Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. La caffeina: una soluzione contro lo stress

La caffeina: una soluzione contro lo stress

Ultimo aggiornamento – 09 Luglio, 2015

Un esperimento sui topi ha rilevato che la caffeina ha un effetto benefico in situazioni di stress e ha individuato i percorsi neurochimici coinvolti nel processo. I ricercatori suggeriscono anche che lo studio potrebbe portare un giorno a terapie mediche per malattie legate allo stress negli esseri umani.

Ma, mentre la ricerca stessa è importante, non dobbiamo dimenticare che lo stress è una normale reazione umana agli eventi e l’ultima cosa di cui abbiamo bisogno è un altro farmaco psichiatrico che ignora la radice del problema. Ricerche precedenti hanno mostrato un certo numero di effetti positivi della caffeina, per esempio sulla prevenzione della depressione. Questo studio è il primo a scoprire i percorsi neurochimici che consentono alla caffeina di prevenire alcuni degli effetti negativi delle tensioni quotidiane sul cervello.

L’azione della caffeina

La caffeina è nota per inibire nel cervello i recettori dell’adenosina chimica, che controllano anche gli effetti negativi dello stress: bloccando i recettori il gioco è fatto.

I risultati sono importanti, perché come tutti sappiamo lo stress cronico colpisce molte persone. La ricerca è stata condotta su dei topi messi in situazioni di disagio che includevano il letto umido, la condivisione dello spazio di vita con gli altri, la privazione di acqua e cibo, bagni freddi e gabbie inclinate a 45 °. Come si poteva immaginare i poveri topi hanno subito mostrato le conseguenze comportamentali e neurologiche di questi esperimenti.

Negli esseri umani, lo stress cronico può anche avere conseguenze disastrose. Ad esempio, è stato dimostrato che la crisi economica negli anni tra il 2008 e il 2010 può essere la causa del suicidio per 1.000 persone nel Regno Unito. Cerchiamo quindi di capire come lo stress ci colpisce e di trovare dei modi per aiutare le persone (e i topi) a conviverci e superare i momenti di maggiori difficoltà.

Eventi stressanti emotivamente e fisicamente hanno conseguenze cognitive, emotive, fisiche e comportamentali negative. Dato che noi elaboriamo le informazioni nel cervello, utilizzando neurotrasmettitori, è ovvio che ci sarà un percorso neurologico o una traccia dietro i comportamenti indotti da stress. Sarebbe bello sapere di più su quel percorso perché forse ci potrebbe anche aiutare a diventare più resistenti o recuperare più velocemente dagli eventi difficili della vita.

Questo studio è molto valido perché c’è la spiacevole tendenza a etichettare le emozioni indesiderate come sintomi di “malattia” e potrebbe indurci a trattare le persone con meno empatia di quanto dovremmo, a ignorare le cause della sofferenza e procurare delle cure mediche inadeguate.

Mostra commenti
Meningite: vaccino si o no?
Meningite: vaccino si o no?
Blu: il colore per combattere la malattia del sonno
Blu: il colore per combattere la malattia del sonno
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
AMICI Onlus lancia il videoconsulto con Pazienti.it per garantire sostegno ai pazienti con Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino
AMICI Onlus lancia il videoconsulto con Pazienti.it per garantire sostegno ai pazienti con Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino
Sinusite addio, con i rimedi omeopatici
Sinusite addio, con i rimedi omeopatici
Ashwagandha per combattere lo stress
Ashwagandha per combattere lo stress
Salvavita anziani: come funzionano e come scegliere quello giusto?
Salvavita anziani: come funzionano e come scegliere quello giusto?