Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Trombo

Trombo

Trombo
Curatore scientifico
Dr. Gabriele Bertoni
Specialità del contenuto
Angiologia

Che cos'è un trombo?

Il trombo è un coagulo di sangue che si forma nei vasi, siano essi arteriosi, venosi, capillari o coronarici. La formazione di un trombo è una condizione potenzialmente grave. Se raggiunge dimensioni significative, può bloccare il lume del vaso e ostruirne il flusso. In casi peggiori, il trombo può occludere grossi vasi arteriosi, evitando il flusso di ossigeno in organi vitali.

Cosa succede se il trombo interessa una vena?

Quando il trombo interessa una vena, il coagulo porta a un rallentamento circolatorio con comparsa di edema, causando un anomalo rigonfiamento degli organi o delle regioni interessate. Ne sono esempi:

  • la tromboflebite o trombosi superficiale: che si manifesta attraverso febbre, edema, rossose, dolore e perdita delle funzionaità, con la formazione di un cordone dolente lungo tutto il corso della vena ostruita. Per fortuna raramente da origine ad un embolo;
  • la trombosi venosa profonda è invece più pericolosa, innanzittutto perché non presenta sintomi nella maggior parte dei casi. Il trombo può staccarsi e dirigersi verso il cuore destro e poi ai polmoni.
Immagine di un trombo venoso

Quali sono le cause di una trombosi superficiale e di una trombosi profonda?

La trombosi venosa superficiale colpisce principalmente le vene in superficie di ridotte dimensioni. Non va comunque trascurata perché nel 20% dei casi può trasformarsi in trombosi venosa profonda. 

La principale causa di una tromboflebite sono le vene varicose. In questo caso le vene hanno un diametro superiore ai 3 mm dove la circolazione avviene più lentamente, formando un coagulo. La trombosi venosa profonda può manifestarsi in qualsiasi soggetto. Esistono tre cause per le quali aumenta la percentuale di incidenza. Questi tre fattori sono conosciuti in medicina come triade di Virchow:

  • inattività e alterazione del flusso sanguigno
  • ipercoagulabilità
  • danni endoteliali o lesioni alle pareti dei vasi sanguigni

Ma quali sono i sintomi del trombo?

È vero che la trombosi venosa profonda spesso non presenta sintomi, ma a volte alcune persone accusano questi sintomi: 

  • dolore o sensibilità nella zona colpita, principalmente quando si cammina o si è in piedi
  • sensazione di calore alla gamba colpita
  • vene in superficie più visibili

In presenza di questi sintomi è opportuno consultare il medico.

I sintomi della trombosi venosa superficiale, invece sono più lievima non meno preoccupanti. Calore all’arto colpito, gonfiore e un colorito roseo della pelle in prossimità del trombo.

Un coagulo, creatosi nella vena, ostruisce il flusso sanguigno

Qual è la giusta terapia?

La terapia per la trombosi venosa profonda si basa essenzialmente su tre punti:

  • ridurre le dimensioni dei trombi
  • evitare complicanze come embolia polmonare o sindrome post-trombotica
  • far si che la trombosi non si ripresenti

Fatta la diagnosi giusta, il medico di competenza procederà alla somministrazione di farmaci anticoagulanti, che sono solitamente di due tipi:

  • Eparina, assunta tramite iniezioneo via endovenosa;
  • Warfarin, si assume in forma di pillola.

Le calzatura a compressione graduata sono indicate invece che la trombosi venosa semplice, insieme ad impacchi caldi sulla parte interessata. Difficilmente il medico, in questo caso, prescriverà farmaci anticoaguanti, a meno che il trombo non si trovi in vene grandi come la safena.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Embolo
Un embolo è una massa distaccata che viaggia nel flusso sanguigno e può creare danni e intasare i capillari arteriosi, dando origine a un...
Linfedema
Grazie al miglioramento delle tecnologie in ambito scientifico, il linfedema sta acquisendo una rilevanza sempre maggiore in ambito medic...
Capillari fragili (fragilità capillare)
Una condizione di fragilità dei capillari, più comunemente conosciuta come fragilità capillare, può colpire una persona quando i vasi san...