Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Dai broccoli una speranza contro l’autismo

Dai broccoli una speranza contro l’autismo

Ultimo aggiornamento – 07 Novembre, 2014

I germogli di broccoli potrebbero migliorare alcuni sintomi dell’autismo.

Questa considerazione, che può suonare inizialmente bizzarra, ha origine da uno studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, che cerca di analizzare gli effetti del sulforafano, sostanza contenuta nei broccoli, sui pazienti autistici. Pare, infatti, che questa sostanza stimoli le difese immunitarie, combatta le infiammazioni e prevenga i danni al DNA, proprio come accade all’organismo quando, a causa della febbre, reagisce stimolando le proprie difese. Anche in questi casi, infatti, come raccontano i genitori di ragazzi autistici, la temperatura elevata del corpo sembra quasi annullare alcuni dei sintomi della malattia.

Lo studio

Durate lo studio sono subito emersi risultati positivi. L’indagine ha coinvolto 40 ragazzi e giovani adulti maschi, di età compresa tra i 13 e i 27 anni, con forme di autismo anche gravi. A una parte di loro, è stata somministrata ogni giorno una dose di sulforafano. Risultato? Hanno dimostrato una migliore capacità di rapportarsi agli altri, anche nella comunicazione verbale.

Il sulforafano contro l’autismo?

Ancora presto per rispondere a questa domanda. Quel che è certo è che quasi tutti i pazienti coinvolti hanno mostrato di far progressi per tutta la durata del trattamento. Purtroppo, però, alla fine del percorso di sperimentazione, tolte le dosi di sulforafano, si è tornati al punto di partenza.

Ma cosa rende il sulforafano così efficace?

Studi precedenti hanno già dimostrato che le cellule dei soggetti autistici hanno un alto grado di stress ossidativo che causa danni al DNA. Il sulforafano agisce bloccando proprio l’ossidazione. Broccoli a volontà, dunque? Non è proprio così. In realtà, il sulforafano presente nei broccoli varia a seconda della specie; inoltre, la capacità dell’uomo di convertire i precursori in sulforafano attivo non è chiara e certa.

Cosa resta da fare? Avere fiducia nei ricercatori che sostengono che “queste siano prove preliminari del primo trattamento per l’autismo che migliora i sintomi correggendo, apparentemente, alcuni dei problemi cellulari sottostanti. Siamo lontani dal poter dichiarare una vittoria sull’autismo“, precisa Andrew Zimmerman del Memorial Medical Center dell’Università del Massachusetts, ma la ricerca “ci dà importanti indizi su ciò che potrebbe aiutare“.

Mostra commenti
Dr. Anvari: il chirurgo che opera a 400 km di distanza
Dr. Anvari: il chirurgo che opera a 400 km di distanza
Un piccolo pezzo di carta per fermare l’Ebola
Un piccolo pezzo di carta per fermare l’Ebola
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Malattie croniche dell’intestino? La causa potrebbe essere nel sangue
Malattie croniche dell’intestino? La causa potrebbe essere nel sangue
Insieme a “FraParentesi” per offrire supporto a chi vive con un tumore
Insieme a “FraParentesi” per offrire supporto a chi vive con un tumore
Come eseguire un massaggio rilassante alla testa
Come eseguire un massaggio rilassante alla testa
Avete sempre fame? Ecco i motivi più frequenti
Avete sempre fame? Ecco i motivi più frequenti