Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Fibroelastoma Papillare

Fibroelastoma papillare

Curatore scientifico
Dr. Leon Bertrand
Specialità del contenuto
Cardiologia

Che cos’è il fibroelastoma papillare?

Il fibroelastoma papillare è il più comune tumore valvolare che provoca una lenta crescita di lesioni specialmente della valvola aortica e della valvola mitrale.

Quali sono i sintomi del fibroelastoma papillare?

Il fibroelastoma papillare è una neoplasia normalmente asintomatica. In alcuni casi si presenta con sincope e dolore toracico.

Come viene diagnosticato il fibroelastoma papillare?

La diagnosi del fibroelastoma papillare viene effettuata tramite alcuni esami specifici quali:

  • ecocardiografia
  • radiografia del torace
  • esame istologico

Quali sono i trattamenti del fibroelastoma papillare?

Nei pazienti affetti da fibroelastoma papillare la terapia migliore è l’escissione chirurgica.

Quali complicazioni comporta il fibroelastoma papillare?

Il fibroelastoma papillare può comportare una serie di complicanze quali:

  • infarto miocardico acuto
  • ictus cerebrale
  • ostruzione coronarica
  • embolia arteriosa coronarica
  • morte improvvisa

Quali sono i soggetti maggiormente a rischio di contrarre il fibroelastoma papillare?

Il fibroelastoma papillare non mostra una maggiore incidenza in un’età anagrafica particolare e non mostra preferenze nei sessi. La diagnosi nei neonati e nei bambini va fatta con particolare attenzione perché potrebbe essere confuso con altre lesioni dell’età.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Cuore polmonare
Il cuore polmonare è un disturbo cardiaco molto grave, che si manifesta con ipertrofia del miocardio ed è causato da una disfunzione a ca...
Arteriopatia periferica
L’arteriopatia periferica è una malattia dell'apparato circolatorio caratterizzata dal progressivo restringimento delle arterie, con cons...
Bradicardia
La bradicardia è un sintomo caratterizzato da una frequenza cardiaca che rimane al di sotto del range di normalità.