Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Arteriopatia Periferica

Arteriopatia periferica

Arteriopatia periferica
Curatore scientifico
Dr. Domenico Miceli
Specialità del contenuto
Cardiologia

Cos’è l’arteriopatia periferica

L’arteriopatia periferica è una malattia dell'apparato circolatorio caratterizzata dal progressivo restringimento delle arterie, con conseguente riduzione dell’apporto di sangue, ossigeno e altri nutrienti verso le zone interessate.

La condizione interessa principalmente gli arti inferiori, che quindi non ricevono un adeguato apporto di ossigeno necessario a svolgere le attività quotidiane. Per questo motivo, è possibile avvertire dolore alle gambe durante la deambulazione.

L’arteriopatia periferica è spesso associata all’aterosclerosi, una condizione caratterizzata dalla formazione di placche di colesterolo e altri lipidi all'interno delle arterie. Queste placche ostruiscono il normale flusso del sangue diretto al cuore, al cervello e agli arti.

Sintomi dell’arteriopatia periferica

Molte persone con arteriopatia ostruttiva periferica non mostrano sintomi evidenti, mentre altre avvertono dolore alle gambe durante la deambulazione. La claudicatio intermittens è sicuramente uno dei sintomi caratteristici della vasculopatia periferica e si caratterizza per dolori e crampi muscolari alle gambe durante la deambulazione. 

Fortunatamente, questi sintomi tendono a scomparire dopo un breve riposo. La localizzazione del dolore è legata al punto in cui si verifica il restringimento o l’ostruzione. Solitamente, si tratta della regione del polpaccio.

In base alla gravità della condizione, è possibile osservare altri sintomi associati all’arteriopatia obliterante periferica:
 
  • Torpore alle gambe
  • Temperatura più bassa per l’arto interessato
  • L’arto colpito appare più pallido
  • Rallentamento della crescita dei peli
  • Disfunzione erettile negli uomini
Se la condizione non viene trattata, è possibile avvertire il dolore agli arti inferiori anche quando non si cammina o quando si è distesi a letto.

Cause dell’arteriopatia periferica

Il progressivo accumulo di depositi lipidici, all'interno del lume delle arterie tipico dell’aterosclerosi, rappresenta una delle principali cause che portano poi all’arteriopatia ostruttiva periferica.

Quando l’ateroscelorsi interessa i vasi che irrorano gli arti come l’arteria omerale per gli arti superiori, e l’arteria femorale per gli arti inferiori, allora possono manifestarsi i sintomi dell’arteriopatia periferica.

In altri casi, le cause vanno rintracciate in un’infiammazione di un vaso o in un trauma a carico degli arti o ancora in una malformazione.

Sicuramente, il fumo di sigaretta, il diabete o l’obesità rappresentano tutti dei possibili fattori di rischio per l'arteriopatia periferica.

Cure per l’arteriopatia periferica

Il trattamento per l’arteriopatia periferica ha due obiettivi principali:

  • Alleviare i sintomi della condizione
  • Bloccare la progressione dell’arteriopatia ed evitare complicazioni come ictus o infarto
È possibile centrare entrambi gli obiettivi attraverso cambiamenti radicali del proprio stile di vita. Una dieta sana e un regolare esercizio fisico possono apportare significativi benefici e alleviare il dolore e i crampi associati alla patologia.

Può essere utile seguire un programma di esercizi elaborato da un fisioterapista, con l’obiettivo di riuscire a percorrere distanze maggiori senza avvertire alcun tipo di dolore, favorendo una maggiore ossigenazione delle aree periferiche.

Farmaci contro l’arteriopatia periferica

Sono disponibili diversi farmaci, che un medico può prescrivere a persone con arteriopatia periferica:
 
  • Farmaci per ridurre il colesterolo - Un farmaco, noto come statina, può ridurre i livelli di LDL, il cosiddetto colesterolo cattivo, sotto i livelli di guardia e prevenire un possibile infarto.
  • Farmaci per l’ipertensione - Questi farmaci riportano i valori della pressione arteriosa a livelli ritenuti fisiologici. L’elevata pressione arteriosa, se non trattata, può infatti indebolire la parete delle arterie e contribuire all'aggravarsi dell’arteriopatia periferica.
  • Farmaci anticoagulanti - In questo modo, si previene la formazione di coaguli e si assicura un apporto di sangue e ossigeno continuo ai tessuti periferici.
In alcuni casi, nonostante un’adeguata cura farmacologica, i sintomi associati all'arteriopatia periferica non svaniscono. Diventa quindi necessario prendere in considerazione un intervento chirurgico di angioplastica coronarica. Mediante questo intervento, si riporta il vaso al suo calibro originale e si dissolve un coagulo, se presente. In questo modo, si ripristina il regolare flusso sanguigno.

L’arteriopatia periferica è una patologia da non sottovalutare perché può avere serie conseguenze. È quindi importante rivolgersi ad un medico se si avverte un dolore o indolenzimento ai muscoli degli arti.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Sindrome vasovagale
La sindrome vasovagale si caratterizza per uno svenimento improvviso, solitamente di breve durata, causato da una riduzione del flusso sa...
Cuore polmonare
Il cuore polmonare è un disturbo cardiaco molto grave, che si manifesta con ipertrofia del miocardio ed è causato da una disfunzione a ca...
Bradicardia
La bradicardia è un sintomo caratterizzato da una frequenza cardiaca che rimane al di sotto del range di normalità.