Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Insonnia

Insonnia

Insonnia
Curatore scientifico
Dr.ssa Paola Valenzano
Specialità del contenuto
Neurologia

Cos'è l'insonnia

L'insonnia è il più comune disturbo del sonno e si verifica quando si hanno difficoltà ad addormentarsi o a mantenere il sonno; le cause, i sintomi e la gravità dell’insonnia variano da persona a persona. 

L'insonnia comporta sia il disturbo del sonno che sintomi diurni, comprendendo difficoltà ad addormentarsi, difficoltà a mantenere il sonno per tutta la notte e svegliarsi troppo presto la mattina.

I sintomi dell'insonnia possono avere un impatto su quasi ogni aspetto della vita. Gli studi dimostrano che l'insonnia influenza negativamente le prestazioni di lavoro, ostacola il processo decisionale e può danneggiare le relazioni

Nella maggior parte dei casi, le persone con insonnia riferiscono una peggiore qualità della vita in generale. L’insonnia è più comune negli anziani, nelle donne, tra le persone sotto stress e quelle con alcuni problemi di salute medica e mentale come la depressione.

Tipi di insonnia

I tipi di insonnia possono essere classificati in:
  • insonnia temporanea – di solito, è causata da cambiamenti situazionali, come viaggi ed eventi stressanti
  • insonnia primaria – si verifica in assenza di altri problemi medici
  • insonnia secondaria – si verifica come conseguenza di una condizione medica
Ci sono due tipi di insonnia, basati sulla regolarità e la durata dei sintomi di disturbo del sonno e diurne:
  • insonnia a breve termine – questo tipo di insonnia dura fino a 3 mesi. Essa si verifica tra il 15 e il 20% di persone
  • insonnia cronica – questo tipo di insonnia si verifica almeno 3 volte alla settimana e dura per almeno più di 3 mesi. Circa il 10% delle persone ha insonnia cronica.

Sintomi di insonnia

I sintomi dell’insonnia sono diversi per ogni paziente e possono includere:
  • fatica
  • problemi di attenzione, concentrazione o memoria (compromissione cognitiva)
  • scarso rendimento a scuola o al lavoro
  • malumore o irritabilità
  • sonnolenza diurna
  • impulsività o aggressività
  • mancanza di energia o di motivazione
  • errori o incidenti
  • preoccupazione o frustrazione per la qualità del sonno

Cause dell'insonnia

Le cause dell'insonnia possono dipendere da:
  • problemi ad addormentarsi
  • risveglio precoce
  • sonno non ristoratore
L'insonnia è più spesso associata ad altri fattori, tra cui:
  • stress – che varia da fattori relativamente lievi come il lavoro o lo stress personale, a cambiamenti più gravi come la morte, il divorzio o la perdita del posto di lavoro
  • altri disturbi del sonno – alcuni disturbi possono causare insonnia o peggiorare la situazione. Ad esempio, le persone con la sindrome delle gambe senza riposo possono avere difficoltà ad addormentarsi
  • condizioni mediche – molte malattie fisiche possono causare insonnia. Le persone che soffrono di dolore, disagio o di mobilità limitata da problemi di salute possono avere difficoltà ad addormentarsi o a mantenere il sonno. L’insonnia a causa di condizioni mediche è più comune negli adulti più anziani, perché le persone tendono ad avere più problemi di salute cronici con l’invecchiamento. Condizioni come la gravidanza, in particolare nel terzo trimestre, e la menopausa possono causare problemi di sonno
  • disordini mentali – la relazione tra il sonno e la salute mentale è complessa. L'insonnia è a volte causata da un disturbo di salute mentale. Spesso, un disturbo di salute mentale verrà trovato dopo una denuncia di insonnia. Le persone affette da depressione spesso hanno difficoltà ad addormentarsi o a mantenere il sonno. La difficoltà ad addormentarsi è anche comune nelle persone con disturbi d'ansia. Altri disturbi dell'umore come il disturbo bipolare possono causare problemi di sonno
  • farmaci o uso o abuso di sostanze – l'insonnia può essere un effetto collaterale indesiderato di molti medicinali. Farmaci per il raffreddore e allergie comuni contengono pseudoefedrina e possono rendere difficile l’addormentamento. Antidepressivi e farmaci per il trattamento di ADHD, la pressione alta o il morbo di Parkinson possono anche causare insonnia
  • bere alcool – prima di coricarsi, può causare frequenti risvegli durante la notte. La caffeina e altri stimolanti possono impedire di addormentarsi. Gli stimolanti causano anche frequenti risvegli durante la notte
  • fattori ambientali – l'ambiente in cui si dorme può causare insonnia. Fattori di disturbo come il rumore, la luce o temperature estreme possono interferire con il sonno. Dormire con qualcuno che russa può anche causare disturbi del sonno. L'esposizione prolungata a tossine ambientali e a sostanze chimiche può impedire di essere in grado di addormentarsi o rimanere addormentati
  • abitudini o stili di vita – orari del sonno irregolari possono causare insonnia nei lavoratori che cercano di dormire durante il giorno

Come capire se si è affetti da insonnia

Se pensate di avere l'insonnia, ponetevi le seguenti domande:
  • Impiego più di 30 minuti per addormentarmi? Mi sveglio durante la notte e ho difficoltà a tornare a dormire o mi sveglio prima di quanto desiderato?
  • Ho sintomi diurni come stanchezza, sbalzi d'umore, sonnolenza o bassa energia?
  • Non vado a letto in un ambiente sicuro, buio e silenzioso che dovrebbe permettermi di dormire bene?
Se hai risposto "sì" a tutte queste domande, allora potresti soffrire l'insonnia

Come prepararsi ad una visita specialistica

Se si ha avuto insonnia per almeno 3 mesi (insonnia cronica), potrebbe essere utile parlarne con un medico. Se l'insonnia è durata meno di 3 mesi, si può avere insonnia a breve termine.

