Dieta paleontologica: cosa sapere sulla paleo

Ludovica Cesaroni

Ultimo aggiornamento – 21 Giugno, 2023

dieta-paleontologica

Il termine paleontologico richiama subito alla mente la prima età dell’uomo, quando le prime comunità di ominidi vivevano semplicemente, e l’epoca dell’età moderna era ancora molto lontana. Dunque, quale sarebbe il vantaggio di ritornare ad una dieta paleontologica, o per meglio dire, di impronta preistorica? Vediamolo subito.

Paleodieta: cos'è e perché è così popolare?

La prima cosa che viene da chiedersi, sentendo parlare di dieta paleontologica (o paleo dieta) è: un piano alimentare modellato sulle abitudini umane preistoriche. E’ giusto per gli esseri umani moderni?

Una dieta paleo è un piano alimentare basato su alimenti che gli esseri umani potrebbero aver mangiato durante l'era paleolitica, ossia circa 2,5 milioni e 10.000 anni fa.

Una moderna dieta paleo comprende frutta, verdura, carni magre, pesce, uova, noci e semi. Questi sono alimenti che in passato le persone potevano ottenere con la caccia e la raccolta e non include gli alimenti che sono diventati più comuni quando è iniziata l'agricoltura su piccola scala, circa 10.000 anni fa. Questi alimenti includono: cereali, legumi e latticini.

Questa dieta è diventata di tendenza nell'ultimo periodo ed è conosciuta con molti altri nomi: dieta paleolitica, dieta dell'età della pietra, dieta dei cacciatori-raccoglitori e dieta dell'uomo delle caverne.

Lo scopo di una dieta paleo è consumare cibi probabilmente mangiati dai primi esseri umani. La dieta si basa sull'idea che i nostri geni non sono adatti (né si sono adattati con il tempo) alle diete moderne nate dall'agricoltura.

L'agricoltura ha reso più facilmente disponibili alimenti come cereali e legumi e ha introdotto i latticini. Inoltre, l'agricoltura ha cambiato anche la dieta degli animali che possono essere consumati. L'idea della paleodieta è che questi cambiamenti nella dieta hanno superato la capacità del corpo umano di cambiare o adattarsi. Si ritiene che questa discrepanza contribuisca oggi all'obesità, al diabete e alle malattie cardiache.

Perché seguire una dieta paleo

È possibile che si scelga una dieta paleo perché si desidera:

  1. Perdere peso o mantenere un peso sano
  2. Ridurre i fattori di rischio di malattie cardiache o cardiovascolari

Funzionamento della dieta paleontologica

Nonostante le raccomandazioni varino tra le diete paleo promosse nei libri e online, in generale, le paleodiete seguono alcune regole precise, che sono sostanzialmente riassumibili nei cibi consentiti e in quelli vietati.

Tra i cibi consentiti troviamo:

  • Frutta
  • Verdura
  • Noci e semi
  • Uova
  • Carni magre, in particolare animali nutriti con erba o selvaggina
  • Pesce, in particolare quelli ricchi di acidi grassi omega-3, come salmone, sgombro e tonno bianco
  • Oli di frutta e noci, come l'olio d'oliva o l'olio di noci

Questi, invece, gli alimenti da evitare:

  • Cereali, come frumento, avena e orzo
  • Legumi, come fagioli, lenticchie, arachidi
  • Latticini, come latte e formaggio
  • Zucchero raffinato e aggiunto
  • Sale aggiunto
  • Verdure amidacee, come mais, jicama, piselli e patate bianche
  • Alimenti altamente trasformati, come patatine o biscotti


Effetti e benefici della paleodieta

In generale, una dieta paleo ha molte caratteristiche delle diete sane più note e raccomandate. Le caratteristiche comuni della dieta paleo mettono l’accento sul consumo di: frutta, verdura, carni magre e sull'evitare alimenti trasformati. Vi è comunque una ricerca limitata sulle diete paleo rispetto agli studi sulle diete equilibrate con gruppi di alimenti più eterogenei.

La maggior parte degli studi sulle diete paleo include un piccolo numero di persone. Inoltre, i test e le ricerche sono durati solo da poche settimane (o, al massimo, pochi mesi). Anche la definizione stessa della dieta subisce delle oscillazioni da uno studio all'altro. 
Per tutti questi motivi, è difficile dire con certezza cosa possano aspettarsi le persone da questa dieta, o cosa ne scaturisca (dal momento che se si scelgono varianti diverse, i risultati possono differire, anche di molto).

In generale le piccole ricerche a breve termine suggeriscono che una dieta paleo potrebbe aiutare a gestire:

Uno studio più ampio ha esaminato i benefici dei modelli dietetici auto-riportati a lungo termine nei giovani adulti in Spagna. 
I ricercatori hanno scoperto che la dieta paleo era correlata a un minor rischio di incorrere in malattie cardiache inferiori o cardiovascolari. Il rischio minore derivava principalmente dall'evitare cibi altamente trasformati, come patatine e caramelle, e dal preferire, invece, molta frutta e verdura.

