Sei un professionista sanitario? Iscriviti
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery

Cerca

Chiudi
Specialità
Città
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery
Sei un professionista sanitario? Iscriviti

Caduta dei capelli: è davvero colpa delle stagioni?

Caduta dei capelli: è davvero colpa delle stagioni?

Anche i capelli hanno il loro ciclo vitale ed è quindi del tutto fisiologico trovare alcuni capelli nel pettine o nella doccia. Quando tutto va bene e non ci sono patologie, si tratta semplicemente di un ricambio dovuto all’attività ciclica dei follicoli piliferi.

Normalmente, un capello cade quando il follicolo ha iniziato a produrre un nuovo capello pronto a sostituirlo. A differenza di quanto avviene in altre specie animali, l’attività dei follicoli non è sincrona e ogni follicolo lavora in modo indipendente. Le fasi fisiologiche prevedono che nel cuoio capelluto ci sia circa il 90% di follicoli in attività contro il 10% in fase di riposo.

Per questo motivo, un piccolo quantitativo di capelli viene perso quotidianamente, ne perdiamo circa 80 al giorno. Il distacco del capello destinato a cadere è favorito dai traumi meccanici, soprattutto dalla spazzolatura e dal lavaggio. In autunno, il numero di capelli persi quotidianamente sale fino a 100-200 capelli al giorno, provocando ansie e preoccupazioni. 

La perdita autunnale

Recenti studi hanno provato che la caduta autunnale aumenta in relazione alle condizioni climatiche, si pensa che sia determinante l’esposizione al sole durante l’estate. Anche questo, però, è un processo del tutto fisiologico, che non deve preoccupare perché in assenza di specifiche patologie si risolve spontaneamente in 2 o 3 mesi e non richiede alcun trattamento particolare.

Secondo uno studio svedese, che ha coinvolto 800 donne per un periodo di 6 anni, sono proprio le donne a subire maggiormente le perdite di capelli autunnali. Questo perché, dicono i ricercatori svedesi, nel periodo estivo le donne hanno un maggior numero di capelli in fase di riposo, probabilmente come risposta protettiva all’aumento dell’esposizione ai raggi solari. Per questo motivo la caduta, al termine dell’estate, potrebbe essere più consistente.

Ma non è colpa delle stagioni 

Si tratta, in ogni caso, di fenomeni del tutto fisiologici e le stagioni non vanno incolpate della nostra calvizie o dei diradamenti di cui soffrono sempre più donne. Oltre ai problemi di natura genetica, secondo nuove ricerche, ci sono due probabili colpevoli sul banco degli imputati:

  • Stile di vita
  • Stress

Il fumo e l’alcol, innanzitutto, perché l’azione vasocostrittrice di queste sostanze limita l’apporto di sostanze nutritive ai follicoli piliferi, causandone l’invecchiamento prematuro. La dieta non salutare, perché porta a un eccesso di radicali liberi che agiscono anche sui capelli come sul resto dell’organismo, provocandone l’invecchiamento precoce con conseguente indebolimento e caduta.

Alcune ricerche si sono concentrate nello studio dello stress, analizzando uno dei fattori più stressanti nella vita di una donna, vale a dire il divorzio.

In particolare, lo studio condotto dal dr. Bahman Guyuron, presidente del dipartimento di chirurgia plastica della Case Western Reserve School of Medicine di Cleveland, Ohio, ha concluso che lo stress possa essere indicato come un fattore importante nella perdita di capelli tra le donne.

Condotto su 84 coppie di donne gemelle, lo studio è stato organizzato in modo che tutte le partecipanti compilassero un questionario sullo stile di vita prima di essere sottoposte a un test per verificare il livello ematico di ormoni e a una foto analisi dei loro capelli. Le donne divorziate sono risultate molto più a rischio perdita di capelli rispetto a quelle single o felicemente sposate e, dall’analisi dei questionari, sono state trovate evidenti corrispondenze tra l’aumento delle fasi di stress e i periodi di maggior caduta dei capelli.

Quando il corpo è sotto stress l’organismo subisce una costante vasocostrizione, fattore che limita l’apporto di sostanze nutritive ai follicoli. I capelli, quindi, si indeboliscono e cadono perché “affamati” e non nutriti a sufficienza. Alcol e fumo, spesso ancor più presenti nei soggetti sotto stress, hanno gli stessi effetti vasocostrittori e, quindi, contribuiscono decisamente ad “affamare” i capelli [1].

Cosa fare per prevenire la caduta dei capelli

shampoo

La salute dei capelli non segue regole diverse da quelle della salute del resto del nostro organismo. La regola principale, quindi, è quella di condurre una vita sana e attiva e prestare molta attenzione all’alimentazione. Anche i capelli hanno bisogno di proteine, vitamine e sali minerali. Omega3, vitamine A, E e D3 sono particolarmente utili, come la B6 e B8, ed altrettanto importanti per il ciclo vitale dei capelli sono il selenio, la luteina, il coenzima Q10, oltre a zinco, rame e ferro.

Poiché i capelli sono composti di acqua per il 24%, essere sempre ben idratati è altrettanto importante. Anche i capelli traggono beneficio dall’attività fisica, non solo a causa delle tossine che vengono espulse attraverso il sudore. Il lavaggio quotidiano, dopo l’esercizio fisico, regola l’acidità del cuoio capelluto aiutando a mantenere l’ambiente ideale.

