Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Vitrectomia

Vitrectomia

Curatore scientifico
Dr. Domenico De Felice
Specialità del contenuto
Oculistica

Come si svolge la vitrectomia?

Durante l’intervento, il chirurgo inserisce un piccolo strumento nell’occhio, taglia il gel vitreale e lo aspira via. In seguito alla rimozione, si può curare la retina attraverso l’utilizzo di un laser (fotocoagulazione), tagliare o rimuovere tessuti fibrosi o cicatrizzati dalla retina stessa, e le aree appiattite che provocano i distaccamenti o, infine, risistemare possibili fori  o macchie.

Conclusi questi procedimenti, vengono iniettati dell’olio di silicone o bolle di gas che  spingano la retina contro la parete dell’occhio. Nel caso in cui venga utilizzato l’olio di silicone, è bene sapere che questo non può essere assorbito dal corpo, ecco perché è necessario un secondo intervento per rimuoverlo, in seguito alla completa guarigione del distaccamento.

Cosa aspettarsi dall’intervento chirurgico?

La vitrectomia può richiedere un ricovero di almeno una notte. In altri casi però può essere effettuata con una procedura ambulatoriale. L’intervento può durare dalle 2 alle 3 ore e sarà il medico a stabilire se effettuarlo con anestesia totale o locale.

A causa dell’iniezione di gas o olio il vostro medico potrà raccomandarvi quale posizione mantenere affinché questi possono fare pressione contro il distacco.

Contattate il vostro medico se doveste notare segni di possibili complicazione in seguito all’intervento, come:

  • Riduzione della vista
  • Aumento del dolore
  • Aumento del rossore
  • Gonfiore attorno all’occhio
  • Possibili perdite dall’occhio
  • Presenza di fasci di luce, pulviscoli o altri cambiamenti nel campo visivo

A cosa serve la vitrectomia?

La vitrectomia può essere effettuata per:

  • Riparare o prevenire un distacco della retina trazionale, soprattutto quando minaccia di colpire la macula.
  • Riparare i grossi strappi nella retina.
  • Ridurre la perdita di vista causate dall’emorragia vitreale, soprattutto con un grave sanguinamento o quando i residui di sangue non si ripuliscono da soli nel giro di diversi mesi.
  • Curare i casi più gravi di retinopatia proliferativa che provocano grosse cicatrici o che continuano a presentarsi nonostante le ripetute cure a laser.

L’utilizzo dell’olio di silicone è molto più frequente nei casi di adulti, bambini o di tutti quelli che hanno difficoltà a mantenere l’occhio e la testa nella posizione raccomandata.

I risultati sono positivi?

È stato dimostrato che la vitrectomia migliora di gran lunga l’acutezza visiva in molte persone che presentano un’emorragia vitreale.

Solitamente, la chirurgia riesce a ristabilire la vista persa a causa di un distacco della retina o aiuta a prevenire ulteriori distaccamenti. Il risultato però, risulta migliore quando il distaccamento non ha colpito il centro della retina (macula), lasciando intatta la visione centrale.

Quali sono i rischi?

La vitrectomia provoca una forte pressione all’interno dell’occhio, specie per chi ha un glaucoma.

Esistono altri seri rischi che possono minacciare la vista, tra cui:

  • Ulteriore sanguinamento nel gel vitreale
  • Distacco della retina
  • Accumulo di fluidi nel rivestimento trasparente dell’occhio (edema corneale)
  • Infezioni all’interno dell’occhio (endoftalmite)
  • Possibile formazione della cataratta in seguito alla chirurgia

Cosa aspettarsi dalla vitrectomia?

La vitrectomia viene principalmente effettuata per la rimozione del sangue dal centro dell’occhio, provocato dall’emorragia vitreale. Quando accade ciò, il medico può raccomandare di attendere alcuni mesi o addirittura un anno, per osservare se il gel vitreale si ripulisca da solo, prima di ricorrere alla chirurgia che potrebbe apportare dei rischi. Nel caso in cui però l’emorragia comporti la perdita della vista o ulteriori casi di retinopatia, è meglio ricorrere alla chirurgia al più presto. Infatti alcuni studi hanno dimostrato che effettuare una vitrectomia in tempo comporta risultati migliori a lungo termine.

Ci sono diversi modi per curare un distacco della retina. La possibilità che ogni tipo di chirurgia possa aiutare a ripristinare una buona vista dipende da caso a caso. La causa, il luogo e il tipo di distacco determinano solitamente quali tipo di intervento lavora meglio. La presenza di altri problemi può inoltre essere determinante in questa scelta.

Possono essere necessari ulteriori operazioni per riattaccare la retina.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Occhiali da vista
Gli occhiali da vista sono un dispositivo che si usa per la correzione di difetti visivi, quali l'astigmatismo, la miopia, la presbiopia....
Occhiali da sole
Gli occhiali da sole sono un dispositivo ottico che permette di proteggere gli occhi dai dannosi raggi solari o, semplicemente, dal fasti...
Laser miopia
La laser miopia è un intervento di chirurgia refrattiva che permette di risolvere definitivamente il problema della miopia.