7 ragioni per cui dormire sulla schiena (supini) può risolvere i problemi legati al sonno

Martina Valizzone | Psicologa

Ultimo aggiornamento – 22 Ottobre, 2021

Dormire supini: Benefici

Dormire sulla schiena fa bene? Diversi studi hanno evidenziato come dormire in questa posizione sia una soluzione semplice ed efficace, per alleviare i disturbi del sonno e i problemi all’apparato muscolo-scheletrico. 

Vediamo di scoprire insieme perché e quali sono i benefici del dormire sulla schiena

Dormire supini: cosa ci dice la scienza?

Dormire sulla schiena, anche noto come sonno supino, offre una serie di benefici per la salute che potreste non aver considerato.

Secondo diversi studi dormire di schiena aiuterebbe a:

  • mantenere la colonna vertebrale allineata;
  • ridurre il mal di testa cervicogenico;
  • alleviare la pressione sul petto;
  • prevenire le rughe e le irritazioni del viso.

Perfino per i neonati, l'American Academy of Pediatrics raccomanda di tenerli in posizione supina durante il sonno, in modo da ridurre il rischio di sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS). 

Sebbene però il sonno supino abbia molteplici benefici, non è sicuramente la posizione più popolare infatti un’indagine del 2017, ha evidenziato come oltre il 60% degli adulti in Europa preferisca dormire di fianco.

Come anticipato, ci sono molte ragioni per dormire supini. Vediamo nel dettaglio le principali.

1) Dormire supini riduce il dolore alla schiena e al collo 

Dormire supini aiuta a ridurre la pressione sulla colonna vertebrale. Sdraiati sulla schiena, la colonna vertebrale si riposa e mantiene la sua curvatura naturale, grazie all’aiuto dei cuscini che sorreggono il collo. Al contrario, dormire a pancia in giù e con la testa di lato, comprime la colonna vertebrale inclinando il collo all'indietro.

2) Allevia i sintomi della sinusite

Se dormiamo sulla schiena, per effetto della gravità, il muco causato da raffreddore o sinusite sarà spinto verso il basso, liberando le vie aeree e permettendo una migliore respirazione. 

3) Può ridurre le imperfezioni della pelle

Dal momento che le federe assorbono le impurità di pelle e capelli, se si dorme di fianco o a pancia in giù, questi vengono facilmente trasferiti sul viso durante il sonno, causando il proliferare di punti neri, pori dilatati, arrossamenti e irritazioni. Dormire supini, invece, tiene il viso lontano dalla federa e, dunque, dallo sporco e dagli oli che possono irritarlo.

4) Aiuta a rallentare l’insorgenza delle rughe

Dormire con il viso a contatto col cuscino può irritare la pelle, a causa dell'attrito con il tessuto della federa, favorendo l’insorgenza delle rughe. Dormendo sulla schiena, si evita che il viso entri in contatto con il cuscino e si mantiene il collo dritto, il ché aiuta a prevenire lo sviluppo prematuro delle rughe sul viso e sul collo.

5) Riduce il gonfiore

Quando si è sdraiati sul viso, i liquidi si accumulano in quella zona provocando gonfiore intorno agli occhi e sul volto. Dormendo supini, si scoraggia la ritenzione locale di liquidi e di conseguenza il gonfiore.

6) Contribuisce a prevenire il mal di testa da cervicale

Simile al suo effetto sul collo e sulla colonna vertebrale, il sonno sulla schiena riduce la pressione su collo e testa. Mantenendo la testa, il collo e la colonna vertebrale in una posizione neutra come quella da supini si allevia la pressione su queste zone, riducendo l'insorgere di tensioni muscolari e mal di testa. 

7) Ci aiuta a svegliarci naturalmente 

In posizione supina è più facile accorgersi delle variazioni di luce esterne e, dunque, a svegliarsi in modo naturale quando sorge il sole, fattore che ci aiuta a regolarizzare il nostro ritmo sonno-veglia. 

Cosa occorre per dormire meglio?

Se volete migliorare la qualità del vostro sonno ed evitare eventuali disturbi legati alla postura, assicuratevi di avere vari cuscini e un asciugamano arrotolato a portata di mano. Provate a mettere un cuscino sotto le ginocchia o un asciugamano arrotolato sotto la zona lombare, in modo da sostenere le curve naturali del vostro corpo e spostare la pressione dalla schiena. 

Un altro consiglio utile è quello di creare una routine serale per facilitare l'addormentamento. Provate a bere una bevanda calda, riducete l’illuminazione in casa nelle ore precedenti al sonno, praticate tecniche di rilassamento o meditative, ma soprattutto evitate di passare del tempo davanti allo schermo di PC o smartphone prima di coricarvi. 

Se decidete di cambiare la posizione in cui dormite, prendetevi il vostro tempo e armatevi di strumenti adatti per rendere la transizione il più semplice possibile. Una volta stabilita questa nuova pratica, dovreste riuscire a dormire meglio e più profondamente con notevoli benefici per la vostra salute.

Martina Valizzone | Psicologa
Scritto da Martina Valizzone | Psicologa

Sono una psicologa dell'età evolutiva, con una specializzazione in psicoterapia sistemico relazionale. In ambito lavorativo, mi occupo principalmente di terapie individuali e familiari e, da qualche anno, di psicologia dell'educazione, lavorando alla progettazione e realizzazione di interventi psico-pedagogici in ambito scolastico ed extrascolastico.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Contenuti correlati
Una ragazza parla con uno psicologo
Cos'è il Cannabidiolo o CBD e a cosa serve

Cos'è il cannabidiolo e perché viene utilizzato? Quali sono i benefici del cosiddetto CBD, le modalità di assunzione e le controindicazioni? Ecco cosa sapere.