Inoltre il massaggio, da effettuare con i polpastrelli e non con le unghie facendo muovere e rialzare il cuoio capelluto, migliora la circolazione del sangue e l’assimilazione delle sostanze nutrienti. Shampoo e prodotti cosmetici, infine, vanno scelti con attenzione sia quanto a composizione chimica che relativamente al proprio tipo di capigliatura e di pelle [2].

Rimedi naturali per la salute dei capelli

Molti rimedi naturali interessano, come già visto, la dieta quotidiana. Cereali integrali, pesce, uova, soia , frutta e verdura non devono mancare nella vostra dieta. In particolare [3]:

  • Omega 3: si trovano nel pesce soprattutto il pesce azzurro ed anche in uova e latte.
  • Vitamina A: favorisce la produzione di sebo del cuoio capelluto. Patate dolci, carote, broccoli, cavolo e mango sono fonti ricche di vitamina A.
  • Vitamina B: sono di vitale importanza per la produzione di melanina, che dà il colore ai capelli. Buone fonti di vitamina B sono le carni di maiale ed il pollame, ma anche pesce, cereali integrali, soia, uova e molte verdure.
  • Vitamina E: promuove la circolazione del sangue nel cuoio capelluto ed è di vitale importanza per mantenere i follicoli attivi. Margarina, olio vegetale, germe di grano e noci sono buone fonti di vitamina E.

Trattamento al fieno greco

fieno greco

Un rimedio naturale, molto usato per prevenire la caduta e favorire la crescita è il trattamento al fieno greco. Conosciuto anche come Methi, il fieno greco è molto efficace nel trattamento di perdita dei capelli. Questi semi contengono precursori di ormoni che favoriscono la ricostruzione dei follicoli piliferi. I semi contengono anche acido nicotinico e proteine, che stimolano la crescita dei capelli. Preparazione: immergere una tazza di semi di fieno greco in acqua per una notte. Macinare i semi fino a farne una pasta; applicare una manciata di pasta sui capelli e poi coprirli bene, ad esempio con una cuffia per doccia; lasciare agire per 40 minuti poi lavare e risciacquare. Il trattamento va ripetuto quotidianamente per un mese.

Trattamento al succo di cipolla

cipolla

Il succo di cipolla ha un alto contenuto di zolfo che aiuta a migliorare la circolazione sanguigna del cuoio capelluto e a rigenerare i follicoli piliferi. Grazie alle sue proprietà antibatteriche, il succo di cipolla può anche contribuire a liberare il cuoio capelluto da eventuali parassiti e germi la cui azione può essere infiammatoria e può causare la perdita dei capelli. Secondo i dati forniti da uno studio condotto nel 2002 , e pubblicato sul Journal of Dermatology, il 74% di coloro che hanno preso parte alla sperimentazione ha ottenuto una significativa ricrescita dei capelli dopo l’applicazione di succo di cipolla sul cuoio capelluto.

Preparazione: grattugiare e spremere una cipolla e scolare il succo; applicare il succo di cipolla direttamente sul cuoio capelluto. Lasciare agire per 20 minuti. Ripetere il trattamento 2 o 3 volte alla settimana per 4-6 settimane.

Trattamento con Aloe Vera

 

cipolla

L’aloe vera è uno dei rimedi domestici più usati per la caduta dei capelli, perché è ricco di enzimi che ne stimolano la crescita. Ha anche proprietà alcalinizzanti che aiutano a bilanciare i livelli di PH dei capelli e del cuoio capelluto. L’aloe vera ha anche azione antiforfora ed è in grado di ridurre il prurito in caso di infiammazione. Modo d’uso: applicare un po’ succo di aloe vera o gel sul vostro cuoio capelluto, lasciar riposare per diverse ore e poi lavare con acqua tiepida; ripetere il trattamento 3 o 4 volte alla settimana. 

Trattamento al latte di cocco

cocco

Il latte di cocco contiene grassi essenziali e proteine ​​che stimolano la crescita dei capelli e sono utili a prevenire la caduta dei capelli. Preparazione: mescolare acqua e latte di cocco, 30- 70% e far bollire per 5 minuti. Filtrare il composto ed applicarlo sul cuoio capelluto. Lasciar agire per 20 minuti prima di lavare i capelli. Per rendere il trattamento ancora più funzionale è possibile mescolare semi di fieno greco in polvere e pepe nero con il latte di cocco.

Massaggio con olio di uova

uova

L’olio ottenuto dal tuorlo delle uova può aiutare a prevenire l’ingrigimento e la caduta dei capelli. Può essere facilmente prodotto in casa ma, poiché da 50 uova si ottengono solo 5 grammi di olio, probabilmente è meglio acquistarlo pronto. Il trattamento è semplice e consiste nel massaggiare i capelli con olio d’uovo prima di andare a letto, lasciandolo riposare durante la notte; al mattino lavare con uno shampoo delicato, meglio se a base di erbe. Il trattamento va ripetuto 3 volte alla settimana per 12 settimane.

Altri trattamenti idratanti prevedono l’uso di altri tipi di oli naturali. Se utilizzate olio caldo non dimenticate che, se troppo caldo, l’olio può causare ingrigimento dei capelli. E’ buona regola non utilizzarlo oltre i 40°C.

Fonti

[1] Female Hair Loss: New Studies Reveal Autumn, Loss of Spouse as Triggers  http://www.hairfoundation.org/blog/female-hair-loss-new-studies-reveal-autumn-loss-of-spouse-as-triggers/

[2] Autumn hair loss http://vitaslim.eu/en/article/view/id/54/title/autumn-hair-loss-nothing-to-worry-about-but

[3] Home Remedies for Hair Fall http://www.enkivillage.com/home-remedies-for-hair-fall.html

comments powered by Disqus