Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Buone notizie per la lotta contro il cancro alle ovaie

Buone notizie per la lotta contro il cancro alle ovaie

Ultimo aggiornamento – 29 maggio, 2017

Lotta contro il cancro alle ovaie
Indice

Pazienti affette da cancro alle ovaie con antigene NY-ESO-1 espresso sarebbero affette da una tipologia di cancro più aggressivo e con un più elevato tasso di mortalità: è questo ciò che afferma un ampio studio condotto dai ricercatori del Roswell Park Cancer Institute, pubblicato sulla rivista Gynecologic Oncology.

Questo è il più vasto studio condotto sull’antigene NY-ESO-1 espresso in pazienti affette da cancro ovarico, e rappresenta anche la prima volta in cui questo antigene viene identificato come marcatore di un tumore più aggressivo” – ha dichiarato il dr. J. Brian Szende, uno degli autori, medico del Dipartimento di Ginecologia Oncologica al Roswell Park.

Nuovi sviluppi nella lotta contro il tumore alle ovaie? I risultati dello studio

Dal gennaio 2002 al giugno 2016, sono state visitate più di 1.000 pazienti con cancro alle ovaie, con lo scopo di indagare l’espressione dell’antigene NY-ESO-1. L’età media della diagnosi del campione è di 61 anni e,  per la maggior parte delle pazienti, la malattia era stata diagnosticata al III o al IV stadio.

Da questo studio è emerso come l’espressione dell’antigene NY-ESO-1 sia associata ad una progressione più rapida della malattia (22 mesi contro i 25 del gruppo di controllo) e ad un minore tasso di sopravvivenza generale (42 mesi contro 50).

Durante il periodo della ricerca, i ricercatori del Roswell Park hanno individuato un totale di 68 pazienti con cancro alle ovaie con NY-ESO-1-positivo. In particolare, le pazienti con NY-ESO-1-espresso, che si erano sottoposte al vaccino antitumorale, avevano un tasso di sopravvivenza maggiore se confrontate con pazienti con NY-ESO-1 che non avevano effettuato il vaccino e pazienti senza NY-ESO-1 espresso.

Questi risultati mettono in evidenza la necessità di indagare in maniera approfondita il ruolo dell’antigene NY-ESO-1 nel cancro alle ovaie e la sua associazione con esiti clinici avversi“- ha affermato Kunle Odunsi, medico e vice direttore del Roswell Park e presidente del Dipartimento di Ginecologia Oncologica.

È probabile che nel giro di qualche anno, la ricerca oncologica sull’antigene NY-ESO-1 si riveli fondamentale per la lotta al cancro ovarico, come è già successo per l’antigene HER2 del cancro al seno“.

Cancro alle ovaie: fattori di rischio, sintomi e diagnosi

Studi recenti suggeriscono che il tumore alle ovaie sviluppa dalle tube di falloppio, per poi muoversi fino alle ovaie, organo che produce le cellule uovo e gli ormoni femminili, estrogeno e progesterone in particolare. I trattamenti per il cancro ovarico sono diventati sempre più efficaci negli anni: se individuato precocemente è ora possibile ottenere dei risultati più favorevoli in termini di remissione della malattia.

Quali sono i sintomi del cancro alle ovaie?

I sintomi comuni del cancro delle ovaie includono:

  • Gonfiore o pressione addominale
  • Dolore addominale o pelvico
  • Sentirsi pieni rapidamente durante i pasti
  • Urinazione frequente

È però importante sottolineare che questi sintomi possono essere causati anche da altre patologie, che non hanno nulla a che vedere con questo tipo di malattia.

Se i sintomi si manifestano in maniera persistente per più di una settimana, il consiglio migliore che possiamo darvi è quello di consultare il vostro medico di fiducia, per individuarne con certezza la causa.

Quali sono i fattori di rischio?

Vediamo ora quali sono i principali fattori di rischio del tumore alle ovaie:

  • Familiarità: I ricercatori affermano che il fattore genetico sia responsabile di circa il 10% dei tumori all’ovaio. Donne con una familiarità per questo tipo di tumore dovrebbero eseguire indagini di screening ogni anno.
  • Età: Il più grande fattore di rischio è proprio l’età. Dopo la menopausa, infatti, il rischio di sviluppare un tumore alle ovaie aumenta drasticamente.
  • Obesità: Donne obese hanno un rischio più elevato e tassi di mortalità maggiori rispetto alla popolazione normopeso.

Come si effettua lo screening?

I due più importanti test di screening si svolgono con semplici esami di routine: l’esame del sangue, dal quale si verificano i livelli della proteina CA-125, e gli ultrasuoni. Sfortunatamente, però, secondo le statistiche, lo screening non sembra avere effetti nel ridurre i tassi di mortalità nella popolazione generale ma solo per i soggetti ad alto rischio.

Come si effettua la diagnosi?

Esami di imaging, come ultrasuoni o TAC, sono essenziali nell’individuazione di un eventuale massa nell’ovaio. Purtroppo, però, questi strumenti non sono in grado di determinare se la massa individua sia cancerogena. Per effettuare una diagnosi è necessario effettuare una biopsia, per mezzo della quale viene prelevato del tessuto dalla massa sospetta per verificare la presenza o meno di cellule tumorali.

Dalla biopsia è poi possibile stabile l’espansione del cancro, che permette di distinguere i vari stadi della malattia:

  1. Stadio I: Limitato ad una o entrambe le ovaie
  2. Stadio II: Si spande all’utero e agli organi nelle vicinanze
  3. Stadio III: Si espande ai linfonodi e alla parete addominale
  4. Stadio IV: Si espande ad altri organi

La maggioranza dei casi di cancro alle ovaie è rappresentato dai carcinomi epiteliali ovarici. Alcuni tumori epiteliali tuttavia possono non essere cancerosi. Questi sono noti come tumori con un basso potenziale di malignità (noti come LMP): crescono molto lentamente e sono anche meno pericolosi rispetto ad altre forme di cancro ovarico.

Quali sono i trattamenti per il tumore alle ovaie?

Il trattamento principale è quello chirurgico. L’intervento di rimozione della massa tumorale ha come obiettivo quello di rimuovere la massa stessa ed eventuali metastasi. Questo può includere una singola ovaia e il tessuto immediatamente circostante se è al I stadio. In stadi più avanzati, potrebbe essere necessario rimuovere entrambe le ovaie, l’utero e i tessuti circostanti.

Dopo l’intervento, c’è buona probabilità di essere sottoposti a chemioterapia, che è tanto più importante quanto più è avanzato il tumore asportato. La radioterapia, invece, non viene quasi mai impiegata nella terapia del carcinoma ovarico se non a scopo palliativo su alcune sedi metastatiche.

 

Mostra commenti
Come prevenire la formazione di coaguli di sangue quando si è in volo
Come prevenire la formazione di coaguli di sangue quando si è in volo
Ipertiroidismo e morte cardiaca improvvisa: qual è la correlazione?
Ipertiroidismo e morte cardiaca improvvisa: qual è la correlazione?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come accorgersi se il menisco è rotto?
Come accorgersi se il menisco è rotto?
Come riconoscere e curare un nodulo alla tiroide
Come riconoscere e curare un nodulo alla tiroide
La menopausa e gli squilibri ormonali
La menopausa e gli squilibri ormonali
Il lupo mannaro esiste davvero?
Il lupo mannaro esiste davvero?