Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Nausea

Nausea

Nausea
Curatore scientifico
Dr. Alberto Damiani
Specialità del contenuto
Gastroenterologia

Cos’è

La nausea fa riferimento a una senso di malessere, spesso corrispondente a una spiacevole sensazione precursoria del vomito e può, infatti, anticiparne l'emissione a partire dallo stomaco. Tuttavia, la nausea differisce dal vomito vero e proprio in quanto non comporta l'emissione di cibo all'esterno.

Le cause della nausea sono varie ma, spesso, possono essere evitate; questo risulta fondamentale perché se la sensazione di nausea si prolunga eccessivamente, può risultare debilitante.

Cause

Le cause della nausea sono varie: alcune persone sono molto sensibili al movimento o a certi alimenti, farmaci, o agli effetti di alcune condizioni mediche. Le più comuni cause di cause di nausea includono:
  • Bruciore di stomaco o malattia da reflusso gastroesofageo – Il bruciore di stomaco o una malattia da reflusso gastroesofageo può far sì che il contenuto del vostro stomaco si sposti di nuovo verso l'esofago quando si mangia
  • Virus o infezioni – Batteri o virus possono influenzare lo stomaco e portare alla nausea. I batteri di origine alimentare possono causare una malattia nota come un'intossicazione alimentare. Le infezioni virali possono anche causare nausea
  • Farmaci – Assumere alcuni farmaci, per esempio, trattamenti di cancro come la chemioterapia, può turbare lo stomaco o contribuire alla nausea; assicurarsi quindi di leggere attentamente le informazioni del farmaco che si assumono
  • Mal d'aria e mal di mare – Il mal d'aria e il mal di mare possono derivare da un giro accidentato su un veicolo. Questo movimento può causare i messaggi trasmessi al cervello di non sincronizzarsi con i sensi, portando a nausea, vertigini, o vomito
  • Dieta – L'eccessiva assunzione o il consumo di alcuni alimenti, come ad esempio cibi piccanti o ad alto contenuto di grassi, può turbare lo stomaco e causare nausea così come ingerire alimenti a cui si è allergici
  • Ulcera – Le ulcere, ossia le piaghe nello stomaco o nel rivestimento dell'intestino tenue, possono contribuire alla nausea: quando si mangia, infatti, un'ulcera può causare una sensazione di bruciore e nausea improvvisa.

Quando andare dal medico

Cercare immediatamente aiuto medico se la nausea è accompagnata da sintomi di attacco cardiaco. I sintomi di attacco cardiaco. includono dolore toracico schiacciante, un intenso mal di testa, dolore alla mascella, sudorazione, o dolore al braccio sinistro.

Si dovrebbe anche cercare l'attenzione di emergenza se la nausea si verifica in combinazione con un forte mal di testa, torcicollo, difficoltà di respirazione e confusione. Cercate aiuto medico se sospettate di aver ingerito una sostanza velenosa o se siete disidratati.

Infine, rivolgersi al medico se la nausea impedisce di mangiare o bere per più di 12 ore. 

Trattamento

Il trattamento per la nausea dipende dalla causa. I farmaci più comunemente utilizzati per contrastare la nausea includono farmaci antinausea, antitaminici, farmaci per contrastare il reflusso gastro-esofageo correlato all’acidità di stomaco, e degli antidolorifici per il mal di testa intenso. 

Mantenersi idratati può aiutare a ridurre al minimo la disidratazione dopo la vostra nausea diminuisce. Ciò comprende l'assunzione di piccoli e frequenti sorsi d'acqua o di una bevanda contenente elettroliti.

Quando si inizia a reintrodurre il cibo solido, è utile attenersi a una dieta che includa banane, riso, salsa di mele e toast fino a quando il vostro stomaco non sarà più stabile.

Prevenzione

Assumere un farmaco anti-nausea prima di un viaggio può anche prevenire la sua comparsa così come apportare alcune modifiche alle vostre abitudini alimentari, come mangiare di frequente piccoli pasti. Anche eviatre un'intensa attività fisica dopo i pasti e astenersi dai cibi piccanti, grassi o grassi può aiutare a prevenire la comparsa della nausea.

Esempi di alimenti che hanno meno probabilità di causare nausea includono:
  • Cereali
  • Cracker
  • Toast
  • Brodo.
Infine, evitare situazioni che comunemente causano la nausea può aiutare a prevenirne l'insorgenza. Questo include evitare:
  •  Luci lampeggianti, che possono innescare attacchi di emicrania
  • Calore e umidità
  • Viaggi per mare
  • Odori forti, come profumi e odori da cucina.

Nausea in gravidanza

Il vomito e la nausea sono molto comuni nelle prime fasi della gravidanza. Possono presentarsi in qualsiasi momento del giorno o della notte, e alcune donne si sentono male tutto il giorno.

Le nausee mattutine sono certamente sgradevoli, e per alcune donne possono influenzare in modo significativo la loro vita quotidiana. Tuttavia queste non sottopongono il bambino ad alcun rischio, e di solito si risolvono tra la sedicesima e la ventesima settimana della gravidanza.

