Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Telecobaltoterapia

Telecobaltoterapia

Curatore scientifico
Dr. Lucia Burrai
Specialità del contenuto
Radiologia

Che cos’è la telecobaltoterapia?

Si tratta di un trattamento radioterapico usato per la cura del cancro. Ormai considerato sorpassato si basa su raggi gamma irradiati dai radioisotopi di cobalto 60. Mentre i raggi colpiscono direttamente il cancro, il cobalto lo deteriora, andando a toccare solo le cellule malate e lasciando intatte quelle sane. 

Quando nasce?

Tutto parte dal dottor Harold E. Johns che, nel 1949, chiese l’autorizzazione al National Research Council di produrre isotopi di cobalto 60. Il primo paziente sottoposto a questa terapia si ebbe nel lontano 27 ottobre del 1951 in Ontario, al Victoria Hospital di London.

Nello stesso periodo fu costruito un secondo apparecchio per questo tipo di terapia, prodotto dalla Eldorado Mining&Refining Ltd.

Fu realizzata da questa società anche la prima unità per la telecobaltoterapia usata in Italia, e la prima in tutta Europa, utilizzata dall’ospedale di S. Lorenzo di Borgo Valsugana nel 1953. 

Come è fatta un’unità per la telecobaltoterapia?

Si tratta di una struttura in acciaio e piombo, e da una testata che contiene il cobalto 60. La fonte delle radiazioni e esterna all’organismo, di forma cilindrica e del peso di pochi grammi, ed è costituita da dischi, impilati tra loro, di cobalto. 

Come agisce?

La testa dell’unità, quella contenente il materiale radioattivo, produce un cono di radiazione, circoscritto alla zona d’ombra da lui prodotta. Per evitare che le radiazioni si disperdano in tutte le direzioni, il cobalto 60 è chiuso in una testata di piombo o tungsteno, che la fa assomigliare ad una bomba. In questa struttura viene poi praticato in foro che permette ai raggi gamma di colpire solo la zona che va sottoposta al trattamento. Poiché il materiale radioattivo con il tempo decade, è necessario aumentare in modo proporzionale l’esposizione del paziente al trattamento, aumentandone la durata per garantire un’efficacia della terapia. Il periodo di vita del cobalto 60 è di 5 anni, ma se dopo questo periodo non è più efficace le sue scorie restano pur sempre radioattive, motivo per cui l’uso di questa macchina va diminuendo. 

Che cos’è il cobalto 60?

Si tratta di un isotopo radioattivo e instabile del cobalto, che, una volta decaduto, emette radiazioni. Grazie alle sue proprietà disintegranti sul DNA viene usato per rendere inoffensivi i microrganismi di ogni tipo. 

Quali sono i vantaggi del suo utilizzo?

  • Penetra più in profondità
  • Danni limitati alla cute
  • Colpisce in modo più preciso l’area da trattare
  • Possibilità di aumentare la distanza tra la sorgente del raggio e la pelle
  • Bassi costi manutenzione e semplicità di uso delle unità di telecobaltoterapia

Quli sono gli svantaggi del suo utilizzo?

  • Il veloce dimezzamento fisico del cobalto che obbliga ad aumenti dei tempi di esposizione e a frequenti cambi della pastiglia radioattiva (5 anni circa)
  • L’energia dei fotoni è più bassa rispetto agli acceleratori lineari
  • Tempi di irradiazione lunghi
  • Limitatezza dei campi di irradiazione

 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Scintigrafia ossea
La scintigrafia ossea è una tecnica diagnostica per immagini. I traccianti utilizzanti per le rilevazioni non sono mezzi di contrasto per...
Radiumterapia
La radiumterapia è un trattamento terapeutico basato sull’impiego di radionuclidi artificiali, in sostituzione del radio.
Mezzo di contrasto
Quando si effettuano delle radiografie all’addome, gli organi contenuti all’interno non sono visibili se non viene iniettato un liquido d...