Quando tagliare i capelli al neonato?

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 29 Marzo, 2024

Bambino sostenuto mentre gli vengono spuntati i capelli

Esiste un momento giusto per tagliare i capelli al neonato? Dopo quanto è indicato dare la prima spuntatina alla chioma di un bimbo? 

Ecco cosa sapere sul primo taglio di capelli del neonato.

Tagliare i capelli al neonato: quando farlo?

Non esiste un riferimento temporale preciso in merito al quando tagliare i capelli ai neonati tuttavia in genere si consiglia di procedere alla prima spuntatina a partire dai tre mesi di età del piccolo

Proprio a partire da questo periodo, infatti, la chioma del bimbo comincia ad allungarsi e qualche ciocca potrebbe cominciare a dare fastidio: accorciarla leggermente contribuirà a risolvere la situazione e renderà la testa più ordinata.

Per il primo taglio di capelli del neonato non serve prendere appuntamento dal parrucchiere, in quanto basterà utilizzare delle semplici forbici dalla punta arrotondata

Lo scopo del taglio non è infatti quello di eliminare gran parte della chioma, bensì semplicemente quello di tagliare le ciocche che danno fastidio, di sistemare le irregolarità nelle lunghezze, di togliere la lanugine che può formarsi a causa del continuo sfregamento della testa sul cuscino e di alleggerire il capo evitando di farlo sudare troppo.

I capelli dei neonati vanno solo sistemati ma non tagliati del tutto in quanto essi, al pari delle unghie, sono molto fragili, e tenderanno a cadere da soli quando arriverà il momento, per poi essere sostituiti con ciocche più forti. 

I capelli definitivi, sia per quanto riguarda il colore che la struttura, iniziano a crescere a partire dall'anno di vita.

undefined

Essi vanno gradualmente a sostituire la peluria con la quale il neonato viene al mondo, tuttavia non vi è una regola fissa per quanto riguarda le tempistiche con le quali essi faranno la loro comparsa. 

In genere i primi capelli cominciano a cadere durante i primi mesi di vita, ma a volte essi possono permanere anche fino ai due anni.

Intorno all'anno di vita, quando nella maggior parte dei casi le prime ciocche sottili e senza forma sono state sostituite da capelli più robusti e strutturati, si può effettuare il primo taglio vero e proprio

Che sia in casa o dal parrucchiere, in questa occasione si potrà accorciare la frangia oppure regolare la lunghezza con l'obiettivo di conferire una forma più regolare alla pettinatura.

Come tagliare i capelli a un neonato

La prima spuntatina ai capelli dei neonati può essere fatta in casa, idealmente a partire dai tre-quattro mesi ma volendo anche più tardi (verso i cinque-sei mesi), quando il bambino comincia a mantenere sollevata la testa in modo più agevole e l'operazione risulta molto più semplice.

Prima di tagliare la chioma al neonato, potrebbe essere utile chiedere a un'altra persona un supporto nel tenere ferma la testa del bimbo

Il rischio è, infatti, che quest'ultimo, avvertendo la presenza della forbice vicino alla testa, compia qualche movimento di scatto, con il rischio di farsi male.

Per quanto riguarda la scelta delle forbici, vanno benissimo quelle con la punta tonda e smussata, mentre è assolutamente bandita la macchinetta, visto che un bimbo nato da qualche mese presenta ancora delle fontanelle aperte. 

undefined

Se si opta per tagliare i capelli del neonato in casa, ecco qualche indicazione da seguire:

  • posizionare il bambino steso sul fasciatoio (o comunque su una superficie rigida) e a pancia in giù, in modo da poter tagliare con facilità la parte posteriore della chioma;
  • qualora il bambino fosse già in grado di sostenere il capo tenendo alta la testa, farlo sedere sul seggiolone;
  • accendere eventualmente la televisione per distrarlo; 
  • lavare leggermente la chioma in modo che sia umida. L'importante è che non sia eccessivamente bagnata o il taglio risulterà molto più difficile;
  • farsi aiutare da un'altra persona per tenere ferma la testa del bimbo.

Potrebbe interessarti anche:


Se, invece, il bambino è già un po' più grande e si decide per andare dal parrucchiere, questi sono alcuni consigli pratici di cui tenere conto:

  • meglio evitare di prendere appuntamento dal parrucchiere quando il bimbo potrebbe essere stanco. La mattina oppure i momenti della giornata durante i quali è abituato a giocare sono l'ideale;
  • portare con sé qualche gioco e uno snack, così da distrarre i bambini più difficili da convincere;
  • se il bambino ha paura del parrucchiere, mantenere la calma e adottare un atteggiamento rilassato che lo tranquillizzi;
  • non manifestare ansia o nervosismo di fronte al bambino.

È vero che tagliare i capelli ai bambini li rinforza?

Vi è spesso l'opinione diffusa che tagliare i capelli al neonato rinforzi la chioma e aiuti a farla crescere sana e in salute. 

In realtà il taglio non influisce sulla struttura del capello e non ne facilita la crescita. 

Il fatto che in alcuni bambini appena nati si verifichi la cosiddetta alopecia da decubito, ad esempio, non ha niente a che vedere con il fatto che non gli sono stati tagliati i capelli.

Ciò che influisce sulla capacità di crescita e sulle caratteristiche della chioma è solamente la genetica, la quale gioca un ruolo fondamentale. 

In ogni caso, i capelli con cui viene al mondo il bimbo sono destinati a cadere spontaneamente nel giro di poco tempo e in seguito, non appena il ciclo di crescita si sarà stabilizzato, la chioma diventerà molto più robusta e forte senza bisogno di alcun intervento.

Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Valentina De Pietro
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Bebe e neonati

1004 articoli pubblicati

a cura di Valentina De Pietro
Contenuti correlati
mamma tiene in braccio il suo bimbo
Trauma cranico nel neonato: cosa fare?

Cosa fare se il neonato subisce un forte colpo alla testa? Come ci si deve comportare in caso di trauma cranico? Ecco tutto quello che c'è da sapere.

Neonato che riposa nel lettino
Apnea neonatale: come riconoscerla?

Che cos'è l'apnea neonatale e come si riconosce? Perché compare e con quali sintomi si manifesta? Scopriamo cosa comportarci in caso si verifichi.