Per giungere a conclusioni certe, sarebbero necessari test più prolungati nel tempo, effettuati su grandi gruppi di persone (assegnate in modo casuale a diete diverse) per comprendere i benefici generali a lungo termine per la salute, nonché i possibili rischi di una dieta paleo.

Domande e dubbi sulle paleodiete

La paleodieta suscita, come molte altre diete, diversi dubbi e domande. Alcuni dubitano dell'idea che il corpo umano non sia cambiato (o non si sia adattato) agli alimenti forniti dall'agricoltura. Altri, invece, sono preoccupati per gli alimenti eliminati dalla paleo dieta.

La principale preoccupazione per le paleodiete è la mancanza di cereali integrali e legumi. Questi alimenti sono considerati buone fonti di fibre, vitamine, proteine e altri nutrienti. Inoltre, i latticini a basso contenuto di grassi sono buone fonti di proteine, calcio, vitamine e altri nutrienti. Il rischio potenziale di seguire una dieta paleo è quello di non riuscire ad assumere tutti i nutrienti raccomandati per un’alimentazione sana ed equilibrata.

I cereali integrali, i legumi e i latticini sono generalmente più convenienti e disponibili di alimenti come selvaggina (animali nutriti con erba e noci). 
Per alcuni, inoltre, una dieta paleo potrebbe essere troppo costosa. 
In altri casi, la restrizione alimentare applicata dalla dieta paleo può determinare un minore apporto di alcuni nutrienti essenziali.

I rischi a lungo termine di una dieta paleo non sono noti.  I dati emersi da molti studi sulle diete più popolari hanno mostrato che la dieta mediterranea è l'unica che apporta molti benefici senza il rischio di possibili effetti dannosi. Una dieta mediterranea comprende frutta, verdura, carni magre, pesce, cereali integrali, legumi e latticini a basso contenuto di grassi.

Perplessità sulla dieta paleontologica 

Alcuni esperti sostengono che l’idea di fondo su cui si basa la dieta paleo non è completa. Gli argomenti da tenere in considerazione per una comprensione più approfondita su come sono cambiate le nostre esigenze dietetiche o nutrizionali includono molti altri aspetti, non solo l'agricoltura. 
In gioco sono entrati molti fattori che hanno influenzato il modo in cui sono cambiate le esigenze nutrizionali umane. Le diete nei primi esseri umani erano varie a causa delle differenze geografiche, climatiche e della disponibilità di cibo.

La ricerca genetica ha dimostrato che importanti cambiamenti evolutivi sono continuati dopo il Paleolitico; questi includono cambiamenti nell'espressione di geni legati alla scomposizione (o digestione) degli amidi nei cereali, e del lattosio nel latte.

Il parere dell’esperto

Il Dott. Mastropietro aggiunge: “Sebbene i sostenitori della dieta paleolitica affermino che sia basata sull'evidenza, esiste solo un numero limitato di studi clinici controllati che confrontano la dieta paleolitica con diete accettate come la dieta mediterranea. Dagli studi effettuati, si evince che l’efficacia della dieta paleolitica dovrebbe essere considerata con cautela. I risultati positivi dovrebbero essere mitigati dalla mancanza di potere di questi studi, che sono limitati dal loro piccolo numero, eterogeneità e breve durata. Tuttavia, sembrano esserci prove sufficienti per giustificare un'ulteriore considerazione di questa dieta come una potenziale opzione dietetica nella gestione delle malattie metaboliche. Sono necessari studi indipendenti più ampi con metodologia coerente e durata maggiore per confermare la promessa iniziale in questi primi studi. Le affermazioni secondo cui la dieta paleolitica potrebbe trattare o prevenire condizioni come l'autismo, la demenza e le malattie mentali non sono supportate dalla ricerca clinica. In più bisogna fare attenzione all’introito di calcio, che con questo tipo di dieta potrebbe facilmente essere carente.”

Ludovica Cesaroni
Scritto da Ludovica Cesaroni

Amo definirmi una creativa dalla forte impronta razionale. Scrivere, disegnare e creare con le mani sono le mie grandi passioni, ma il pungolo della curiosità mi ha sempre portato a interrogarmi sui grandi misteri della vita e a informarmi sui 'piccoli misteri' dell'uomo.

a cura di Dr. Cristian Mastropietro
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Ludovica Cesaroni
Ludovica Cesaroni
in Diete

308 articoli pubblicati

a cura di Dr. Cristian Mastropietro
Contenuti correlati
Una spremuta d'arancia
Merenda con poche calorie: tante idee da provare

Alla ricerca di idee per una merenda con poche calorie? Ecco una raccolta di ispirazioni semplici e veloci che soddisfano sia il gusto che la leggerezza.

Tazza di latte con bottiglia e biscotti
Una guida su calorie e valori nutrizionali del latte

Quanto influisce la scelta del latte sull'apporto calorico quotidiano? Da quello intero a quello vegetale, ecco una panoramica. 

icon/chat