all'inizio della terapia antibiotica. Ora la tosse risulta molto fastidiosa, molto forte, ogni tanto mi torna la sensazione che precedeva i conati di vomito, pur riuscendo ad evitarne l'accadimento bevendo subito molta acqua a piccoli sorsi. Non provo nessun dolore al petto, la gola mi fa male soltanto quando tossisco per un lungo periodo e riesco a respirare nella normalità. Non provo bruciore di stomaco. Siccome non ho mai avuto la pertosse (ne ho avuto esperienza di persone di mia conoscenza che l'avessero), non so bene come debba comportarmi. È opportuno che vada ad un ulteriore controllo o risiede nella normalità del decorso della malattia avere peggioramenti della tosse? L'ultimo richiamo per il vaccino mi è stato fatto nel 1996. "

Gentile paziente,

la pertosse può avere una durata di 1-2 mesi, con fasi alternanti di tosse catarrale, secca e convulsiva (tosse "asinina").

Se si tratta di pertosse, la Claritromicina va bene, ma 500 mg al giorno sono insufficienti. Suggerisco, per accelerare la guarigione, di utilizzare un cortisonico per via orale e per attenuare la tosse di effettuare degli aerosol.

Cordiali saluti

Risposta a cura di:
Dr. Antonio Giulio Piacenza
Dr. Antonio Giulio Piacenza
Pneumologo Monza e Brianza
(14)
*Le opinioni su argomenti di salute espresse dai professionisti all'interno delle loro risposte non rappresentano necessariamente la posizione di Pazienti.
Leggi il disclaimer

Altre risposte di questo specialista:

Vedi tutte le risposte