Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Polipi Intestinali

Polipi intestinali

Polipi intestinali
Curatore scientifico
Dr. Enrico Tempèra
Specialità del contenuto
Gastroenterologia

Cosa sono i polipi intestinali?

I polipi intestinali sono delle crescite anomale di tessuto nel colon. I polipi intestinali possono variare per forma:

  • polipi intestinali piatti: noti come polipi sessili, hanno dimensioni più piccole e sono spesso di natura maligna
  • polipi intestinali peduncolati: si sviluppano sulla parete dell'intestino

I polipi intestinali possono essere di natura benigna o possono aggravarsi, divenendo maligni.

Chi ha maggiori possibilità di sviluppare i polipi intestinali?

Alcuni soggetti hanno maggiori possibilità di sviluppare i polipi intestinali:

  • soggetti di età superiore ai 50 anni
  • soggetti che hanno già avuto polipi intestinali
  • soggetti precedentemente colpiti da tumore al colon,
  • soggetti con cancro all’utero

Quali sono i fattori di rischio dei polipi intestinali?

I fattori di rischio dei polipi intestinali sono:

  • dieta ipercalorica
  • fumo
  • alcol
  • sedentarietà
  • obesità

Quali sono i sintomi dei polipi intestinali?

I pazienti con polipi intestinali spesso non manifestano alcun sintomo. I sintomi principali che possono avvertirsi sono:

  • sanguinamento dall’ano
  • stitichezza
  • diarrea
  • sangue nelle feci

Come si diagnosticano i polipi intestinali?

Alcuni esami consentono di verificare la presenza di **polipi intestinali:

  • sigmoidoscopia: un sottile tubo flessibile è inserito nel retto, consentendo così di individuare la presenza di polipi
  • colonscopia: un lungo tubo flessibile inserito nell'intestino attraverso il retto mostra le immagini su uno schermo e, nello stesso tempo, rimuove i polipi
  • esame delle feci

Qual è il trattamento previsto per l'eliminazione dei polipi intestinali?

I polipi intestinali sono spesso rimossi durante la colonscopia. Altre volte, l'intervento chirurgico è necessario per evitare che i polipi si trasformino in tumori maligni.

Cosa segue alla rimozione di un polipo?

In seguito a una polipectomia, è importante sapere che possono esservi delle recidive, poiché vi è una predisposizione alla poliposi; infatti, una volta asportato il polipo intestinale (o i polipi), in relazione alle caratteristiche istologiche, sono vitali dei controlli che sono da annuali a quinquennali. In poche parole: una volta asportato il polipo, occorre proseguire sulla strada della prevenzione attraverso controlli costanti.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Diarrea
La diarrea è un disturbo dell'intestino consistente nell’aumento della frequenza giornaliera dell’evacuazione.
Ernia
Un'ernia si verifica quando gli organi interni spingono verso l'esterno, su parete muscolare e tessuti, producendo il caratteristico rigo...
Nausea
La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.