icon/back Indietro Esplora per argomento

Caffeina, può ridurre i sintomi della rosacea: attenzione, però

Tania Catalano | Biologa

Ultimo aggiornamento – 06 Dicembre, 2018

caffeina e rosacea: per alleviare i sintomi

Secondo i ricercatori, i polifenoli presenti nella caffeina possono mitigare i sintomi della rosacea, quella patologia della cute che causa una dermatosi cronica oltre che un antiestetico eritema.

Cerchiamo di capirne di più.

Caffeina: utile per alleviare i sintomi della rosacea

Un nuovo studio ha infatti portato all’evidenza che l’aumento del consumo di caffe può ridurre il rischio di rosacea, un’infiammazione cronica della pelle caratterizzata da eritemi e arrossamento.

Il dr. Rajani Katta, dermatologo e autore della ricerca, ha affermato: “Tale scoperta è davvero sorprendente. Poiché è noto che le bevande calde possano inasprire i sintomi della rosacea, anche il caffè non è mai stato considerato ideale per mitigare i sintomi”.

Il caffè, infatti, era stato in passato considerato come un fattore scatenante della rosacea, capace di inasprirne i sintomi. Tuttavia, gli autori dello studio hanno scoperto che i polifenoli delle bevande a base di caffè possono ridurre gli effetti, se assunte con un dosaggio di quattro porzioni al giorno. Questo è il motivo per cui solo il caffè provoca effetti positivi, e non le bevande decaffeinate, oltre che il tè o la cioccolata.

Inoltre, il caffè ha effetti benefici perché è vasocostrittore, e pertanto riduce la quantità di sangue sulla superficie della pelle, oltre ad avere antiossidanti protettivi e immunosoppressivi, che aiutano a contenere l’infiammazione.

Infine, il team di ricerca ha affermato che la caffeina presente nel nostro amato caffè può aiutare a equilibrare i livelli ormonali associati alla rosacea, come l’adrenalina, la noradrenalina e il cortisolo.

Sì al caffè, ma senza esagerare

Secondo i pareri di diversi dermatologi, sebbene i risultati dello studio siano incoraggianti, non è consigliabile chiedere ai pazienti di aumentare il consumo di caffè, per evitare palpitazioni e nervosismo. Insomma, il caffè non costituisce un piano di azione per contrastare i sintomi della rosacea.

Per i pazienti affetti da tale condizione, esistono ottime terapie farmacologiche e topiche che riescono a determinare la costrizione dei vasi sanguigni.

Anche l’impiego del laser può ridurre l’arrossamento al viso e costituisce un’ottima terapia per i pazienti affetti da rosacea.

Lo stesso dr. Ketta, autore della ricerca, ha posto particolare enfasi sui metodi attraverso i quali è possibile prevenire tale condizione. In primo luogo, è indispensabile evitare tutti i fattori di rischio che inaspriscono i sintomi dell’infiammazione:

  • Eccessiva esposizione al sole
  • Temperature troppo alte
  • Docce troppo lunghe e bollenti
  • Surriscaldamento da esercizio fisico
  • Cibi e bevande calde

In sostanza, la caffeina può aiutare a ridurre il rischio della rosacea, ma i problemi di salute associati alla dose giornaliera raccomandata potrebbero avere un rilievoshu maggiore rispetto ai benefici. Chi è affetto da rosacea e consuma caffè deve comunque assicurarsi che la temperatura della bevanda non sia alta a tal punto da scatenare la malattia.


FONTE

Lo studio (Association of Caffeine Intake and Caffeinated Coffee Consumption With Risk of Incident Rosacea In Women) è stato pubblicato nell’ottobre 2018 sulla rivista JAMA Dermatology.

Condividi
Tania Catalano | Biologa
Scritto da Tania Catalano | Biologa

Sono laureata in Scienze Biologiche e sto per conseguire la laurea Magistrale in Biologia Sanitaria e Cellulare Molecolare. Nei lavori di stage presso diversi laboratori di analisi biochimico cliniche ho approfondito la diagnostica clinica e immunologica. Mi occupo di giornalismo medico scientifico e approfondisco spesso la relazione tra nutrizione e patologie cronico-degenerative.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Tania Catalano | Biologa
Tania Catalano | Biologa
in Salute

247 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Contenuti correlati
Una dermatologa
Caviglie gonfie e macchie rosse sulle gambe

Caviglie gonfie e macchie rosse: scopri tutto quello che devi sapere sulla dermatite da stasi: cause, fattori di rischio, diagnosi e trattamenti.

ragazza si gratta un braccio
Punture di insetti: come riconoscerle?

Clicca qui per osservare alcune immagini delle più comuni punture di insetto e per scoprire come comportarsi in queste spiacevoli circostante.

icon/chat