Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Colesterolo: conosciamolo meglio

Colesterolo: conosciamolo meglio

Ultimo aggiornamento – 31 marzo, 2016

Indice

Ormai si sente spesso parlare del colesterolo e dei rischi che comporta avere il colesterolo alto, ma sappiamo veramente cos’è?

Ecco i punti principali da conoscere per capirlo meglio.

Che cosa è il colesterolo?

Spesso associamo il colesterolo ai cibi grassi, ma la maggior parte della sostanza è creata dal nostro stesso corpo. Il fegato produce il 75% del colesterolo che circola nel sangue. L’altro 25% proviene dal cibo. A livelli normali, il colesterolo in realtà svolge un ruolo importante nell’aiutare le cellule a fare il loro lavoro.

Sintomi del colesterolo alto

Il colesterolo alto non causa alcun sintomo, ma causa danni in profondità all’interno del corpo. Nel corso del tempo, il troppo colesterolo può portare a un accumulo di placca all’interno delle arterie. Nota come aterosclerosi, questa malattia restringe lo spazio disponibile per il flusso del sangue e può provocare malattie cardiache. La buona notizia è che il colesterolo alto è semplice da rilevare e ci sono molti modi per combatterlo.

Test del colesterolo

Le persone di età superiore ai 20 anni dovrebbero controllare i loro livelli di colesterolo almeno una volta ogni quattro o sei anni. Il test viene fatto con un semplice esame del sangue, noto come “profilo lipoproteico” e che misura le diverse forme di colesterolo che circolano nel sangue. Il test mostra i livelli di colesterolo “cattivo”, colesterolo “buono” e trigliceridi.

Il colesterolo ‘cattivo’

La maggior parte del colesterolo nel sangue è portato da proteine chiamate lipoproteine a bassa densità o LDL. Questo è noto come il colesterolo cattivo perché si combina con altre sostanze e intasa le arterie. Una dieta ricca di grassi saturi e grassi trans tende ad aumentare il livello di colesterolo LDL.

Il colesterolo ‘buono’

Fino a un terzo del colesterolo nel sangue è costituito da lipoproteine ad alta densità o HDL. Questo è chiamato colesterolo buono perché aiuta a rimuovere il colesterolo cattivo, impedendole di ostruire l’interno delle arterie. Più alto è il livello di colesterolo HDL, meglio è. Le persone con troppo poco colesterolo buono hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiache. Mangiare grassi sani, come l’olio d’oliva, può contribuire a rafforzare il colesterolo HDL.

I trigliceridi

Il corpo converte le calorie in eccesso, zucchero e alcool in trigliceridi, un tipo di grasso che viene trasportato nel sangue e immagazzinato nelle cellule adipose di tutto il corpo. Le persone che sono in sovrappeso, inattive, i fumatori o i bevitori pesanti tendono ad avere alti livelli di trigliceridi, così come quelli che seguono una dieta ad alto contenuto di carboidrati. Un punteggio trigliceridi di 150 o superiore mette a rischio per la sindrome metabolica, che è legata a malattie cardiache e il diabete.

Il colesterolo totale

La misura di colesterolo totale è la combinazione di LDL, HDL e VLDL (lipoproteine a bassissima densità) nel sangue. VLDL è un precursore di LDL, il colesterolo cattivo. Un punteggio di colesterolo totale a meno di 200 è considerato sano nella maggior parte dei casi.

Il colesterolo nel cibo

Gli alimenti ricchi di colesterolo, come le uova, i gamberi e le aragoste non sono più completamente vietati. La ricerca ha dimostrato che il colesterolo che mangiamo ha un piccolo effetto sui livelli di colesterolo nel sangue per la maggior parte delle persone.

Il colesterolo e la storia familiare

Alcune persone ereditano i geni che innescano la produzione di troppo colesterolo. Per altri, la dieta è il principale colpevole: grassi saturi e colesterolo sono presenti in alimenti di origine animale, tra cui carne, uova e latticini a base di latte. In molti casi, il colesterolo alto deriva da una combinazione di dieta e genetica.

Cosa aumenta il rischio?

Diversi fattori possono aumentare la probabilità di sviluppare il colesterolo alto:

  • Una dieta ad alto contenuto di grassi saturi e colesterolo
  • Una storia familiare di colesterolo alto
  • Essere in sovrappeso o obesi
  • Invecchiamento

Perché così tanta attenzione al colesterolo alto?

Il colesterolo alto è uno dei principali fattori di rischio per le malattia coronariche, l’infarto e l’ictus. Sembra che possa anche aumentare il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer. Come abbiamo visto in precedenza, il colesterolo alto porta ad un accumulo di placca che restringe le arterie. Questo è pericoloso perché può limitare il flusso di sangue. Se l’afflusso di sangue a una parte del cuore o il cervello è completamente assente, il risultato è un attacco di cuore o un ictus.

 

 

Mostra commenti
Guarire le ferite con i vermi
Guarire le ferite con i vermi
11 consigli per occhi più sani
11 consigli per occhi più sani
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Sangue nelle feci, dall’ulcera al Morbo di Crohn: quali esami effettuare
Sangue nelle feci, dall’ulcera al Morbo di Crohn: quali esami effettuare
10 esami che una donna dovrebbe fare dopo i 50 anni
10 esami che una donna dovrebbe fare dopo i 50 anni
Piede diabetico: quando l’amputazione è necessaria
Piede diabetico: quando l’amputazione è necessaria
Bilanci di fine anno? Lo champagne potrebbe aiutarvi a ricordare tutto
Bilanci di fine anno? Lo champagne potrebbe aiutarvi a ricordare tutto