Tosse in gravidanza: cosa fare per stare meglio

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 04 Dicembre, 2023

Donna incinta tossisce

La tosse in gravidanza è un'eventualità fastidiosa, ma purtroppo molto comune. Cosa si può fare per alleviare il fastidio arrecato da questo sintomo durante la gestazione?

Esistono dei rimedi naturali che si possono assumere?

Vediamolo insieme.

Tosse in gravidanza: cosa prendere per farla passare  

Tosse e raffreddore sono due sintomi estremamente comuni, soprattutto durante la stagione invernale.

Sebbene nella maggior parte dei casi essi non richiedano l'assunzione di farmaci, talvolta, a causa della loro persistenza e della loro intensità, risultano difficili da sopportare. Ma è vero che la tosse in gravidanza fa male al bambino?

Fortunatamente no, in quanto il feto risulta ben protetto dal liquido amniotico e non subisce particolare conseguenza dalla comparsa della tosse gravidica.

All'interno del pancione il bimbo avverte i colpi di tosse sotto forma di vibrazione, e non ne viene disturbato neppure se essa dovesse essere particolarmente vigorosa.

La comparsa della tosse in gravidanza, tuttavia, non va sottovalutata in quanto potrebbe essere la spia di una patologia in atto.

È opportuno, quindi, contattare il proprio medico per indagarne la causa e non improvvisare l'assunzione di una terapia a base di medicinali.

Meglio piuttosto orientarsi verso preparati naturali, sempre però dopo aver prima chiesto consiglio al proprio dottore.

I rimedi per la tosse in gravidanza dovrebbero comunque essere il più possibile a base di sostanze naturali e solo in situazioni particolarmente gravi (e sempre dopo aver ricevuto il nulla osta da parte del ginecologo), si dovrebbero assumere farmaci specifici.

In alternativa sono molto utili gli sciroppi sedativi, i quali hanno la funzione di lenire l'irritazione alle vie respiratorie e di calmare le mucose.


Potrebbe interessarti anche:


Tosse in gravidanza: come curarla con i rimedi naturali

L'assunzione di sciroppi per la tosse in gravidanza dovrebbe sempre essere subordinata a un consulto con il proprio medico, inoltre è preferibile orientarsi su rimedi disponibili comunemente in commercio, senza improvvisare soluzioni casalinghe.

Tra le sostanze utili per far passare la tosse in gestazione vi sono:

  • il miele. Il miele è uno dei prodotti naturali più efficaci per calmare l'irritazione delle mucose. È possibile preparare un ottimo sciroppo per la tosse in gravidanza sciogliendone un cucchiaio all'interno di un liquido caldo (come il latte o il tè). Attenzione però, a consumare il miele se si soffre di diabete gravidico, in quanto essendo molto ricco di zuccheri, esso potrebbe peggiorare il livello della glicemia nel sangue;
  • suffumigi. I suffumigi sono utili per sciogliere il muco accumulato nell'organismo. Qualora si soffra di tosse grassa in gravidanza, questo rimedio è particolarmente efficace in quanto riesce a fluidificarla e favorisce l'espulsione del catarro. Per prepararli, basta semplicemente porre a bollore una pentola d'acqua e inspirarne il vapore tenendo coperto il volto. È inoltre possibile aggiungere qualche goccia di olio essenziale dimenta piperita, eucalipto, timo o pino, in modo da accentuare l'effetto balsamico sulle mucose;
  • aerosol. È possibile sfruttare l'azione fluidificante dell'aerosol ma solo se si utilizza una soluzione fisiologica e non dei medicinali;
  • gargarismo con foglie di salvia. Sembra che un ottimo rimedio per contrastare la tosse secca in gravidanza sia quello di effettuare dei gargarismi con il tè alla salvia. Per prepararlo occorre versare otto foglie di salvia in 200 ml di acqua bollente, far bollire per 15 minuti e poi utilizzare il liquido a temperatura ambiente per effettuare i gargarismi;
  • lavaggi nasali. Utilizzare una soluzione fisiologica oppure preparare un liquido fai da te con un cucchiaino di sale sciolto in mezzo litro di acqua tiepida;
  • bere molto. Assumere almeno 2-2,5 litri di liquidi al giorno per aiutare a sciogliere il muco e favorire la guarigione;
  • sciroppo alla cipolla. Sembra che questo rimedio costituisca un utile sciroppo per tosse in gravidanza, perfetto soprattutto in caso di tosse grassa. Si prepara così: mettere delle fette di cipolla coperte di zucchero in un piatto e lasciare macerare per un’ora. Consumare il liquido ottenuto dalla macerazione della verdura, il quale ha una naturale capacità espettorante in grado di eliminare i batteri, liberare le vie respiratorie e alleviare l'irritazione che coinvolge la gola

 Tosse in gravidanza: le accortezze da tenere presente

Contrarre la bronchite in gravidanza o altre forme virali particolarmente fastidiose, ha come conseguenza quella di produrre una tosse intensa e continua.

Attenzione, però, a utilizzare solo rimedi sicuri per il bambino, in quanto alcune sostanze, anche di origine naturale, possono non essere indicate per chi è in gestazione.

Tra le soluzioni che richiedono una certa prudenza vi è, ad esempio, la propoli, la quale è ampiamente utilizzata per contrastare le mucose irritate ma che potrebbe non essere un'opzione così sicura.

Un'altra categoria di rimedi da non sottovalutare sono i sedativi. Per placare la tosse forte in gravidanza è possibile assumere dei sedativi, ma sempre e solo su rigorosa prescrizione medica, mentre è controindicato l'uso di antibiotici, i quali, nella maggior parte dei casi, sono inutili in caso di forme virali.

Ulteriore attenzione deve essere posta nei confronti dei cosiddetti FANS, ovvero i farmaci antinfiammatori anti-steroidei, i quali vanno assunti solo in caso di necessità e sempre dopo aver chiesto consiglio al proprio ginecologo.

Qualora si soffra di sintomi parainfluenzali associati a tosse secca in gravidanza, cosa prendere per stare meglio senza arrecare danni al bambino?

In questo caso il rimedio più consigliato è il paracetamolo (sotto forma di Tachipirina, Efferalgan), il quale è efficace nell'abbassare la temperatura e nel contrastare i sintomi influenzali.

Assolutamente vietata invece, soprattutto nei primi tre mesi di gravidanza, l'aspirina, la quale può avere serie conseguenze sulla salute del feto.

Se il medico dovesse ritenerlo opportuno, per curare la bronchite in gravidanza si possono assumere antibiotici come l'amoxicillina e l’ampicillina (penicilline), l'azitromicina, dei sedativi per la tosse, dei fluidificanti e degli antidolorifici, i quali sono sicuri ma vanno presi sempre in seguito alla prescrizione di un professionista sanitario.

Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Marcello Sergio
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Gravidanza

943 articoli pubblicati

a cura di Dr. Marcello Sergio
Contenuti correlati
donna incinta dal ginecologo
Incompatibilità materno fetale: cosa significa?

Cosa significa quando vi è un'incompatibilità materno fetale? Da cosa è determinata questa condizione e cosa comporta? Come si risolve? Scopriamolo insieme.

donna incinta fa yoga
Yoga in gravidanza: perché e come praticarlo

Perché praticare yoga in gravidanza? Quali benefici apporta questa attività e come può preparare la gestante in vista per parto? Ecco cosa sapere.

icon/chat