Basilico in vaso: come coltivare la piantina di basilico in casa

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 23 Aprile, 2024

Il basilico

Coltivare il basilico in vaso è un'attività cara a quanti trovano utile e piacevole dedicarsi alla cura delle erbe aromatiche e al giardinaggio, più in generale.

Il basilico è una di queste, un'erba tra le più apprezzate e utilizzate in cucina per insaporire i piatti di origine mediterranea. Si usa come base del pesto alla genovese ed è un ingrediente immancabile sulla pizza margherita, insieme al pomodoro e alla mozzarella. Con il basilico si possono anche preparare ottime tisane rilassanti.

Il suo profumo e il suo colore verde intenso si lasciano subito riconoscere. Il basilico conferisce un gusto particolare ai piatti, ma ne abbellisce anche l'aspetto. 

Piccola anteprima, per informazioni rapide da usare subito: il basilico ha bisogno di molta luce. Infatti, la pianta durante i mesi estivi e caldi cresce subito sia se coltivata sul davanzale sia in giardino.

Chiede acqua, quindi è bene innaffiarla, stando attenti ai ristagni. Durante l'inverno, la piantina di basilico deve vivere in casa in un ambiente in cui la temperatura non scende sotto i 20-25 gradi.

Vediamo nel dettaglio come coltivare il basilico in vaso.

Coltivare il basilico in vaso

Prima di addentrarci nella procedura di come coltivare il basilico in casa, è necessario decidere se piantare il seme o prendere una piantina già germogliata. A seconda di queste opzioni, si può determinare quando piantare il basilico.

Il basilico si può seminare direttamente in giardino o trapiantare in vasetti sul balcone, in una zona soleggiata e ben drenata.

Quando piantare il basilico

Quando si pianta il basilico? Il basilico si pianta tipicamente in primavera a partire dal periodo in cui le temperature notturne superano i 10°C. 


Potrebbe interessarti anche:


Se si opta per i semi, questi si piantano nel periodo tra febbraio e marzo; se invece si sceglie la piantina di basilico, il periodo giusto è a cavallo dei mesi di aprile e maggio.

È bene tenere a mente che il basilico è una pianta sensibile al freddo, quindi è importante evitare le gelate.

Ora vediamo come coltivare il basilico in casa, dove piantarlo e come prendersene cura. Una pianta di basilico in casa, infatti, richiede semplici attenzioni ma costanti per poter crescere rigogliosa e regalare foglie belle e profumate.

Dove piantare il basilico

Il basilico può essere piantato

  • in giardino
  • in vasi sul balcone
  • o sul davanzale della finestra, in un luogo ben illuminato.

È importante che la pianta riceva abbondante luce solare diretta e che il terreno sia ben drenato. Il basilico avrà anche bisogno di essere annaffiato regolarmente, facendo attenzione a evitare i ristagni d'acqua. 

Come piantare il basilico in vaso

Per piantare il basilico in vaso, inserire uno strato di ghiaia e cocci sul fondo di circa 4 cm per permettere il drenaggio dell'acqua.

Aggiungere il terriccio, all'interno del quale introdurre i semi di basilico. Versare acqua abbondante, ma non sui semi.

Come premesso poco sopra, la piantina deve essere messa in un punto in cui può ricevere la luce del sole, e deve essere irrigata per mantenere il terriccio umido. Al momento opportuno si vedranno spuntare i primi germogli.

Ma ecco punto per punto tutta la procedura di come piantare il basilico in casa. Si può piantare la piantina in un vaso seguendo queste indicazioni:

  • Scegliere un vaso di dimensioni adeguate, che garantisca un buon drenaggio per evitare che l’acqua possa ristagnare.
  • Riempire il vaso con del terriccio universale o specifico per piante aromatiche da mescolare con sabbia per favorire il deflusso dell’acqua in eccesso
  • Piantare il seme di basilico o una piantina acquistata in vivaio, facendo attenzione a non danneggiare le radici. Si possono piantare anche più piantine a distanza di circa 8-10 cm tra loro.
  • Posizionare il vaso in un luogo luminoso dove riceva almeno 6-8 ore di luce solare al giorno, ma attenzione alle ore più calde estive, con il sole a picco che “cuoce” le foglie. Meglio evitare l’esposizione diretta al torrido sole dell'estate.
  • Innaffiare il basilico regolarmente, mantenendo il terreno sempre umido ma evitando ristagni d'acqua (questo aspetto è fondamentale).
  • Concimare la pianta con un concime specifico per piante aromatiche durante i mesi più "freddi".

Come curare il basilico per farlo crescere forte e sano 

Come curare una pianta di basilico? La cura del basilico non è particolarmente complessa, anzi come premesso è piuttosto semplice, basta però osservare alcune buone prassi. 

  • Controllare periodicamente la presenza di parassiti e malattie, intervenendo con prodotti specifici, se necessario.
  • Raccogliere le foglie quando sono abbastanza grandi per utilizzarle in cucina. Non togliere più del 1/3 delle foglie alla volta per non stressare la pianta.
  • Potare la pianta per favorire la crescita di nuove foglie, se il basilico diventa legnoso o inizia a produrre fiori.
  • Proteggere il basilico dal freddo nei mesi invernali, mettendolo in un luogo riparato o coprendolo con un telo termico. IOl vaso deve stare in luoghi con temperatura di 20-25 C°

Inoltre, per aiutare il basilico a crescere forte e sano è fondamentale prima di tutto riconoscerne le eventuali malattie più comuni che possono provocarne il danneggiamento.  

Come riconoscere le malattie del basilico

Per riconoscere le malattie sul basilico, è importante osservarne le foglie con attenzione e le piante nel loro complesso. Le malattie del basilico si riconoscono con facilità, anche al solo sguardo.

Il basilico

Ecco i dettagli da osservare:

  • Macchie scure o necrosi sulle foglie potrebbero indicare la presenza di malattie fungine come la muffa grigia o la muffa bianca.
  • Foglie ingiallite o cadenti potrebbero essere causate da malattie batteriche come la batteriosi. In alternativa potrebbe essere la conseguenza di un terriccio non equilibrato nei suoi elementi nutritivi  per la pianta.
  • Muffa bianca o polvere biancastra sulle foglie potrebbe indicare la presenza di oidio, una malattia fungina comune sulle piante da giardino.
  • Foglie deformate o arricciate potrebbero essere causate da virus che possono infettare il basilico.
  • Presenza di insetti dannosi come afidi o acari: questi insetti possono trasmettere malattie alle piante di basilico.
  • Marciume della pianta: solitamente è dovuto a un eccesso di acqua stagnante alla base del basilico in vaso.
Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Mental health

548 articoli pubblicati

Contenuti correlati
rosmarino in vaso
Rosmarino in vaso: come coltivarlo?

È possibile coltivare il rosmarino in vaso? Scopriamo quali attenzioni richiede quest'erba aromatica così popolare e cosa sapere per farla crescere al meglio.

Dell'aglio
Aglio in vaso: ecco come coltivarlo in casa con una guida semplice

Aglio in vaso: ecco come coltivarlo in casa con una guida semplice passo passo. Clicca qui per scoprire consigli, metodi e proprietà dell'aglio.

icon/chat