Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Cardioplegia

Cardioplegia

Cardioplegia
Curatore scientifico
Dr. Leon Bertrand
Specialità del contenuto
Cardiochirurgia Cardiologia

Quali tipi di cardioplegia si utilizzano attualmente?

Attualmente esistono diversi tipi di cardioplegie, che si possono suddividere principalmente in due gruppi:

  • cristalloidi, che fanno ricorso a una soluzione cristalloide extracellulare;
  • ematiche, che utilizzano come veicolo il sangue.

Perché viene usata la cardioplegia?

Durante la CEC, la mancanza di flusso sanguigno nel cuore a seguito del clampaggio dell'aorta impedisce la circolazione coronarica.

Questa mancanza di circolazione provoca sofferenza cardiaca a seguito del mancato apporto di metaboliti e può provocare un'ischemia.

Questa condizione, se prolungata nel tempo, può causare un'insufficienza contrattile del miocardio di tipo irreversibile, che rende impossibile una ripresa della sua attività.

Nel corso degli anni si è tentato di trovare diverse soluzioni a questo problema e sono state perfezionate varie tecniche, fino ad arrivare alla all'attuale utilizzo di soluzioni cardioplegiche per la protezione del miocardio.

Chi ha eseguito per primo un bypass totale cardiopolmonare?

Il primo a realizzare un bypass totale cardiopolmonare (con la sopravvivenza dell'animale usato per l'esperimento) fu Gibbon nel 1937.

Gibbon si servì di pompe arteriose e utilizzò come ossigenatore un sistema a reti di metallo.

Allo stesso Gibbon, nel 1953, si deve il primo utilizzo di un bypass cardiopolmonare su una donna di giovane età.

Quali metodiche erano usate prima della cardioplegia?

Prima dell'utilizzo della cardioplegia in cardiochirurgia venivano adottate diverse metodiche.

  • La perfusione coronarica continua, che prevedeva l'introduzione di due cateteri negli osti coronarici per ottenere una derivazione del circuito arterioso.
  • Una metodica alternativa prevedeva di non clampare l'aorta (lasciandola declampata) mentre si operava sulle altre valvole, fatta eccezione per quella aortica integra. Con questa metodica, tuttavia, il cuore era in costante movimento e la grande quantità di sangue che fluiva dal seno coronarico richiedeva una notevole aspirazione, creando elevate difficoltà al chirurgo.

Quali problemi comportavano le tecniche usate in passato al posto della cardioplegia?

Nonostante le numerose scoperte avvenute a partire dagli anni Cinquanta, e i notevoli progressi fatti nel campo della cardiochirurgia a cuore aperto,  le metodiche utilizzate comportavano  ancora alcuni problemi come, per esempio:

  • la sindrome di bassa portata o la sindrome del miocardio stuporoso;
  • la cosiddetta “stone heart sindrome”.

Questi problemi rendevano più complessa la chirurgia cardiaca e facevano conseguentemente aumentare il tasso di mortalità.

A chi si deve la scoperta della cardipolegia chimica e farmacologica?

Quando venne focalizzato il problema principale della cardiochirurgia a cuore aperto, si capì che era essenziale riuscire ad arrestare il cuore in diastole, consentendo un abbassamento della temperatura al fine di alterare il metabolismo; questo processo consente di preservare le scorte di energia e rende più facile la ripresa alla fine dell'arresto indotto.

La scoperta di questo processo avvenne nel 1955 ad opera di Melrose, con la cosiddetta cardioplegia chimica. A Bretshneider, nello stesso periodo, si deve invece la cardioplegia farmacologica.

Da allora, in caso di circolazione extracorporea iniziò quindi a essere adottato il concetto di “pretrattamento” del muscolo cardiaco. L'obiettivo è quello di aumentare o modificare il metabolismo del cuore, per consentirgli di resistere meglio all'ischemia, servendosi di soluzioni ioniche.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Betabloccanti
I beta bloccanti, noti anche come agenti bloccanti beta-adrenergici, sono farmaci che riducono la pressione sanguigna. Funzionano bloccan...
Farmaci vasodilatatori
I vasodilatatori sono farmaci che dilatano i vasi sanguigni rilassando la loro muscolatura liscia. Anche altri farmaci utilizzati per cu...
Statine
Le statine sono una classe di farmaci, prescritti dai medici, in caso di incremento dei livelli di colesterolo LDL nel sangue, al fine di...