Provare a seguire una buona igiene del sonno (ossia un insieme di abitudini e rituali che si possono attuare ogni notte per migliorare le proprie dormite). Se il problema non si risolve entro 3 mesi, parlarne con un medico del sonno.

Prima dell'appuntamento, il medico chiederà di tenere un diario del sonno per 2 settimane, con la registrazione di quando si va a dormire e quando ci si sveglia, di quanto tempo si è rimasti svegli durante la notte. Questo può dare ai medici indizi su ciò che sta causando l'insonnia e quale trattamento prendere.

Il medico del sonno avrà bisogno di sapere la storia medica del paziente e l’eventuale assunzione di farmaci. Vorrà anche sapere se è successa qualsiasi altra cosa nella vita, come un evento che causi stress o traumi.

Il medico può dare una prova scritta per analizzare il benessere mentale ed emotivo. È possibile sottoporsi a delle analisi del sangue, se il medico sospetta un problema fisico correlato, che sta causando insonnia.

Cura per l'insonnia

Il trattamento per l'insonnia dipende dalla sua causa. Combattere l'insonnia cronica implica una qualsiasi combinazione di trattamenti che prevede farmaci, terapia cognitivo-comportamentale e l'impostazione di una buona routine del sonno.

  • Igiene del sonno – in molti casi di insonnia cronica, praticando una buona igiene e cambiando le abitudini del sonno si può migliorare. L’igiene del sonno è un insieme di abitudini e rituali che si può fare ogni notte per migliorare le proprie dormite
  • terapia cognitivo-comportamentale per l'insonnia – si rivolge ai pensieri e ai comportamenti che impediscono di dormire bene. Inoltre, consente di imparare nuove strategie per dormire meglio. Questa terapia comprende le tecniche di riduzione dello stress, il rilassamento e la gestione del programma del sonno
  • farmaci – un medico può prescrivere farmaci per trattare l'insonnia. I sonniferi che sono specificamente approvati per trattare l'insonnia, sono chiamati ipnotici. Si può sviluppare una tolleranza a questi farmaci nel corso del tempo.

Insonnia in gravidanza

Le donne possono sperimentare l'insonnia durante tutte le fasi della gravidanza, ma tende ad essere più comune nel primo e terzo trimestre. Tuttavia, anche se l'insonnia potrebbe essere devastante, non è dannosa per il bambino.

Entro la fine di una gravidanza, molte donne sperimentano difficoltà a dormire bene per via della grandezza della pancia. L'insonnia in gravidanza, comunque, può verificarsi in vari momenti e per ragioni differenti, che includono:
Altre cause di insonnia durante la gravidanza possono essere legate allo stress. La donna in gestazione potrebbe sentirsi in ansia per il travaglio e il parto. Questi pensieri possono tenere sveglie la notte, soprattutto dopo la terza visita al bagno.

Può essere difficile distrarsi da questi pensieri. Per attenuarli, provare a scrivere tutte le preoccupazioni. Questo darà la possibilità di prendere in considerazione possibili soluzioni.

Infine, per contrastare l'insonnia correlata alla gravidanza, cercare di seguire questi consigli:
  • praticare una serie di buone abitudini prima di coricarsi iniziare cercando di andare a letto alla stessa ora ogni notte ed spegnere tutti gli schermi (tablet, smartphone, PC e televisione) almeno un'ora prima di dormire. La luce blu di questi dispositivi, infatti, può avere un impatto sul ritmo circadiano del corpo. Provare invece a leggere un libro. Anche fare un bagno rilassante potrebbe aiutare a conciliare il sonno (fare però attenzione che la temperatura non sia troppo calda, il che può essere pericoloso per il bambino) 
  • dieta – bere molta acqua per tutto il giorno, ma ridurre al minimo le bevute dopo le 19, per evitare di andare a urinare troppo spesso. Cercare anche di evitare la caffeina a partire dal tardo pomeriggio. Mangiare una cena sana, cercare di masticare lentamente per ridurre le possibilità di bruciore di stomaco; anche cenare presto può aiutare, ma è bene non andare a letto affamate. Prepararsi quindi uno spuntino leggero se si sente il bisogno di mangiare qualcosa a tarda sera. Qualcosa ad alto contenuto di proteine, per esempio, può mantenere i livelli di zucchero nel sangue costanti per tutta la notte. Infine, un bicchiere di latte caldo può aiutare a conciliare il sonno
  • esercizio fisico – rimanere attive durante il giorno o dedicarsi a qualche sport in modo da risultare più stanche e bisognose di riposare di notte.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Amnesia
L'amnesia è una forma di perdita di memoria. 
Cefalea
La cefalea è una tipologia di mal di testa e può essere di due generi, primaria e secondaria. 
Disartria
La disartria è un disordine della parola. Deriva da una alterazione dei movimenti dei muscoli che permettono di parlare correttamente, tr...