Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Bambini Tv

Televisione, genitori e bambini poco attivi

Marco Cicirello | Blogger

Ultimo aggiornamento – 31 Marzo, 2015

Televisione, genitori e bambini poco attivi

I figli assorbono inevitabilmente le abitudini dei genitori, rimanendo influenzati per tutta la vita da certi modi di fare che, a lungo, influiscono pure sulla loro salute. E’ il caso della televisione e delle ore che siamo abituati a trascorrere sul divano, la sera, guardandola in compagnia dei nostri piccoli. Uno studio inglese ha messo in relazione le abitudini dei genitori e gli effetti sulla salute dei loro figli.

Lo studio dei ricercatori di Londra

I ricercatori dell’University College of London hanno messo a confronto le abitudini di più di 6000 inglesi nati in una singola settimana del 1970, studiando i loro comportamenti a 10 e 42 anni.

“La sera le famiglie tendono a sedersi e guardare la TV, e invece dovrebbero uscire e fare una passeggiata. Se non si può andare fuori, andrebbero meglio giochi che fanno stare in piedi e bruciare un po’ di energie, invece di farci rimanere sul divano con degli snack in mano”, dice Lee Smith, co-autore della ricerca.
Oggi, rispetto agli anni 70, i dispositivi che ci costringono a inchiodarci sul divano senza più alzarci sono diversi: tablet, smartphone e pc portatili che anche i bambini hanno quasi sempre a disposizione. I genitori dovrebbero sempre incoraggiarli a restare attivi e scegliere altre distrazioni.

Quando le persone coinvolte nello studio avevano 10 anni, i ricercatori posero alcune domande ai loro genitori, cercando di capire quanto spesso i bambini facevano sport e quante ore passavano guardando la televisione. Il loro peso e la loro altezza vennero registrati, e lo stesso venne fatto con le occupazione dei genitori.

Quei ragazzini di 10 anni sono diventati adulti di 42: i ricercatori sono tornati a porre delle domande per verificare quante ore passano davanti la TV e quante facendo sport. Gli è stato anche chiesto di valutare il loro stato di salute e il loro peso.

I risultati

Lo studio dimostra che quei bambini che a 10 anni guardavano molta televisione hanno il 42% della probabilità di passare più di tre ore al giorno davanti uno schermo da adulti, molto di più rispetto a chi, da bambino, guardava poca tv. Questi stessi adulti che guardano più di tre ore al giorno affermano di essere in “normale” o cattiva salute, considerandosi in sovrappeso o addirittura obesi. Inoltre, c’è una buona probabilità che essi avessero padri in sovrappeso o impegnati in lavori manuali o particolarmente ripetitivi.
I figli di operai hanno il doppio di probabilità, rispetto ai figli di manager, di guardare più di tre ore di TV al giorno all’età di 42 anni. I genitori impegnati in lavori manuali “sono maggiormente attivi al lavoro e tendono a compensare i loro sforzi trascorrendo più tempo seduti durante le ore di relax” dice un altro dei ricercatori, il Dr Mark Hamer. “I figli tendono a riprodurre le abitudini dei loro genitori. E’ importante, invece, che i bambini restino attivi e che vengano incoraggiati a fare sport”.

L’importanza di questo studio sta nel numeroso gruppo di persone che sono state seguite e nel largo intervallo di tempo oggetto dell’indagine. “La nostra ricerca indica che i comportamenti più o meno salutari dei genitori possono influenzare le abitudini dei loro figli fino a tre decadi dopo la loro infanzia” ha aggiunto il Dr Hamer.

 

 

Mostra commenti
Gli effetti negativi del fumo su un feto
Gli effetti negativi del fumo su un feto
La risonanza magnetica ci dirà se siamo innamorati
La risonanza magnetica ci dirà se siamo innamorati
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Dentifricio sui brufoli: ma funziona davvero?
Dentifricio sui brufoli: ma funziona davvero?
Isteroscopia diagnostica: un esame utile per tutte le donne
Isteroscopia diagnostica: un esame utile per tutte le donne