Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Causalgia

Causalgia

Causalgia
Curatore scientifico
Dr. Giovanni Mazzotta
Specialità del contenuto
Neurologia

Che cos'è la causalgia?

Si tratta di una rara sindrome dolorosa causata da lesioni parziali dei nervi periferici. Il Sistema Nervoso Centrale (cervello e midollo spinale) è collegato al Sistema Nervoso Periferico grazie a questi nervi, i quali lo connettono gli arti e gli organi.

Esistono due tipi di causalgia:

  • causalgia maggiore, si tratta della forma più severa;
  • causalgia minore, comprende le forme meno severe simili alla  distrofia simpatica riflessa, i cui sintomi includono dolori articolari e muscolari, oltre che variazioni nella densità ossea.

Altri nomi dati a tale sindrome includono:

  • algoneurodistrofia simpatico riflessa (es. algodistrofia della mano o del ginocchio);
  • sindrome algodistrofica;
  • complex regional pain syndrome (CPRS)
  • atrofia di Sudeck;
  • distrofia post traumatica (maggiore o minore);
  • sindrome spalla-mano;
  • distrofia riflessa neurovascolare.

Quali sono le cause di causalgia?

La sua causa risiede solitamente in lesioni del plesso branchiale che coinvolgono quei nervi che collegano il collo al braccio. La rottura dei segnali neurali si manifesta con un dolore e comporta il maggiore rilascio di noradrenalina, un neurotrasmettitore che provoca i sintomi vascolari.

Quali sono i sintomi della causalgia?

I sintomi solitamente includono una sensazione di bruciore prominente alla mano o ai piedi entro 24 ore dall'infortunio. Quasi tutte le stimolazioni sensoriali peggiorano questo dolore.

Come già anticipato, si assiste a cambiamenti vascolari. Questi comprendono sia la vasodilatazione (aumento del calibro dei vasi sanguigni) che la vasocostrizione (diminuzione del calibro dei vasi sanguigni).

Altri sintomi che potrebbero manifestarsi:

  • pelle secca o squamosa;
  • dita affusolate;
  • unghie increspate;
  • perdita dei capelli;
  • variazioni nella sudorazione.

Come avviene la diagnosi?

La diagnosi è effettuata in seguito ad un'anamnesi completa e ad un esame fisico, che talvolta risulta difficile da effettuare a causa del dolore stesso.

Qual è la terapia consigliata in caso di causalgia?

Qualora si soffrisse di causalgia, seguire una terapia prettamente medica risulta solitamente inefficace.

Il blocco simpatico, che comprende una serie di iniezioni di anestetico localizzate per bloccare determinati segnali dal Sistema Nervoso Simpatico, permette un sollievo durevole dal 18% al 25% dei pazienti.

La simpatectomia chirurgica (o la chirurgia per bloccare determinati sognali) allevia il dolore in più dell'80% dei pazienti. È curioso osservare che risultati analoghi sono stati osservati nei pazienti affetti da distrofia simpatica riflessa.

Altre tecniche utilizzate includono: endoscopia toracica e anteriore, radiofrequenza percutanea e sopraclavicolare.

Il rischio di complicanze significative non è nullo, ma si attesta intorno al 5%. Queste includono:

  • collasso del polmone;
  • dolore nel costato;
  • lesione alla spina dorsale;
  • sindrome di Horner, i cui sintomi comprendono: palpebre cadenti, pupille contratte, assenza di sudorazione e occhio che regredisce.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Cefalea
La cefalea è una tipologia di mal di testa e può essere di due generi, primaria e secondaria. 
Disartria
La disartria è un disordine della parola. Deriva da una alterazione dei movimenti dei muscoli che permettono di parlare correttamente, tr...
Insonnia
L'insonnia è la percezione di un sonno insufficiente o di scarsa qualità.