Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Paralisi Cerebrale

Paralisi Cerebrale

Paralisi Cerebrale
Curatore scientifico
Dr. Carlo Valtulina
Specialità del contenuto
Neurologia Neuropsichiatria infantile

Cosa è la paralisi cerebrale?

La paralisi cerebrale infantile è uno stato che può coinvolgere il cervello e le funzioni del sistema nervoso che consentono di:

  • muoversi
  • apprendere
  • udire
  • vedere
  • pensare

Ci sono diversi tipi di paralisi cerebrale, tra i quali:

  • paralisi cerebrale spastica
  • paralisi cerebrale discinetica
  • paralisi cerebrale atassica
  • paralisi cerebrale ipotonia
  • paralisi cerebrale mista

Quali sono le cause della paralisi cerebrale?

La paralisi cerebrale è causata da lesioni o da anomalie del cervello. La maggior parte di questi problemi si verificano durante la gravidanza, ma può accadere in qualsiasi momento durante i primi 2 anni di vita, mentre il cervello del bambino è ancora in via di sviluppo. In alcune persone le parti del cervello sono lesionate a causa di bassi livelli di ossigeno (ipossia). Non si sa perché questo si verifichi. I bambini prematuri hanno un rischio leggermente più elevato di sviluppare la paralisi cerebrale, la quale può verificarsi anche durante la prima infanzia a seguito di diverse condizioni, tra cui:

  • sanguinamento nel cervello
  • infezioni cerebrali: encefalite, meningite, infezioni da herpes simplex
  • trauma cranico
  • infezioni della madre durante la gravidanza: rosolia
  • ittero grave

Quali sono i sintomi della paralisi cerebrale?

I sintomi della paralisi cerebrale possono essere molto diversi. I più comuni possono:

  • coinvolgere solo un lato del corpo
  • coinvolgere entrambe le parti del corpo
  • essere più pronunciati in entrambe le braccia o le gambe

I sintomi della paralisi cerebrale sono di solito notati prima che un bambino compia 2 anni e, talvolta, iniziano prima dei 3 mesi. I genitori possono notare che il loro bambino è in ritardo nel raggiungere alcuni stadi dello sviluppo come la posizione seduta, gattonare o camminare. Ci sono diversi tipi di paralisi cerebrale. Alcune persone hanno un mix di sintomi. I sintomi di paralisi cerebrale spastica, il tipo più comune, comprendono:

  • muscoli non contratti
  • anomalie di movimento: le braccia si muovono verso i lati, le ginocchia si incrociano o si toccano, le gambe si mettono a “forbice” nei movimenti
  • giunture strette
  • debolezza muscolare o perdita di movimento in un gruppo di muscoli

I sintomi possono influenzare un braccio o una gamba, un lato del corpo, entrambe le gambe, o entrambe le braccia e le gambe. I seguenti sintomi possono verificarsi in altri tipi di paralisi cerebrale:

  • movimenti anormali (torsioni, strappi) delle mani, piedi, braccia o gambe
  • tremori
  • andatura instabile
  • perdita di coordinazione
  • muscoli flaccidi, soprattutto a riposo, con le articolazioni che si muovono troppo

Possono presentarsi alcuni di questi sintomi:

  • succhiare con difficoltà per i neonati
  • problemi di deglutizione
  • vomito
  • stitichezza

Altri sintomi sono:

  • aumento della salivazione
  • crescita più lenta
  • respirazione irregolare
  • incontinenza urinaria

Esiste una diagnosi per la paralisi cerebrale?

Un esame neurologico completo è importante per diagnosticare la paralisi cerebrale. Nelle persone anziane, il test di funzionalità cognitiva è più comune. Possono essere effettuati alcuni dei seguenti esami:

  • esami del sangue
  • tomografia computerizzata del capo
  • elettroencefalogramma
  • test dell’udito
  • risonanza magnetica della testa
  • test della vista

Esiste un trattamento per la cura della paralisi cerebrale?

Non esiste una cura per la paralisi cerebrale. L’obiettivo del trattamento è quello di aiutare la persona ad essere il più indipendente possibile. Il trattamento si basa sui sintomi della persona e sulla necessità di prevenire le complicanze. Mettere il bambino nella scuola pubblica è raccomandato, a meno che la disabilità fisica o mentale lo renda impossibile. I seguenti apparecchi possono aiutare con la comunicazione e l’apprendimento:

  • occhiali
  • apparecchi acustici
  • stampelle
  • tutore
  • sedie a rotelle

La terapia fisica, occupazionale, l'aiuto ortopedico o altri trattamenti possono essere necessari per aiutare lo svolgimento delle attività quotidiane.I farmaci impiegati possono includere:

  • anticonvulsivanti: per prevenire o ridurre la frequenza delle crisi epilettiche
  • tossina botulinica: contro la spasticità e la salivazione eccessiva
  • miorilassanti: per ridurre la spasticità e tremori

La chirurgia può essere necessaria in alcuni casi per:

  • controllare il reflusso gastroesofageo
  • tagliare determinati nervi dal midollo spinale per alleviare il dolore e la spasticità
  • inserire tubi per l’alimentazione
  • curare le contratture
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Distrofia muscolare di Becker
La distrofia muscolare di Becker è una patologia neuromuscolare degenerativa su base genetica, con un meccanismo di ereditarietà legato a...
Sindrome di Sluder
La sindrome di Sluder è una sindrome dolorosa appartenente al gruppo delle cefalee, causata dall’infiammazione del ganglio sfenopalatino.
Leucoencefalopatia
La leucoencefalopatia è una patologia dell’encefalo che provoca un’esclusiva o prevalente compromissione della sostanza bianca, caratteri...