Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. 5 falsi miti sullo zucchero

5 falsi miti sullo zucchero

Ultimo aggiornamento – 08 Luglio, 2015

L’era post-moderna nella quale viviamo è un periodo storico ricco di contraddizioni. Per esempio, siamo costantemente bombardati da consigli sulla dieta, eppure il numero di persone che soffrono di obesità, come quello degli individui sovrappeso, continua a crescere. Il problema principale sta nella miriade di informazioni false che circolano attraverso i media di tutto il mondo e che spesso riguardano elementi fondamentali sulla cui base costruiamo le nostre abitudini alimentari. Nella speranza che questo aiuti a creare un punto fermo nel mezzo di un uragano di disinformazione, ecco sfatati cinque dei miti più comuni che riguardano lo zucchero.

1. I dolcificanti artificiali fanno bene alla salute

Al bar, come nelle nostre case, sono in moltissimi coloro che scelgono di sostituire lo zucchero con dolcificanti artificiali, nella speranza di perdere peso. Nonostante la promessa delle “zero calorie”, però, i dolcificanti artificiali alzano il livello di zucchero nel sangue e influiscono negativamente sulla flora intestinale. Un consumo eccessivo di questi prodotti può portare a problemi, come obesità, depressione, ansia, e infiammazioni.

2. Lo zucchero ti dà la carica

Spesso, si sente dire che lo zucchero è una risorsa di energia incredibile. Bisogna però stare attenti alle semplificazioni: le risorse di energia non sono tutte uguali. I cibi con alti livelli di zucchero – dalle merendine alla patatine – possono sì dare una spinta istantanea, ma questa “energia” si esaurisce velocemente. Gli alimenti ricchi di fibre, proteine e grassi (non idrogenati) sono invece capaci di soddisfare i bisogni del nostro corpo e fornire l’energia necessaria per vivere una vita sana.  

3. Mangiare frutta fa male, meglio usare lo zucchero

Esistono pubblicitari espertissimi che per anni hanno fatto circolare l’idea che la frutta contenga moltissimi zuccheri e quindi lo zucchero prodotto a livello industriale sia un’alternativa valida che permette di assorbire meno calorie. Il problema di questa leggenda metropolitana sta però nel fatto che la frutta, oltre che a essere ricca di zuccheri, porta con sé fibre e sostanze nutritive che ci saziano. Lo zucchero industriale, invece, è solamente una fonte di calorie vuote. 

4. Lo zucchero di canna bio fa bene

Proprio come succede con i dolcificanti artificiale, in molti credono che lo zucchero di canna biologico sia un’alternativa salutare allo zucchero bianco. Nonostante siano il risultato di processi industriali diversi, i due prodotti hanno però la stessa carta d’identità chimica. In altre parole, zucchero è zucchero, non importa il colore.

5. Le diete senza zucchero sono la risposta giusta

Le etichette “senza zucchero” sono forse il tranello più pericoloso dell’industria alimentare. Prendendosi cura in un colpo solo di dubbi e sensi di colpa, queste etichette nascondono una realtà ovvia: agave, miele e gli altri prodotti usati per sostituire lo zucchero… non sono altro che zucchero. Per di più, spesso questi sostituti sono ricchi di fruttosio, il che li rende potenzialmente ancora più pericolosi del normale.

 

Mostra commenti
Rischio di impotenza per chi cura la prostata
Rischio di impotenza per chi cura la prostata
Paleodieta? No grazie. Meglio la dieta del futuro.
Paleodieta? No grazie. Meglio la dieta del futuro.
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Muffa in casa? Ci sono pericolose conseguenze sulla salute
Muffa in casa? Ci sono pericolose conseguenze sulla salute
Epitelioma, un tumore della pelle molto diffuso (di cui si parla poco)
Epitelioma, un tumore della pelle molto diffuso (di cui si parla poco)
Apnee notturne e patente: l’iter da seguire per tornare a guidare
Apnee notturne e patente: l’iter da seguire per tornare a guidare
Jogging e realtà virtuale per correre tra i paesaggi di tutto il mondo
Jogging e realtà virtuale per correre tra i paesaggi di tutto il mondo