Alcune donne sviluppano una grave forma di malattia da gravidanza chiamata iperemesi gravidica. Questo può essere grave, e c'è una possibilità che non si può ottenere abbastanza liquidi nel vostro corpo (disidratazione) o non ottenere abbastanza nutrienti dalla vostra dieta (malnutrizione). Potrebbe essere necessario un trattamento specialistico, a volte in ospedale.

A volte le infezioni delle vie urinarie possono causare causare nausea e vomito. Un'infezione del tratto urinario di solito colpisce la vescica, ma può diffondersi anche ai reni.

Contattare quindi subito il medico se si verificano i seguenti segni di disidratazione o un'infezione delle urine:
  • L'urina ha un colore molto scuro o non si urina da più di 8 ore
  • Non si è in grado di trattenere il cibo o i fluidi per 24 ore
  • Ci si sente gravemente deboli, con vertigini o svenimenti quando si è in piedi
  • Si ha dolore addominale
  • Si percepisce dolore o si notano tracce di sangue quando si urina
  • Si è perso peso.
Purtroppo, non esiste un trattamento veloce che funzionerà per ogni mattina di ogni donna: ogni gravidanza sarà infatti diversa. i sono alcuni cambiamenti che si possono fare per la vostra dieta e la vita quotidiana per cercare di alleviare i sintomi. 

Se questi non funzionano per voi o si percepiscono sintomi più gravi, il medico o l'ostetrica potrebbe raccomandare qualche farmaco.

Se le nausee mattutine non sono troppo gravi, il medico o ostetrica inizialmente consiglia di provare alcuni cambiamenti di stile di vita:
  • Riposo abbondante (la stanchezza può peggiorare la nausea)
  • Evitare cibi o odori che ti fanno sentire male
  • Mangiare qualcosa come un toast secco o un biscotto prima di alzarti dal letto
  • Mangiare piccoli, frequenti pasti di cibi semplici che sono ricchi di carboidrati e poveri di grassi (come pane, riso, cracker e pasta)
  • Mangiare cibi freddi al posti di quelli caldi se l'odore di pasti caldi fa sentire male
  • Bere molti liquidi, come l'acqua (sorseggiando poco e spesso può aiutare a prevenire il vomito)
  • Mangiare cibi o bevande contenenti zenzero: infatti c'è qualche evidenza che lo zenzero possa aiutare a ridurre la nausea e vomito (verificare con il farmacista prima di assumere integratori allo zenzero durante la gravidanza)
  • Provare l'agopressione: mettere pressione sul polso, utilizzando una fascia speciale o braccialetto sul tuo avambraccio, può aiutare ad alleviare i sintomi.

Nausea post sbornia: come farla passare

Bere alcol in eccesso può portare a una serie di sintomi di sbornia, tra cui il vomito. Vomitare è infatti la risposta organica all'eccesso di tossine dovute all'eccessiva quantità di alcol ingerito.

La cosa migliore da fare è lasciare che il corpo reagisca naturalmente, mentre si prendono misure per prevenire complicazioni come la disidratazione.

Quindi, anziché cercare di contrastare il vomito, nel caso di un post-sbornia è preferibile aiutare semplicemente se stessi a sentirsi meglio, fino a quando il vostro corpo si è sbarazzato di tutto l'alcol.

Ecco alcuni modi per ridurre al minimo la nausea post sbornia e i suoi effetti collaterali:
  • Bere piccoli sorsi di liquidi per reidratarsi – Attendere fino a circa 30 minuti dopo aver vomitato per l'ultima volta. 
  • Riposare – Non cercare di esagerare il giorno di una sbornia: dormire può aiutare a sentirsi meglio.
  • Astenersi dall'alcol Non cercare di contrastare la sbornia ingerendo nuovamente alcol: si tratta di un mito infondato che non aiuta a lenire i sintomi di una sbornia; al contrario, aumenterà le tossine presenti nel corpo, peggiorando di fatto la situazione. Prendersi quindi una pausa dall'alcol e non bere il giorno di un post sbornia. 
  • Prendere l'ibuprofene per alleviare il dolore  – La maggior parte dei medici suggeriscono di assumere ibuprofene anziché acetaminofene perché sarà il fegato a scomporre l'acetaminofene, ma il fegato è già occupato a scomporre l'eccesso di tossine presenti nell'organismo. Tuttavia, l'ibuprofene può causare disturbi allo stomaco in alcune persone, assumerlo quindi insieme a delle piccole quantità di cibo.
  • Mangiare piccole quantità di cibo secco – Anche se il vomito fa desistere dai pasti, è importante continuare a nutrirsi per ripristinare l'energia: mangiare a piccoli morsi cibi come toast, cracker o puré di mele. 
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Mal di stomaco
Il mal di stomaco causa crampi o dolore alla parte alta dell'addome. Normalmente, non dura a lungo e causa lievi disturbi. 
Diarrea
La diarrea è un disturbo dell'intestino consistente nell’aumento della frequenza giornaliera dell’evacuazione.
Ernia
Un'ernia si verifica quando gli organi interni spingono verso l'esterno, su parete muscolare e tessuti, producendo il caratteristico rigo...